Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Crisi energetica: la metà dei paesi della zona euro è in recessione, prevede il capo del FMI

Si prevede che l’economia europea sarà duramente colpita dalla crisi energetica causata dalla guerra russa in Ucraina, ha affermato l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, con almeno la metà dei 19 paesi che utilizzano l’euro in recessione.

“L’orizzonte è stato molto scuro nell’ultimo anno”, ha detto giovedì Kristalina Georgieva a Euronews.

“Un anno fa, ci stavamo riprendendo dal COVID e abbiamo concluso con una crescita globale di oltre il 6%. Poi due shock: Omicron e la guerra russa in Ucraina non solo hanno fermato la ripresa, ma l’hanno invertita”.

Georgieva ha incontrato Sasha Fakulina, caporedattrice di Euronews, dopo aver tenuto un discorso all’evento Making Markets Work for People a Bruxelles.

“Priorità numero uno [is] Combattere e vincere contro l’inflazione. che cosa significa? Inasprimento delle condizioni finanziarie. Ha notato che i tassi di interesse sono in aumento.

“Quando le banche centrali frenano, i ministeri delle finanze non possono premere l’acceleratore”.

Il capo del FMI non ha colto le sue parole: il quadro che ha dipinto dell’economia globale era inequivocabilmente cupo, con il costo della vita in peggioramento della crisi e il rallentamento dello slancio in Asia e in America.

Per l’Europa, le prospettive sono ancora più fosche.

“L’Europa sta risentendo più duramente dell’aumento dei prezzi dell’energia. Il caldo è sulle economie europee al punto che prevediamo effettivamente che metà dei paesi dell’eurozona sperimenterà almeno due quarti di crescita negativa. In altre parole, stagnazione”, ha affermato. detto, senza nominare i paesi.

Una recessione è generalmente definita come due trimestri consecutivi di crescita negativa del PIL.

“Solo per darti un’idea di quanto sia stato significativo il colpo all’Europa, le nostre precedenti previsioni sulla pandemia e le nostre attuali previsioni differiscono di mezzo trilione di euro”, ha affermato.

READ  Come Maria Sol Ferragamo ha trasformato una passione d'infanzia in un grande business

“In altre parole, la perdita subita dagli europei è una perdita molto tragica”.

nelle sue ultime previsioniIl Fondo monetario internazionale ha stimato che la zona euro si espanderà del 3,1% nel 2022 ma solo dello 0,5% nel 2023. Il prossimo anno, Germania e Italia dovrebbero registrare tassi rispettivamente di -0,3% e -0,2%.

Il 2023 sarà più difficile del 2022

Lodando i responsabili politici dell’UE per aver fornito un sostegno “mirato, tempestivo e temporaneo” a famiglie e imprese in difficoltà finanziarie, Georgieva ha affermato che l’obiettivo principale deve rimanere sulla fornitura di energia per riequilibrare domanda e offerta.

Ma grandi sfide ci attendono.

Ha dichiarato: “Non lo inzuccherò: il 2023 sarà più duro del 2022. Il prossimo inverno in Europa potrebbe essere anche più duro di questo”.

“Perché? Perché i responsabili politici europei hanno agito molto rapidamente per riempire le scorte di gas. Se le condizioni rimangono le stesse con la Russia che non fornisce gas all’Europa, come verrà riempito questo deposito di gas l’anno prossimo?”

L’Unione Europea ha superato il 93% della sua capacità negli impianti di stoccaggio sotterranei. La corsa allo shopping, sebbene di successo, ha portato a un aumento dei prezzi del gas È il massimo storico in agosto.

Ma Georgieva ha attirato l’attenzione sull’ottimismo, affermando che l’attuale crisi energetica sarebbe un importante impulso alle tecnologie verdi nello stesso modo in cui la pandemia ha accelerato la trasformazione digitale.

“È straziante vedere di nuovo la guerra nelle nostre terre, di nuovo i profughi e di nuovo l’immensa sofferenza degli assediati. Pensavamo che questo non si sarebbe mai ripetuto. E io, secondo me, sono ancora alle prese con questa immagine dell’Europa in guerra. “

READ  In mezzo al panico del Delta, l'UE si aspetta una maggiore crescita dell'eurozona

“La domanda principale oggi in Europa è: l’Europa può rimanere unita e il pubblico può essere coinvolto in questo momento difficile?”

Parlando dell’economia russa, Georgieva ha previsto contrazioni nel 2022 e nel 2023, insieme a devastanti ripercussioni a medio e lungo termine.

“Uno, [Russia] Perde l’accesso alla tecnologia che avrebbe aiutato il paese a modernizzare e diversificare la sua economia. In secondo luogo, perde persone. “L’afflusso di russi, in particolare russi altamente qualificati, a causa della guerra è dannoso per la Russia”, ha aggiunto.

Terzo, perdere il suo ruolo nell’economia globale.