Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa dovrebbe fare l’Italia per evitare un rallentamento economico?

Cosa dovrebbe fare l’Italia per evitare un rallentamento economico?

Le riforme fiscali e di spesa sono essenziali in un Paese in cui il debito pubblico è pari al 140% del Pil, afferma un nuovo rapporto dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

annuncio

Stringere la cinghia è una delle misure chiave per sostenere la crescita a lungo termine dell’Italia, ha affermato l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nella sua indagine economica sull’Italia che esamina più da vicino le prospettive del paese.

Il rapporto riconosce che l’economia italiana è riuscita a superare le recenti crisi, ma avverte che ora sta rallentando a causa dell’inasprimento delle condizioni finanziarie. Al fine di garantire una crescita forte e sostenibile a lungo termine, l’OCSE raccomanda all’Italia di adottare un cambiamento nella tassazione, affrontando la proprietà e il consumo piuttosto che l’occupazione, nonché di attuare riforme al sistema pensionistico e sostenere l’occupazione di giovani uomini e donne. Le donne, tra gli altri.

Economia Italiana – Le sfide

Piace Euronews Business ha precedentemente riferito che la terza economia europea si trova ad affrontare un'enorme quantità di sfidecompresi i bassi tassi di occupazione e la presenza di finanze pubbliche in condizioni precarie.

Il Paese si è comportato bene subito dopo la pandemia di Covid-19, con un massiccio sostegno fiscale che ha aiutato il PIL a recuperare i livelli pre-pandemia entro la metà del 2021, con la disoccupazione che ha raggiunto livelli storicamente bassi.

Tuttavia, il sostegno fiscale non può sostenere la crescita indefinitamente.

Nelle sue ultime previsioni, la Banca d’Italia stima che il Pil rallenterà ulteriormente nel 2024, scendendo allo 0,6% dallo 0,7% del 2023.

Si prevede che la crescita del PIL sarà leggermente superiore allo 0,7% per il 2024 e all’1,2% nel 2025.

READ  I voli sono regolamentati per viaggiare nell'era del Covid

Si prevede che la domanda interna, in particolare i consumi privati, sarà uno dei principali motori di questa crescita. Secondo l’OCSE, il tasso di inflazione potrebbe sostenerlo. Si prevede che l’inflazione complessiva (compresi i prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia) rallenterà in modo significativo, dal 5,9% nel 2023 al 2,6% e al 2,3% nel 2024 e 2025, rispettivamente.

Anche gli investimenti pubblici hanno mostrato segnali di ripresa e si prevede che continueranno a sostenere l’economia nei prossimi anni, afferma il rapporto dell’OCSE.

Tuttavia, la crescita a lungo termine potrebbe essere ostacolata dai costi crescenti dell’elevato debito pubblico del paese, che ammonta a circa il 140% del PIL, il terzo livello più alto nell’OCSE.

Senza cambiare rotta, si prevede che la spesa pubblica per i costi legati all’invecchiamento e per il servizio del debito in percentuale del PIL aumenterà di circa il 4,5% tra il 2023 e il 2040. Secondo il rapporto, sono necessarie riforme fiscali e di spesa per contribuire a riportare il debito su un percorso più prudente. alla cautela.

Cosa raccomanda l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico

L’OCSE ritiene che i futuri bilanci italiani, a partire dal 2025, dovranno mantenere un delicato equilibrio tra i tagli alla spesa che non affrontano la crescita a lungo termine e l’inserimento del debito su un percorso più prudente. “La crescita della spesa deve essere contenuta, ma allo stesso tempo gli investimenti pubblici dovrebbero essere protetti per ridurre gli effetti collaterali negativi sulla crescita”, afferma il rapporto.

Per ridurre i costi a lungo termine, l’OCSE raccomanda la riforma delle pensioni, in particolare per ridurre le pressioni sulla spesa da parte dei pensionati ad alto reddito e ridurre i costi amministrativi. Raccomanda inoltre l’adozione di riforme per migliorare la qualità dei servizi pubblici.

READ  L’UE lancia un pacchetto sull’economia digitale per il Kenya per promuovere la connettività, le competenze e la governance inclusiva

Dal lato delle entrate, spostare le imposte dal lavoro alla proprietà e ai consumi proteggerebbe le entrate fiscali, rendendo al tempo stesso il sistema più favorevole alla crescita.

Il rapporto elogia le riforme in corso nel campo della giustizia civile e della pubblica amministrazione, sottolineando che contribuiranno ad aumentare gli investimenti e la produttività delle imprese. Tuttavia, consiglia di ridurre ulteriormente le barriere normative per aiutare le nuove aziende a entrare nel mercato e rafforzare la concorrenza.

C’è ancora molto da fare per aumentare le opportunità di lavoro

Il tasso di occupazione è in costante aumento nel paese a causa degli elevati tassi di disoccupazione giovanile e della bassa partecipazione femminile al mercato del lavoro. L’OCSE ritiene che si possa fare di più per migliorare i numeri.

I rimedi, secondo l’Ocse, sono l’istruzione e la formazione, nonché l’ampliamento dell’accesso all’istruzione pubblica per la prima infanzia e l’incentivazione del congedo di paternità.

La transizione verde del Paese ha subito un rallentamento

Le abbondanti risorse di energia solare dell’Italia e la bassa intensità energetica della sua economia hanno aperto la strada al raggiungimento della transizione climatica. Tuttavia, il ritmo della riduzione delle emissioni è rallentato negli ultimi dieci anni, ha affermato l’OCSE, sollecitando ulteriori sforzi politici per accelerare la riduzione delle emissioni. Raccomanda di aumentare le tasse sui combustibili fossili e di semplificare l’installazione di capacità di energia rinnovabile.

annuncio

“I trasporti possono essere resi più neutrali dal punto di vista delle emissioni di carbonio investendo nella rete ferroviaria e promuovendo i veicoli elettrici”, ha aggiunto.