Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Decine di migranti curdi annegano dopo il ribaltamento di un’imbarcazione vicino all’Italia

Decine di migranti curdi annegano dopo il ribaltamento di un’imbarcazione vicino all’Italia

Un’imbarcazione con a bordo persone provenienti dal Kurdistan iracheno si capovolge al largo delle coste italiane, almeno 40 persone annegano

La maggior parte dei morti proveniva dalla regione del Kurdistan iracheno, compresi i curdi iraniani che hanno dovuto affrontare minacce dall’Iran.

Nel 2024, più di 10.000 persone provenienti dall’Iraq hanno cercato asilo in Europa. [Getty]

Quasi 30 persone, tra cui donne e bambini provenienti dal Kurdistan iracheno, sono annegate il 15 giugno quando un’imbarcazione che trasportava circa 80 persone si è capovolta al largo delle coste italiane. Fonti affermano che anche molti curdi provenienti dall’Iran e dalla Turchia sono stati uccisi nel pericoloso tentativo di emigrare in Europa. Nuovo arabo.

La guardia costiera italiana ha affermato che il naufragio è avvenuto a circa 120 miglia nautiche al largo della Calabria.

Secondo una fonte informata che ha parlato a condizione di anonimato TNALe autorità hanno recuperato 40 corpi, 10 persone e altre 26 disperse.

Tra i morti c’erano due famiglie curde di Erbil, capitale della regione del Kurdistan iracheno (IKR), e almeno quattro persone della provincia di Sulaymaniyah, tra cui donne e bambini. Tra le vittime figuravano curdi provenienti dall’Iran e dalla Turchia.

Quasi 30 delle persone uccise erano IKR, inclusi molti combattenti Peshmerga affiliati all’opposizione curda iraniana che cercarono rifugio in Europa a causa delle minacce provenienti dall’Iran. “La maggior parte dei sopravvissuti sono curdi dell’IKR e dell’Iran, con alcuni afgani. I principali trafficanti provengono dalla Turchia e dall’IKR e finora sono sfuggiti alla cattura”.

Ogni anno, decine di migliaia di persone provenienti dall’Iraq e dall’IKR intraprendono il pericoloso viaggio verso l’Europa, in fuga dagli alti tassi di disoccupazione, dall’instabilità politica e dalla corruzione.

READ  Panoramica della crisi italiana Brembo in Ucraina dopo la caduta del margine del quarto trimestre

Solo nel 2023, circa 20.000 persone hanno lasciato l’Iraq e l’IKR, con almeno nove morti segnalati attraverso rotte migratorie pericolose e illegali. Nel 2024, secondo la Fondazione Summit for Refugees and Displaced Persons (Ludka), più di 10.000 persone provenienti dall’Iraq hanno cercato asilo in Europa.

16 curdi iracheni erano tra le 27 persone che hanno tentato di attraversare le pericolose acque della Manica nel novembre 2021. Il crescente utilizzo di piccole imbarcazioni per effettuare la traversata negli ultimi anni sottolinea la difficile situazione dei rifugiati in fuga dalla guerra e dalle difficoltà economiche. Molte di queste persone pagano somme considerevoli ai trafficanti in cerca di asilo e migliori opportunità in Gran Bretagna.

Barzan Majeed, noto come “Lo Scorpione”, è stato arrestato nella città di Sulaimaniya a marzo a seguito di una richiesta dell’Interpol e di un ampio scambio di informazioni di intelligence.