Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Disastro della Superga di Torino: come un incidente aereo ha spazzato via all’istante una delle più grandi squadre di calcio

Disastro della Superga di Torino: come un incidente aereo ha spazzato via all’istante una delle più grandi squadre di calcio



CNN

Umberto Mutu ha sempre sognato di giocare nel Torino. Sognava di indossare la maglia bordeaux della squadra davanti a migliaia di tifosi entusiasti. Sognava di sentire il suo nome annunciato mentre scendeva in campo al Philadelphia Stadium.

Mutu, un giovane locale nato nella città settentrionale italiana di Torino e capitano della squadra giovanile del club torinese, sembrava destinato a rappresentare il club della sua infanzia.

Il suo sogno si era avverato – e prima di quanto si aspettasse – ma oggi era un vero incubo.

Il 4 maggio 1949 Mutu stava facendo fare un giro a Torino a due clienti della fabbrica dei suoi genitori, che produceva magliette per il Torino e la Nazionale italiana.

Mutu ricorda la fitta nebbia che gravava sulla città e racconta che la pioggia non cessò per sette giorni consecutivi, provocando in alcuni punti l’esondazione del fiume Po.

Il tempo era così brutto che Mutu ha deciso di abbandonare le visite turistiche in città e portare i visitatori alla collina di Superga e alla Chiesa di Superga che domina Torino, sperando almeno di rimandare a casa i turisti con una vista indimenticabile.

Ma il tempo era peggiore e la nebbia impediva loro di vedere a pochi metri davanti ai loro volti, per non parlare della città sottostante. Sulla via del ritorno a Torino i tre si fermarono a prendere un caffè e Mutu ricorda di aver parlato con il proprietario del bar di quanto fosse insolitamente brutto il tempo.

Quando tornarono in città, furono accolti da un altro spettacolo insolito: le strade erano piene di macchine che suonavano il clacson.

“Pensavamo che fosse successo qualcosa di bello”, dice Muto, ora 93enne, alla CNN.

Per gentile concessione di Umberto Mutu

Umberto Mutu da giocatore delle giovanili del Torino.

Mutu è tornato nella sede cittadina dell’FC Torino dove è stato accolto dal custode del palazzo, Mario Lanati, che lo ha rapidamente accompagnato al piano di sopra.

“Umberto, dovresti sapere che è successo qualcosa di catastrofico”, gli disse Lanati. “L’aereo è precipitato.”

Uno Shaar confuso rispose: “Quale aereo?”

La risposta di Lanati cambierà irrevocabilmente la vita di Moto e quella di tutti coloro che sono legati al Torino.

READ  Squadra, squadra, squadra: una modella italiana promette di fare un giro in autobus nuda per la città se il Napoli vince la Champions League

L’aereo di cui parlava Lanati trasportava quasi tutta la rosa della prima squadra del Torino proveniente da Lisbona, in Portogallo, dove stava disputando un’amichevole contro il Benfica.

Mentre l’aeroporto di Torino-Ireitalia si avvicina A causa delle condizioni atmosferiche, l’aereo si schiantò contro il fianco della collina di Superga, uccidendo tutte le 31 persone a bordo.

Tra i morti ci sono 18 giocatori della prima squadra del Torino, allenatori, giornalisti sportivi italiani e membri dell’equipaggio dell’aereo. Rimane uno dei più grandi disastri sportivi della storia, eliminando all’istante una delle più grandi squadre che il calcio italiano abbia mai conosciuto.

La squadra del Torino, soprannominata “Grand Torino” per i suoi incredibili successi, era sul punto di conquistare il quinto titolo consecutivo di Serie A, mentre i suoi giocatori costituivano all’epoca anche la spina dorsale della Nazionale italiana.

L’effetto sulla città e sui suoi abitanti fu devastante. L’autore Roberto Benigno ha trascorso anni intervistando le persone colpite e racconta il sentimento di perdita nel suo libro “Torino Eterna” Pubblicato in inglese nel 1975 Memoria del disastro.

“Quei giocatori che sono morti a Superga erano molto amichevoli”, ha detto Benigno alla CNN. “Potevi vederli in tutta la città. Andavano negli stessi ristoranti, negli stessi cinema, nelle stesse panetterie in cui andavano i loro sostenitori.

“Così, quando sono morti, c’era, come squadra, un profondo senso di perdita, ma anche nella città stessa. Erano presenti in tutti i luoghi e le persone erano in grado di parlare con loro aveva perso un parente.”

Per gentile concessione di Umberto Mutu

Giulio Andreotti (a sinistra) si congratula con il Capitano Giovanile Mutu (secondo a destra) per il titolo iridato.

Oltre alle cicatrici emotive ancora visibili 75 anni dopo, il costo sportivo per il Torino è stato “catastrofico”, afferma Benigno.

Il club non aveva né i soldi né le casse per i trasferimenti che ha oggi. Benigno spiega che in campo c’era tutto il capitale del Torino. Sono i giocatori.

I club sono stati solidali durante il calvario del Torino. In una certa misura. Benigno dice che altre squadre italiane hanno prestato – e addirittura donato – giocatori al Torino.

