Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dacci crediti: perché così tanti film ora impiegano 40 minuti per iniziare? | film

meSe i film non dovessero essere annunciati in anticipo, il pubblico sarebbe in grado di provare una sensazione completamente nuova, buona e fresca. Potevano passare la prima mezz’ora ad assaporare questo atteggiamento cinico nei confronti delle frustrazioni degli appuntamenti moderni, con Daisy Edgar Jones e Sebastian Stan, senza rendersi conto che il film stava per passare da Sleepless di Seattle a Saw. Almeno la regista, Mimi Keefe, ha un trucco che ti confonde anche se sai che sta arrivando: ha trattenuto i titoli di testa fino al segno dei 33 minuti. Questo definisce le due parti contraddittorie del film, esprimendo anche a livello strutturale l’idea che qualcosa non va. Se questo è È l’inizio del film, quindi cosa abbiamo visto esattamente finora?

Chiunque sia andato lontano con Drive My Car di Ryusuke Hamaguchi, candidato all’Oscar, lo saprà. Ho visto il film in un cinema affollato dove c’erano ondate di erratismo quando i titoli di apertura sono usciti dopo circa 40 minuti. Ai tempi della celluloide, c’era sempre la possibilità che le bobine fossero disposte nell’ordine sbagliato, quindi ora era divertente vedere quelle vecchie abitudini analogiche prendere piede, i pochi di noi giravano sui nostri posti a fare smorfie allo stand dello spettacolo .

Nel riorganizzare gli arredi essenziali del cinema, Cave e Hamaguchi portano un nuovo tipo di tensione nell’arte delle sequenze di apertura. I riconoscimenti hanno sempre avuto la tendenza a accontentarsi in modo sproporzionato di quegli incipit che mostrano un’evidente abilità tecnica, come le sparatorie a colpo singolo di Touch of Evil, The Player e Johnnie To’s Ultime notizie. L’ultimo di questi inizia con una feroce battaglia di sei minuti nelle strade di Hong Kong, dove la telecamera sale ripetutamente al livello di un cecchino prima di tornare alla scena della mischia dalla prospettiva del verme.

READ  Elogio: Commemorazione dell'incomparabile pianista Radu Lobo
Breaking News (2004) di Johnnie To inizia con una battaglia di strada di sei minuti filmata con una telecamera che gira in alto e in basso.
Breaking News (2004) di Johnnie To inizia con una battaglia di strada di sei minuti filmata con una telecamera che gira in alto e in basso. Fotografia: Hirotake Okazaki/Media Asia Films/Allstar

Anche un lieve smarrimento può essere sufficiente per attirare la nostra attenzione, come è successo durante l’apertura quasi silenziosa della commedia di Billy Wilder del 1972. Avanti! Perché mai Jack Lemmon dovrebbe convincere uno sconosciuto a cambiarsi d’abito con lui nel bagno angusto su un volo per l’Italia? Dopo sette minuti, la lira scende. Una scena tranquilla può anche funzionare su un pubblico come ipnosi. Niente bombe, proiettili o bufale da bagno nello scatto di apertura di otto minuti e mezzo di Ho Hsiao Hsin. Fiori di Shanghai. La telecamera fissa assonnata le varie figure chiacchiere raccolte attorno al tavolo da salotto a lume di candela di un bordello del 19° secolo. Il tè viene versato, i giochi vengono giocati, i fan si aprono con stile – e ne siamo dipendenti.

Una sequenza di apertura efficace ha molte opzioni, ma cosa rende una sequenza di apertura davvero eccezionale? “Le aperture di maggior successo sono quelle che stuzzicano la curiosità o l’interesse del pubblico piuttosto che informarlo”, afferma il veterano editore. Paul Hirsch. “Ma devi stare attento. C’è una differenza tra suscitare la curiosità di qualcuno e confonderlo. “

Hirsch ha vinto un Oscar per il suo lavoro in Star Wars (Episodio IV: Una nuova speranza), anche se non ha specificato l’inizio di quel film come modello. “Star Wars si apre con questa striscia di testo che circola sullo schermo. Ho sempre pensato che se non l’avessimo fatto, le persone avrebbero comunque capito cosa stava succedendo. Non credo che il modo migliore per iniziare un film sia quello di lanciare molte informazioni in grembo al pubblico”.

Più creative sono le undici immagini che Hirsch ha realizzato di Brian de Palma, tra cui Sisters, Carrie e Blow Out. De Palma nutre un disprezzo speciale per i registi che sprecano questi preziosi minuti di apertura. “Quando inizi un film con una ripresa in elicottero di Manhattan, o quelle riprese noiose dell’auto che entra in un edificio, voglio dire, non è un’idea”, ha detto nel 2010. Un film quando il pubblico è pronto Nulla. Perdere quel tempo con alcune noiose riprese geografiche mi sconcerta.” Hirsch ricorda che De Palma gli disse: “Se spari a una macchina, sparami”.

Ottanta anni condensati in 11 minuti all'inizio di Pixar's Up (2009).
Ottanta anni condensati in 11 minuti all’inizio di Pixar’s Up (2009). Foto: Archivio AF / Al-Alamy

Le sorelle iniziano con un uomo che guarda una donna cieca iniziare a spogliarsi dopo essere entrata accidentalmente nello spogliatoio degli uomini; Blow Out inizia con un campo lungo dal punto di vista dell’assassino. Nessuna delle due sequenze era proprio come sembrava: la prima si è rivelata un estratto da un programma televisivo in stile Candid Camera, e la seconda era un finto film horror chiamato Co-Ed Frenzy. De Palma ha realizzato sequenze di apertura più complesse (Snake Eyes inizia con una ripresa itinerante di 13 minuti che introduce il personaggio drammatico E il stabilisce la trama centrale della trama) ma la sua tattica è quella di tirare fuori il tappeto da sotto i nostri piedi quando riusciamo a malapena a superare la porta d’ingresso, il che è molto terrificante e divertente.

