Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

È morto all'età di 82 anni il celebre pianista italiano Maurizio Pollini

È morto all'età di 82 anni il celebre pianista italiano Maurizio Pollini

È morto Maurizio Pollini, il pianista italiano vincitore del Grammy Award che si esibiva spesso al Teatro alla Scala di Milano. Ha 82 anni.

Pollini è morto sabato, ha detto la Scala in un comunicato. L'annuncio non specificava la causa della morte, ma Pollini è stato costretto a cancellare un concerto al Festival di Salisburgo nel 2022 per problemi cardiaci.

Nel corso di sessant'anni di carriera internazionale, il repertorio di Pollini si è espanso oltre i classici standard. Ha abbracciato i capolavori dell'inizio del XX secolo di Igor Stravinsky, Arnold Schönberg e Anton Webern, così come i modernisti del dopoguerra come Karlheinz Stockhausen, Pierre Paulus e Luigi Nono.

La Scala ha definito il pianista “uno dei più grandi musicisti del nostro tempo e riferimento fondamentale nella vita artistica del teatro da più di cinquant'anni”.

Pollini era considerato un pianista di eccezionale potere intellettuale, la cui tecnica senza rivali e la sua spinta interpretativa ispiravano gli ascoltatori a riflettere profondamente.

Nasce a Milano il 5 gennaio 1942 da una famiglia di artisti. Suo padre, Gino Pollini, era un violinista e un importante architetto razionalista. Sua madre, Renata Melotti, cantava e suonava il pianoforte, e anche suo fratello, Fausto Melotti, fu un pioniere della scultura astratta.

“Sono cresciuto in una casa con arte e artisti”, ha detto Pollini in un'intervista. “Le opere antiche e le opere moderne convivono come parte della vita.”

Pollini iniziò a dare concerti prima del suo decimo compleanno, eseguendo gli Studi di Chopin all'età di 14 anni, e poi all'età di 18 anni vinse il Concorso pianistico internazionale Chopin come il più giovane pianista straniero tra 89 concorrenti.

READ  Tres Dingle di Mizola firma un accordo pro-basket in Italia

Il presidente della giuria Arthur Rubinstein ha detto che il giovane pianista “suona già meglio di chiunque di noi”.

Dopo il primo riconoscimento internazionale, però, Pollini ha sospeso la carriera per dedicarsi agli studi, spiegando che recitare adesso sarebbe stato “un po' prematuro” per lui.

“Volevo leggere, volevo padroneggiare le abilità, volevo suonare la musica di Beethoven, Schubert, Brahms”, ha detto.

Alla fine degli anni '60 Pollini partecipò a concerti improvvisati nelle fabbriche e a programmi per studenti e operai della Scala diretti dall'amico di lunga data Claudio Abbado.

Nel corso della sua lunga carriera internazionale, ha collaborato con altri famosi direttori d'orchestra tra cui Riccardo Muti, Daniel Barenboim e Riccardo Saili.

Pollini fece la sua prima tournée americana nel 1968. Dagli anni '70 agli anni '90 ha effettuato una serie di registrazioni con l'etichetta Deutsche Grammophon, diventando un rinomato interprete di classici come Beethoven, Schumann e Schubert.

I suoi album hanno vinto numerosi premi, tra cui un Grammy nel 2007 per il miglior assolo strumentale (senza orchestra) per Chopin: Nocturnes.

Lascia la moglie Marilisa e il figlio Daniel, rinomato pianista e direttore d'orchestra.