Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Eva Jospin non può lasciare il bosco, né vuole

Eva Jospin non può lasciare il bosco, né vuole

Santificare crayères Reims, i tentacolari tunnel sotterranei risalenti agli antichi romani del I secolo d.C., sono portali per un lontano passato. Un tempo mezzo di comunicazione in tutta la Gallia (il nome originale della regione), i labirinti di cave profonde in qualche modo esistono ancora nella loro forma originale, ma ora appartengono ai produttori di champagne della regione, i cui fertili campi di vigneti traggono vita dai chilometri di terreno che sezionano i mondi. . Il loro prodotto, il glorioso succo frizzante la cui semplice menzione indica l’eccezionale, ha definito la regione con un artigianato lussuoso. Camminando oggi attraverso il rivestimento cavernoso della Terra, racchiusa nel gesso e nella terra, si verifica una certa dissonanza. Non si può fare a meno di contemplare l’interno mentre si attraversa il vuoto, di cui è impossibile non osservare l’ambiente circostante.

Fotografato da Matteo Bonifi, Eva Jospin. Tutte le foto fornite da aritst e Ruinart.

Eva Jospin Ha percorso molto questa strada. Selezionato per Roinart 2023 Carta Bianca Il programma, una serie tipo artist-in-residence in cui al collaboratore viene data essenzialmente piena libertà creativa, cita la storia della casa di Champagne e il paesaggio topografico della regione come catalizzatore di “The Park(s),” che appena aperto a Le Carreau du Temple a Parigi. Le opere della mostra effimera si basano sulla passione duratura di Jospin per le foreste e su una nuova astrazione di paesaggi minerali e botanici apparentemente familiari e indefiniti. Lo descrive come “un universo completamente nuovo”, creato dalle idee e dai simboli che conosciamo – probabilmente a causa del periodo di studio di architettura di un anno di Jospin – così come dalle immagini che ha concepito “dal nulla”.

Molto di questo appare in “Parchi” in opere come “Piccoli chef(“Piccoli capolavori”), colline fluttuanti che rimandano all’architettura rinascimentale italiana, terreni fatiscenti e la cattedrale di Notre-Dame de Reims dove furono incoronati 35 re di Francia.Queste opere non sarebbero state tradotte dalle mani di nessun altro in ambienti digitali per videogiochi, ma attraverso Jospin è un piccolo gateway per altri luoghi.

READ  Blocco reale "nebbia di memoria": esperto OST
Eva Jospin Ruinart fumetto d'arte

Come il suo studio principale, la maggior parte delle opere che Jospin ha creato per Roynart carte blanche utilizza il cartone come figura centrale. “È un materiale umile”, spiega Jospin, che ha utilizzato il cartone ondulato come materiale pregiato per immaginare grotte decorate e foreste incantate nell’ultimo decennio e mezzo. Nel suo studio parigino, l’artista, diplomata all’École Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi e precedentemente esposta al Palais de Tokyo, ha completato la mostra Villa Medici Residenza, in congiunzione con Dior Stratifica centinaia di appartamenti insieme prima di intagliare a mano le pile. Attraverso intricate fasi di rasatura, levigatura e incisione, Jospin scolpisce la propria topografia, modellando strutture fantasiose con dettagli di livello rinascimentale da qualcosa altrimenti scartato. L’effetto è uno spostamento tra vecchio e nuovo, stravaganza e stravaganza. “Il mio lavoro è simbolico, ma non illustrativo”, insiste l’artista. “È un composito, ed è una piccola parte di tutto”. Altrove in dipinti notevoli, 4 fortiD’accordo, ricordando le opere precedenti dell’artista V.I Cours Carré al Museo del Louvre E Musée de la Chasse.

Eva Jospin Ruinart fumetto d'arte
Eva Jospin, 4 forti, 2023.

Jospin rappresenta la seconda donna nel programma annuale di Champagne House, che in precedenza comprendeva Vik Muniz, Jeppe Hein e David Shrigley. Dopo la conclusione di “Promenade (Promenade)”, le opere della curatela si lasceranno l’una dall’altra per viaggiare in giro per il mondo per essere esposte in varie mostre d’arte. Per il resto dell’anno la si potrebbe incontrare al TEFAF di New York o al Frieze di Londra, sia attraverso il lavoro in mostra che attraverso la teca che ha costruito per Ruinart sul Jeroboam di Blanc de Blancs. Come “Promenade”, il pezzo in edizione limitata accoglie gli spettatori in un caleidoscopio di colori scolpito da strati di cartone, solo che questa volta su scala ridotta. Gli elementi per continuare il progetto erano importanti per Jospin. “Sono ancora nella caverna”, dice, “sono ancora nella foresta”.

READ  I fan delle vere casalinghe che si concentrano sui capelli da sposa da $ 10.000 di Teresa Giudice potrebbero perdere i dettagli del suo hijab

Iscriviti alla newsletter dell’educatore

Certo, possiamo essere amici intimi. L’accesso non filtrato attende.