Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come un adolescente curioso ha messo Apple nei guai legali, una possibile indagine del governo degli Stati Uniti

Come un adolescente curioso ha messo Apple nei guai legali, una possibile indagine del governo degli Stati Uniti

James Gill è un sedicenne di Bethlehem, Pennsylvania, che negli ultimi mesi ha causato alcuni problemi ad Apple. L'interesse di una generazione nell'imparare come funziona il servizio iMessage di Apple ha portato alla nascita di una nuova app che tenta di rompere il monopolio del gigante tecnologico nella sua bolla blu, mentre una potenziale causa da parte del governo degli Stati Uniti potrebbe essere in arrivo.

Il sedicenne era a scuola e lavorava a turni occasionali in un ristorante McDonald's quando ha deciso di porsi l'obiettivo personale di imparare come funzionava l'app iMessage di Apple.

“Volevo solo spiegare come funzionano alcune funzionalità… Da adolescente, ho molto tempo a disposizione per portare a termine le cose.” Gill ha detto a ABC Net.

“Volevo sapere come funzionava, e sapevo che era possibile… ho continuato a lavorarci… Era solo curiosità, volevo sapere come funzionava e anche che sarebbe stato bello giocarci Con lei, sai?” – aggiunse l'adolescente.

Durante le sue vacanze estive di metà anno, Gil iniziò a notare come un dispositivo non Apple e Apple si stesse registrando sui server del gigante tecnologico con sede a Cupertino. Nel tentativo di capire come funzionava iMessage, Jill ha decodificato il protocollo iMessage utilizzando un programma chiamato “Pypush”.

Avvia l'alternativa a iMessage per Android:

Gill ha poi pubblicato le sue scoperte su Github, dove alcuni utenti hanno compreso l'importanza del progetto, mentre altri hanno addirittura indicato un interesse commerciale per un progetto del genere.

L'adolescente ha poi inviato un messaggio al CEO della società di software statunitense Beeper, Eric Migicowski, raccontandogli di Pypush. L'uomo d'affari canadese ha poi ammesso che la scoperta di Gill è stata la “svolta decisiva” che ha aiutato la sua azienda a sviluppare un'app per aggirare il protocollo iMessage.

“Oh mio Dio! Funziona? Nessuno l'ha mai fatto prima”, ha risposto Migicowski al messaggio. Ha anche offerto a Gill un lavoro presso Beeper che ha pagato 10 volte lo stipendio che gli era stato offerto da McDonald's.

Utilizzando la scoperta di Jill, Beeper ha lanciato il mese scorso un'app autonoma chiamata Beeper Mini che è stata pubblicizzata per aiutare gli utenti a ottenere “bolle blu su Android”. L'app ha avuto un successo immediato ed è stata scaricata più di 100.000 volte in soli due giorni dal lancio. lancio.

Spiegando come funziona Beeper Mini in interazione con TechCrunch, Migicowski ha affermato: “Non siamo più realmente un intermediario. La ricerca che abbiamo svolto sta effettivamente decodificando il protocollo iMessage, fino allo strato più basso del protocollo. Quindi, Beeper Mini non utilizza il server Mac come relè è come tutte le altre app: hanno un Mac Mini in un data center da qualche parte. Quando invii un messaggio, in realtà stai inviando un messaggio al Mac Mini, che quindi lo inoltra a iMessage.

Tuttavia, appena tre giorni dopo il lancio di Beeper Mini, Apple ha iniziato a bloccare l'accesso della tecnologia a iMessage, sostenendo che proteggeva la sicurezza e la privacy degli utenti iPhone. Beeper ha provato a trovare modi alternativi di lavorare e Apple ha trovato nuovi modi per vietare l'app. Tuttavia, il 22 dicembre, Beeper ha finalmente deciso di abbandonare il tentativo di portare Blue Bubbles su Android, affermando che non poteva vincere il gioco del gatto e del topo con la più grande azienda del mondo.

READ  Adobe Firefly genererà immagini AI per Google Bard

Problemi legali in arrivo per Apple:

E non è finita qui, poiché la senatrice americana Elizabeth Warren si è chiesta perché Apple avrebbe limitato l’accesso a Beeper Mini quando l’app stava lavorando per raggiungere la parità tra utenti Android e iOS.

Successivamente, un gruppo bipartisan di quattro politici statunitensi ha scritto una lettera al Dipartimento di Giustizia chiedendogli di indagare su Apple per “condotta anticoncorrenziale”. Il rapporto ABC Net, citando i media statunitensi, ha osservato che il Dipartimento di Giustizia sta preparando un caso antitrust contro Apple, concentrandosi su come il colosso della tecnologia utilizza il suo hardware e software per rendere difficile ai clienti abbandonare le sue offerte.

Apri un mondo di vantaggi! Dalle utili newsletter al monitoraggio dell'inventario in tempo reale, dalle ultime notizie al newsfeed personalizzato: è tutto qui, con un solo clic! Accedi ora!