Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che l’Europa è l’unica regione che ha visto un aumento dei decessi per COVID-19

I casi confermati sono aumentati del 6% a livello globale, ha affermato l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, guidata dagli aumenti nelle Americhe, in Europa e in Asia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel suo rapporto settimanale sull’epidemia pubblicato alla fine di martedì, ha affermato che i decessi per Covid-19 in tutte le regioni tranne l’Europa sono rimasti stabili o bassi, per un totale di 50.000 in tutto il mondo la scorsa settimana.

Il personale dell’impresa di pompe funebri tira una bara su una carrozza mentre arriva all’obitorio dell’ospedale di emergenza universitario per portare una vittima di COVID-19 per la sepoltura, a Bucarest, in Romania. (AFP)

Dei 3,3 milioni di nuove infezioni segnalate, 2,1 milioni provenivano dall’Europa.

Questa è stata la settima settimana consecutiva in cui i casi di COVID-19 hanno continuato ad aumentare nei 61 paesi e territori che l’OMS conta nella sua regione europea, che si estende attraverso la Russia fino all’Asia centrale.

Mentre circa il 60% delle persone nell’Europa occidentale è completamente immune al COVID-19, solo circa la metà di loro è vaccinata nella parte orientale del continente, dove i funzionari lottano per superare la diffusa esitazione sui vaccini.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che da luglio le infezioni sono in calo in Africa, Medio Oriente e sud-est asiatico.

Una donna che indossa una maschera usa il suo telefono cellulare in una metropolitana a Lisbona, in Portogallo. (AFP)

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che il maggior numero di nuovi casi in Europa si è verificato in Russia, Germania e Gran Bretagna. Ha osservato che i decessi sono aumentati del 67 percento in Norvegia e del 38 percento in Slovacchia.

L’agenzia sanitaria in precedenza ha descritto l’Europa come l’epicentro della pandemia in corso e ha avvertito che potrebbero esserci altri 500.000 morti entro febbraio se non fossero state prese misure urgenti nel continente.

La scorsa settimana, l’Austria ha imposto severe restrizioni alla circolazione delle persone non vaccinate, i Paesi Bassi e alcuni altri paesi europei hanno reintrodotto misure di blocco per cercare di rallentare l’infezione e il Regno Unito ha deciso di introdurre dosi di richiamo per tutte le persone con più di 40 anni.

READ  Tonga segnala il suo primo caso di COVID-19