“Ma non i migliori giocatori, ovviamente”, aggiunge.

READ  Medaglia d'oro per il pugile di Lurgan Casey Henderson (14 anni), che ha vinto il Campionato Europeo Scolastico battendo in Slovenia l'italiana Gaya Caldarella

Il presidente del club Ferruccio Nuovo ha cercato disperatamente di ricostruire la squadra ma non è riuscito a raggiungere il suo obiettivo.

“Ha avuto l’idea di creare una seconda squadra come il Grand Torino e di acquistare le stelle, onorando questi giocatori, ma anche mantenendo i risultati ottenuti”, dice Benigno.

Ma non c’erano soldi e il supporto delle altre squadre non era sufficiente.

Dopo aver vinto cinque scudetti consecutivi, il Torino ha vinto il titolo di Serie A solo una volta in 75 anni, alzando il trofeo nel 1975 e nel 1976.

Per gentile concessione di Roberto Pennino

“Torino immortale” di Roberto Pennino è uscito in tre lingue.

Ancora cercando di elaborare ciò che Lanathi gli aveva detto, Mutu continuò a negare. Pensava che questo fosse assolutamente impossibile. Era appena stato sulla nave di Superga e non aveva visto né sentito nulla.

Lanathi fece sedere Motu davanti alla radio e gli chiese di ascoltare. La seguente notizia ha confermato la tragedia.

Man mano che i minuti e le ore passavano lentamente, sempre più persone appartenenti al club cominciavano ad arrivare alla sede; Il resto dei componenti delle giovanili, le mogli dei giocatori e infine il presidente del club, Novo.

Mutu ricorda che Novo, che non ha potuto recarsi a Lisbona a causa di un malore, è stato afferrato da due tifosi quando è entrato nell’edificio. “Era completamente devastato, come tutti noi”, dice Moto.

Al-Shaar dice che Novo considerava la squadra più come figli che come giocatori.

All’edificio avevano accesso anche alcuni giornalisti che facevano domande ai presenti, ricorda Mutu. Non incontrarono altro che silenzio.

“Nessuno ha avuto il coraggio di parlare”, dice Muto. “Perché abbiamo capito che di fronte a una situazione come questa non c’è possibilità di dialogo”.

Giorni dopo, le famiglie dei giocatori hanno ricevuto le cartoline che erano state inviate loro mentre la squadra era a Lisbona, un dettaglio toccante che secondo Benigno gli fa ancora venire i brividi.

Per gentile concessione di Roberto Pennino

Stemma presso il Monumento di Superga accanto a Pennino (a sinistra).

Con solo quattro partite alla fine della stagione, il resto del campionato e la Federazione Italiana si sono accordati per assegnare lo scudetto al Torino, ma la squadra deve ancora finire la stagione.

READ  La Gambian Volleyball Federation firma un contratto quinquennale con l'allenatore italiano

La Federazione accettò la proposta del Torino di far giocare la sua squadra giovanile, all’epoca campione d’Italia, contro le giovanili delle restanti quattro squadre.

Prima della prima partita contro il Genoa – appena 11 giorni dopo l’incidente – Mutu ricorda che Novo entrò nello spogliatoio e abbracciò ogni giocatore individualmente, prima di dire loro: “Ragazzi, i vostri padroni vi guardano”.

Anche l’arbitro ha avuto parole di incoraggiamento, secondo Mutu. L’arbitro dice ai giocatori del Torino: “Forza ragazzi: Forza ragazzi”.

Come capitano delle giovanili, Mutu è stato nominato capitano anche per le restanti quattro partite e ha guidato la squadra in campo contro il Genoa al Philadelphia Stadium. Il logo lo ha reso così. Il suo sogno è diventato realtà. È successo nelle circostanze più inimmaginabili.

Le giovanili del Torino battono 4-0 il Genoa in un’atmosfera che il logo non dimenticherà mai. Il livello di rumore normalmente riservato solo alla porta aumenta dalle tribune ad ogni passaggio effettuato dalla squadra.

Dopo la vittoria sul Genoa, il Torino ha continuato a ottenere vittorie su Palermo, Sampdoria e Fiorentina nelle ultime partite della stagione. “Hanno onorato i loro insegnanti nel miglior modo possibile”, dice Benigno.

Si stima che fino a 700.000 tifosi fossero in fila per le strade mentre le bare dei giocatori venivano trasportate attraverso la città solo due giorni dopo l’incidente.

Per gentile concessione di Roberto Pennino

Monumento “Grande Torino” a Superga.

Oggi il club continua a onorare i suoi eroi e sabato 75 terrà una messa Ricordo del disastro, nel cimitero monumentale di Torino, dove sono sepolti alcuni giocatori.

Nel pomeriggio è prevista la Messa nella Chiesa di Superga, prima di concludere la giornata con la preghiera al Sacrario del Torino FC, in cima alla collina.

“Essi “Se ne parla ancora ogni anno”, dice Benigno. “Il 4 maggio sono stati consegnati i nomi sul Colle di Superga. È un doveroso omaggio a questi grandi giocatori”.