Molte delle migliori sequenze di apertura di Hirsch – ha anche montato Falling Down, che inizia con Michael Douglas che si innervosisce in un ingorgo di Los Angeles – durano circa cinque o sei minuti. È questo il momento perfetto per una buona apertura, l’equivalente del classico pop di tre minuti? “Non ci ho pensato”, dice, alzando le spalle. “La sequenza ti dirà quanto tempo dovrebbe essere. Quando tagli, continui a tornare indietro e a suonare ‘Cosa c’è che non va in questa immagine?’ finché non trovi più nulla che non va”.

Un vantaggio della lunga sequenza di apertura è che è ben posizionato per creare una pausa narrativa prima dell’inizio del film vero e proprio. Pensa alla straziante introduzione all’animazione Pixar Up, che comprime un goffo 80enne in 11 minuti, o alla relazione che prende vita prima di concludersi nei 18 minuti di apertura di Eternal Sunshine of the Spotless Mind.

Oggi è tornato di moda il tipo di lungo flashback che esisteva più di 30 anni fa in Indiana Jones e l’ultima crociata. Quell’editoriale di otto minuti mostra come l’eroe del film (interpretato da River Phoenix da adolescente) ha acquisito la sua paura dei serpenti, la sua abilità con la frusta, la cicatrice sul mento e il fedora in testa. Il Signore degli Anelli: Il Ritorno del Re inizia con flashback del fatidico giorno in cui Sméagol (Andy Serkis) inizia la sua transizione verso il brutale Gollum. L’ultima puntata di La morte sul Nilo inizia spiegando perché il detective belga Hercule Poirot (Kenneth Branagh) si è fatto crescere per la prima volta i suoi caratteristici baffi, rendendo il film non solo un criminale, ma perché è cresciuto.

Teen River Phoenix nel ruolo della giovane Indy in Indiana Jones e l'ultima crociata (1989).
Teen River Phoenix nel ruolo della giovane Indy in Indiana Jones e l’ultima crociata (1989). Fotografia: Landmark Media / Al Alami

L’uso più non convenzionale della sequenza di apertura estesa nel cinema mainstream moderno è stato in No Time to Die. Anche se non è il primo film di James Bond in cui il protagonista perde il ruolo principale (l’onore va a Vivi e lascia morire), è l’unico film che inizia con un flashback dell’infanzia di un personaggio secondario. I fan di Bond aspettavano per sempre la sequenza dei titoli di testa, ma No Time to Die ha battuto i suoi predecessori: sono trascorsi 24 minuti prima che il titolo apparisse sullo schermo.

È stato solo in questo secolo che i registi hanno davvero iniziato a sfruttare il potere di blocco di quel tradizionale marchio di svolta. I crediti per Rojo (2018) di Benjamín Naishtat, una storia sugli sconvolgimenti politici in Argentina a metà degli anni ’70, compaiono solo 23 minuti dopo. . “Se una regola viene modificata, inizi naturalmente a pensare al motivo per cui esiste, un filo di pensiero per il quale sospetti che i manager di Rojo e Drive My Car applaudirebbero. Dopotutto, Drive My Car è tutto incentrato sul dover fare le cose diversamente — Il suo protagonista interpreta lo zio Vanya in diverse lingue — mentre la storia di Rojo parla dell’effetto pernicioso di seguire ciecamente le regole senza pensare. [about] che servono i loro interessi.

Daisy Edgar Jones, a sinistra, e Gogo T. Gibbs in una scena di Fresh.
Daisy Edgar Jones, a sinistra, e Gogo T. Gibbs in una scena di Fresh. Foto: per gentile concessione di Searchlight Picture/AP

Una pausa o un intervallo di questo tipo ci invita anche a riprendere fiato. “Ritardare i crediti può essere un modo per creare una pausa”, dice O’Sullivan. “Sembra un’idea vecchio stile. Ma è un piacere avere il tempo di elaborare le informazioni quando c’è così tanto da assorbire”.

Se la stranezza strutturale di Fresh and Drive My Car continua, questa bellissima impostazione di 30-45 minuti potrebbe diventare la nuova normalità per i titoli inaugurali. Apichatpong Weerasethakul è arrivato per primo, aspettando tre quarti d’ora prima di rilasciare i crediti per il film drammatico del 2002. felice per te; Yoshihiro Nishimura ha seguito l’esempio in modo orribile Heildriver (2010). Nessuno sembra essere andato così lontano dall’agitatore giapponese Seon Sono: i titoli del suo indicibile fantasy, horror, commedia e thriller esasperante esposizione all’amore (2008) cade a 58 minuti, con altre tre ore di lavoro rimanenti. Ovviamente, il trailer originale del 1940 per il fantasy della Disney è stato completamente eliminato, il che pone una domanda filosofica: se un film non aveva titoli di apertura, è davvero iniziato?

Fresh è disponibile su Disney+. Drive My Car inizia a Mubi dal 1 aprile.