Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Esperti giapponesi realizzano una “sorprendente riproduzione” del murale afgano della valle di Bamiyan devastata dai talebani

I ricercatori giapponesi hanno creato una “magnifica riproduzione” di un murale afgano distrutto dai talebani, utilizzando un misto di tecniche tradizionali e digitali che sperano di salvare lo “spirito” del lavoro per le generazioni future.

Nessuna parte della pittura rupestre del VII secolo è stata demolita nel 2001 insieme a due colossali statue di Buddha e altri manufatti nella valle di Bamiyan in Afghanistan, un atto di distruzione che ha suscitato la condanna globale.

Ma una replica esatta, il risultato di tre anni di moderni sforzi di riproduzione, è stata mostrata in un museo di Tokyo a settembre e ottobre, poche settimane dopo il ritorno al potere dei talebani a Kabul.

L’affresco sul soffitto di una grotta vicino alla famosa statua raffigura un bodhisattva blu – o una persona che sta per diventare Buddha.

Lunga sei metri e alta tre, il team di clonazione dell’Università delle Arti di Tokyo ha definito la complessa versione a grandezza naturale un “clone eccellente”.

“Siamo riusciti a ricreare una rappresentazione molto accurata in tre dimensioni”, ha affermato il co-leader del team Takashi Inoue, dalla trama al tipo di vernice.

Un uomo afghano passa davanti ai resti di una gigantesca statua del Buddha distrutta dai talebani nel marzo 2001 a C
I resti della gigantesca statua del Buddha distrutta dai talebani nel marzo 2001, ed è uno dei tanti manufatti culturali distrutti.(Reuters)

Il Giappone è uno dei principali donatori dell’Afghanistan ed è stato a lungo coinvolto negli sforzi per la protezione del patrimonio a Bamiyan, un crocevia di antiche civiltà considerato uno dei luoghi di nascita del buddismo giapponese.

Il team ha elaborato digitalmente più di 100 immagini scattate dagli archeologi giapponesi del murale prima che fosse profanato, per creare un modello computerizzato della sua superficie.

Hanno quindi inserito questi dati in una macchina che ha intagliato la forma esatta in uno stampo di polistirolo.

Per completare la replica, gli artisti hanno applicato la pittura tradizionale in una tonalità di lapislazzuli simile alla pittura utilizzata nell’affresco originale.

“Possiamo riprodurre disegni molto simili a quelli reali più e più volte, per trasmettere il loro spirito alle generazioni future”, ha affermato Inoue, professore specializzato in patrimonio culturale eurasiatico.

“Fermiamo il vandalismo. Teniamo insieme l’inestimabile cultura, il patrimonio dell’umanità”.

Tutto può essere digitale

Giorni prima che le forze statunitensi si ritirassero dall’Afghanistan ad agosto, i combattenti talebani invasero Kabul, suscitando timori di un ritorno al loro brutale governo dal 1996 al 2001.

Il nuovo regime insiste nel voler proteggere il patrimonio archeologico dalla distruzione.

Per lo storico Kosaku Maeda, co-leader del Tokyo Breeding Team, le immagini “estremamente scioccanti” dei Buddha giganti che scompaiono in nuvole di polvere sono ancora vivide nella memoria.

Ma ha detto che il loro lavoro mostra che il sabotaggio è “senza senso” di fronte alla tecnologia moderna, dove “tutto può essere digitalizzato”.

In una recente visita dei giornalisti dell’AFP a Bamiyan, i militanti talebani hanno fatto la guardia alle cavità rocciose che un tempo ospitavano due statue di Buddha.

La costruzione di un centro culturale e museo sostenuto dall’UNESCO da 20 milioni di dollari era ancora in corso a Bamiyan a ottobre, sebbene la sua apertura prevista per quest’anno sia stata posticipata a causa dell’acquisizione da parte dei talebani.

Maeda ha detto che il suo sogno era quello di costruire un “museo della pace” separato nella valle e, se possibile, esporre lì la pittura rupestre.

“Non possiamo riportarlo al suo luogo di origine, ma voglio restituirlo a Bamiyan come un’eredità storica che la popolazione locale può ereditare”, ha affermato Maeda, che è anche membro del Comitato dell’UNESCO per la protezione dell’Afghanistan Eredità culturale.

Agenzia di stampa Francia

READ  Il magnate dei media di Hong Kong Lai blocca le azioni ai sensi della legge sulla sicurezza | Notizie sulle proteste di Hong Kong