Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come l’italiana Gia Borghini è diventata un marchio globale

Che tu abbia visto le silhouette eleganti di Gia Borghini su celebrità come Hailey Bieber, Ashley Graham o Gabrielle Union-Wade, o sulle pagine di rivenditori online come Farfetch, il marchio di calzature con sede in Italia ha creato la propria gamma di scarpe di fascia alta e borse – e costituisce una solida custodia per la sostituzione delle scarpe da ginnastica.

Un marchio di moda che segue una celebrità non è un caso, Kia Borghiniche veniva dall’Italia: il suo fondatore — o ArchitettoÈ molto appropriato – Barbara Borghini, sempre elegante, circondata dalla moda haute couture (molti marchi tradizionali sono italiani), l’importanza di una costruzione di alta qualità e un forte senso dell’intuizione.

“Sono un vero italiano, quindi lascio che le mie emozioni e il mio intuito mi guidino più della logica”, condivide Borghini. “Non è una cosa perfetta per chi gestisce un’impresa, ma sono molto onesto al riguardo. Penso che le donne siano naturalmente più intuitive, che è la nostra più grande forza e ci permette di destreggiarci e destreggiarsi tra molte cose nella vita.

Lanciata nel 2016, Gia Borghini è tornata rapidamente allo stato “it” quando l’influencer e stilista danese Bernil Teisback ha creato una collaborazione con il marchio.

Gia Borghini prende il nome dalla figlia di Borghini, Ginevra, che secondo Barbara era una “potente fonte di ispirazione”. Non è un caso che sia apparso sulla scena nel 2016, poiché l’empowerment femminile è uno dei pilastri principali del marchio.

Kia Borghini è sinonimo di qualità di pezzi senza tempo, ballerine (sempre con un tocco unico che è diventato la caratteristica distintiva di Kia Borghini), stivali o tacchi: il marchio sostiene gli artigiani italiani locali perché crede nel potere e nella bellezza dell’artigianato. . Il marchio ha recentemente aggiunto borse e occhiali al suo assortimento di prodotti.

Zia Borghini è nota per le sue collezioni curate con celebrità come Rosie Huntington-Whiteley, con la sua collezione in edizione limitata dopo l’attesissimo autunno. Morte a Berna. Avvio con Teisbaek ha avuto un tale successo che nella primavera del 2021 lo stilista è stato assunto come consulente creativo.

Con una community molto impegnata di 200.000 follower su Instagram, distribuzione in oltre 500 rivenditori online e fisici e un pubblico di amanti della moda in attesa delle nuove collezioni di Kia Borghini, l’intuizione di Borghini è chiara.

Scopri come il potere dell’intuizione e le giuste collaborazioni influenti hanno avuto un ruolo nella fulminea ascesa di Kia Borghini nel panorama della moda.

Karin Elder: Qual è stata la scintilla o la svolta che ti ha portato a lanciare Kia Borghini?

Barbara Borghini: Dopo anni passati a essere una mamma casalinga, completamente concentrata sulla mia famiglia, stavo cercando una nuova esperienza ed esplorato la mia profonda passione per le scarpe. Ho anche capito subito che avere a portata di mano i migliori artigiani di Firenze aveva un grande potenziale.

Anziano: Come hai identificato un’opportunità o una lacuna nel mercato? È molto interessante perché vieni dall’Europa e soprattutto dall’Italia. Hai individuato una nicchia per il tuo marchio che tende ancora a costruire e sagome belle ea un’artigianato di alta qualità.

Borghini: Molte aziende di calzature all’epoca – nel 2016 – erano costruite da uomini e gestite dal loro punto di vista. Volevo interrompere quella narrativa. Quasi il 90% della mia squadra sono donne. Basato su design e artigianato, guidare, incontrare e parlare con artigiani locali e imprenditori della moda ha contribuito a plasmare l’idea per il marchio che vedi oggi. Penso che sia molto importante essere curiosi e non smettere mai di scambiare idee, imparare, ascoltare e costruire un forte team di professionisti con sede in diverse parti del mondo.

l’anziano: Naturalmente, il successo di Kia Borghini è attribuito a sagome e design superiori, puntuali e sofisticati e alla lavorazione di alta qualità. In qualità di marchio globale di calzature, come ti sei assicurato che il mondo capisse questo messaggio?

