Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In che modo i marchi di moda possono entrare in contatto con i produttori italiani? – WWD

milano – La rapida ripresa dopo le stagioni buie della pandemia non ha messo la filiera della moda in un luogo del tutto sicuro.

L’attuale volatilità dell’economia e l’instabilità geopolitica sono particolarmente seguite da piccoli e medi produttori e produttori tessili, che costituiscono la spina dorsale della filiera della moda italiana acclamata a livello internazionale.

Diverse iniziative nel Paese stanno venendo in soccorso, volte a fornire a queste aziende l’opportunità di far crescere costantemente le loro attività, incoraggiando il matchmaking tra marchi affermati o emergenti e la catena di approvvigionamento locale, nonché capacità di marketing compensativo che spesso queste aziende mancano.

L’imprenditore David Clementoni sostiene le PMI dal 2015, prima che la pandemia interrompesse l’attività. Sotto il nome Italian Artisan, ha creato una piattaforma che recluta aziende da quattro a 100 dipendenti, produttori di terze parti sparsi in 30 dei 54 centri di produzione della moda in Italia e facilita il loro coinvolgimento con marchi e rivenditori di moda internazionali.

“Quando l’abbiamo lanciato, non avevamo un servizio abilitato alla piattaforma tecnologica e il progetto aveva lo scopo di consentire ai marchi emergenti e alle startup. [to] Realizzano le loro collezioni in Italia”, ha affermato l’imprenditore.

La piattaforma è stata lanciata nella sua versione attuale nel 2019 e ha accumulato circa 700 case di produzione, un numero crescente, ha affermato Clementoni, aggiungendo che lui e il suo team stanno cercando di aggiungere giocatori e altro se possono mostrare il prodotto. Stabilità economica e finanziaria.

Prodotto in una delle aziende di artigiani italiani.
Per gentile concessione di Artigiano Italiano

Rivolgendosi agli artigiani italiani, molti marchi, sia affermati che di grandi dimensioni, hanno aderito alla piattaforma con l’obiettivo di ridistribuire la produzione dall’estero per utilizzare il costoso marchio Made in Italy, che spesso garantisce posizionamento premium e luxury, e creare estensioni di marca. Nell’arena della moda. A giugno la piattaforma contava 10.000 marchi registrati.

“Più che matchmaking, il nostro obiettivo è garantire che l’attività venga svolta in modo efficace ed efficiente. Offriamo più convenienza rispetto agli intermediari”, ha affermato Clementoni, aggiungendo che il modello di business del sito si basa su royalties sui manufatti e servizi aggiuntivi forniti da artigiani italiani .

Allo stesso modo, l’associazione italiana pellettieri Assopellettieri sta mettendo a punto il suo design Mipel Lab, creato in collaborazione con la fiera del settore pelletteria Lineapelle per supportare le relazioni commerciali tra produttori e attori della moda che non producono ancora in Italia.

Lanciato nell’ambito della mostra biennale di Lineapelle, il progetto introduce una piattaforma digitale business-to-business in collaborazione con Banca Intesa Sanpaolo e con il supporto tecnico del Gruppo Ds, che ha fornito software abilitato all’IA.

All'interno dell'area Mipel Lab alla fiera Lineapelle.

All’interno dell’area Mipel Lab alla fiera Lineapelle.
Per gentile concessione di Mipel

“Se riusciamo ad attirare in Italia solo il 5 per cento delle aziende della moda che non vedono già l’Italia come un hub produttivo, possiamo offrire molto business alle PMI”, ha affermato Danny D’Alessandro, amministratore delegato di Mipel.

«È nostro dovere come associazione cercare nuove opportunità di business per le nostre aziende», gli ha fatto eco il presidente di Assopellettieri, Franco Gabbrielli.

La mossa riflette uno scenario cambiato, poiché le aziende di pelletteria del paese si stanno spostando verso la produzione di terze parti, che è stata inghiottita dalla concorrenza delle potenze della moda con abilità di marketing mentre le vendite diminuiscono per i marchi delle case.

Conta 16 produttori che registrano ricavi per oltre 500.000 milioni di euro e poche decine di marchi.

“L’obiettivo è promuovere la catena di approvvigionamento del Paese e coinvolgere i marchi che non producono qui a causa dei costi elevati, ma potrebbero dover affrontare problemi a causa dell’aumento dei costi di produzione e logistica della produzione straniera, in particolare dalla Cina. Questa è una grande opportunità di lavorare sinergicamente”, ha detto D’Alessandro.

Clementoni ha visto uno scenario simile negli ultimi anni.

“I marchi vedono i costi di produzione come uno spreco perché spesso hanno avuto da due a quattro intermediari nel viaggio per avviare la produzione in Italia, riducendo i profitti e sprecando risorse”, ha affermato. “Inoltre, c’era un problema di fiducia poiché i marchi cercavano partner di produzione affidabili… e che potessero fornire servizi di alto valore che i produttori più piccoli spesso non potevano fornire. Infine, i paesi vicini come Spagna e Portogallo erano visti come economici, il che non è più il caso.

Mentre la sua proposta di vendita unica passa dalla consulenza alla facilitazione del business, l’artigiano italiano ha stretto relazioni con la piattaforma britannica Arts Thread, che conta 300.000 utenti provenienti da scuole di moda in tutto il mondo, e il camera buyer italiano, che consente ai rivenditori locali di ospitare marchi. Complessivamente, la piattaforma punta ad attrarre 60.000 marchi entro il 2028 e generare oltre 370 milioni di euro di attività.

READ  Manifestanti contro il vaccino in Francia, Germania, Austria, Italia | Notizie sull'infezione da corona virus