Giugno 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Esperti cinesi ed europei hanno affermato che la salute è prima di tutto un diritto umano

Il professor Enrico Totti, che studia diritto cinese presso la Rome Tri University, è stato intervistato da Xinhua durante il China-European Symposium on Human Rights a Roma, Italia, l’8 giugno 2021. Esperti e funzionari cinesi ed europei si sono riuniti qui per un simposio sulla L’organizzazione per i diritti umani ha affermato in Pandemic Tuesday che la salute è il primo e più importante diritto umano. (Xinhua/Cheng Tingting)

(XINHUA) ROMA, 8 GIU. Esperti e funzionari cinesi ed europei riuniti qui per un seminario sui diritti umani nell’epidemia hanno sottolineato che la salute è il primo e più importante diritto umano.

Luca Rizzo Nervo, deputato al Parlamento italiano e membro della Commissione Sanità della Camera dei Deputati, ha dichiarato al Simposio sino-europeo sui diritti umani che “è imperativo non sprecare le enormi lezioni che il COVID ci ha dato, in particolare oggi, quando vediamo all’orizzonte la possibilità di vittoria su questa epidemia”.

Ha detto: “La prima lezione è che la nostra salute è il primo e ultimo diritto, da cui dipendono tutti gli altri diritti. Il diritto al lavoro, alle relazioni e al benessere, nasce dalla capacità di garantire il diritto delle persone alla buona salute. “

Per questo, ha aggiunto, i singoli Paesi e la comunità globale nel suo insieme devono porre l’assistenza sanitaria al centro delle proprie strategie di investimento, tenendo presente che la salute è il più grande bene di sviluppo.

Il deputato italiano ha affermato che un’altra lezione riguardava la necessità di prevenzione, tuttavia, la necessità di una strategia globale sui virus con la cooperazione internazionale nella ricerca e sviluppo di cure e vaccini.

READ  I prezzi delle azioni di lusso aumentano mentre Louis Vuitton alza le spalle dalla pandemia

“Dobbiamo rafforzare gli strumenti e le misure di prevenzione, soprattutto nel mondo interconnesso di oggi in cui tutto ruota. Abbiamo goduto della bellezza di scambiare persone, relazioni, prodotti e materie prime. Purtroppo si diffondono anche malattie e virus. Quindi dobbiamo rafforzare una strategia di prevenzione”. “

Parlando anche il dott. Benti Mikkelsen, direttore della divisione delle malattie non trasmissibili (NCD) presso l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

“La priorità è proteggere le vite”, ha detto Mikkelsen. “Il virus non discrimina, ma i suoi effetti sì”, ha affermato, sottolineando che “il divario tra paesi ad alto e basso reddito è stato più ampio a causa del virus Corona”, con più persone che muoiono di malattie non trasmissibili durante l’epidemia nei paesi poveri. paesi che nei paesi poveri. più ricco di loro.

“Il virus contagia tutti e non ci sono differenze”, ha detto Carlo Capria, esperto di internazionalizzazione delle imprese che ha parlato di “importanza di sostenere la Cina e la ripresa economica”.

“Per quanto riguarda l’aiuto che la Cina ha dato al mondo, noi (Italia) siamo stati un po’ fortunati. Dopo un inizio molto difficile, abbiamo avuto la possibilità di capire come organizzarci per difendere la vita delle persone – che è il regalo più grande per ciascuno di noi”, ha detto Capria a Xinhua.

Il professor Enrico Totti, professore di diritto cinese all’Università Tri di Roma, ha dichiarato a Xinhua di ritenere che “l’importanza di convegni come questo risieda nello scambio di informazioni e valori, sia in Italia che in Cina”.

Dal 1997 Totti si è recato in Cina, dove ha condotto un dottorato di ricerca e ha insegnato all’Università di Shanghai.

READ  La lobby imprenditoriale afferma che l'economia italiana ha visto una crescita del 4,1% quest'anno

Riguardo alla tutela dei diritti umani durante le epidemie, Totti ha detto: “Non importa dove ti trovi nel mondo, avrai un certo grado di pressione delle libertà personali. Questo è inevitabile, ma questa pressione sulle libertà individuali avviene al servizio delle libertà collettive. solidarietà, ma è necessario che queste restrizioni restino in vigore per un periodo di tempo limitato”.

Ha osservato che l’unica cosa che l’Italia potrebbe essere in grado di imparare dalla Cina a causa dell’epidemia è “la velocità di risposta delle istituzioni di fronte a determinati eventi”.

Gli esperti e i funzionari cinesi partecipanti, tra cui l’ambasciatore cinese in Italia Li Junhua, hanno parlato degli sforzi umanitari della Cina durante l’epidemia, come la distribuzione di 300 milioni di dosi di vaccini COVID-19 ad altri paesi.

Hanno sottolineato che la vita umana viene prima di ogni altra cosa e che solo attraverso la cooperazione il mondo può sconfiggere un virus che non conosce confini.

Il simposio è stato organizzato dall’Istituto per i diritti umani della Southwestern University of Political Science and Law (SWUPL) nella municipalità di Chongqing in Cina e dal Chongqing Center for Social Equal Development. Patrocinato dalla Società Cinese per gli Studi sui Diritti Umani e dalla rivista Cina in Italia (Cina in Italia). Enditem