Borghini: Cerchiamo di comunicare attraverso i nostri contenuti e i nostri social media. Attraverso diverse voci a supporto del brand e dei nostri clienti. Ci sforziamo davvero di creare scarpe alla moda, comode e di qualità superiore con una forte comunicazione e un servizio clienti sempre premuroso. Vedere donne influenti come Hailey Bieber, Kendall Jenner e Ashley Graham indossare le nostre scarpe più e più volte è una vera testimonianza del comfort e della qualità che offriamo.

Anziano: Con il potere delle star come Bernille Deisbach, Chiara Ferragni e Rosie Huntington-Whiteley, Gia Borghini ha sfruttato il potere delle collaborazioni *giuste*. Puoi condividere un po’ di più su cosa ha portato a queste tre collaborazioni?

Borghini: Mi sono avvicinato a ciascuna di queste donne perché potevo identificarmi nel loro stile – potevo vedere molte somiglianze, ma interpretate in modi diversi. Abbiamo condiviso molti interessi e valori simili tra interni, arte, moda e famiglia. Voglio costruire relazioni forti e durature. Preferirei fare una famiglia Gia Borghini che una squadra! Bernille ora è un consulente creativo, Ciara continua a indossare le nostre scarpe e a supportare il marchio, Rosie sta inventando un nuovo progetto con noi dopo aver collaborato a quattro collezioni, e c’è altro in arrivo…

Anziano: Che consiglio daresti ad altri brand di moda su cui vorresti puntare per le collaborazioni?

Borghini: Segui il tuo intuito. Scegli un collaboratore perché hai un interesse personale e perché può portare una prospettiva diversa al tuo marchio condividendo gli stessi valori. A volte collaborare senza una strategia, basata solo sul proprio istinto, è la strategia migliore. Per me è una partnership davvero autentica. Il consumatore vede tutto in questi giorni, quindi essere genuini e genuini è molto importante e il resto seguirà.

Anziano: Ti connetti anche con i migliori influencer. Puoi condividere le tue opinioni sul ruolo degli influencer nel successo del tuo marchio?

Borghini: Gli influencer e gli amici della casa sono molto importanti per me personalmente e un ingrediente chiave per il successo del marchio. Si sentono tutti parte della famiglia. Facciamo del nostro meglio per continuare a lavorare con persone di talento che ci hanno sempre supportato sin dal primo giorno.

Anziano: Mi piace che tu abbia inizialmente studiato marketing e comunicazione: come applichi questa abilità al tuo attuale ruolo di fondatore? Credo fermamente che conoscere l’arte della narrazione sia fondamentale per il tuo successo come fondatore e imprenditore del marchio!

Borghini: Credo fermamente che la comunicazione sia fondamentale. Il mercato è incredibilmente competitivo, quindi hai bisogno di una voce forte, chiara e forte per sopravvivere ed essere riconosciuto a livello internazionale.

Sambuco: Hai qualche consiglio per altre donne che vogliono avviare un marchio di moda? Può essere una mossa intimidatoria.

Borghini: È spaventoso, ma se ci credi e senti di avere un messaggio forte, allora dovresti assolutamente provarci, ma preparati a lavorare sodo e fare dei sacrifici.

Sambuco: Costruire un marchio di moda globale non è sempre un’impresa facile, ma diventiamo più forti da queste sfide! Puoi condividere un momento difficile o un errore che hai superato con successo e da cui hai imparato?

Borghini: Ogni giorno è una nuova sfida e spesso commetto errori. Ma quello che funziona per me è fare un passo indietro, riorganizzarmi con il mio team e definire strategie per andare avanti al meglio. Preferisco un approccio “per tentativi ed errori” piuttosto che avere un obiettivo.

READ  Roma, Italia: Quattro giorni da fare