Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Chi sta comprando greggio russo e chi si è fermato, Energy News, ET EnergyWorld

Ecco la risposta dei paesi sugli acquisti petroliferi russi dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca il 24 febbraio e su come hanno agito le compagnie.

Australia, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti hanno imposto un divieto assoluto agli acquisti di petrolio russo, ma i 27 Stati membri dell’Unione Europea non sono stati in grado di concordare il divieto.

Il commissario per l’Economia dell’UE Paolo Gentiloni ha affermato che l’UE mira a ridurre di due terzi la propria dipendenza dal petrolio e dal gas russi entro la fine dell’anno e a zero entro la fine del 2027.

La Germania, la più grande economia dell’Unione Europea, ha annunciato l’intenzione di porre fine alla sua dipendenza dal petrolio russo entro la fine di quest’anno.

Sebbene l’UE non abbia imposto un divieto, molte aziende in Europa hanno volontariamente smesso di acquistare greggio russo o hanno promesso di farlo alla scadenza dei loro contratti a lungo termine.

Le principali società del commercio mondiale hanno in programma di tagliare gli acquisti di petrolio greggio e carburante dalle compagnie petrolifere russe controllate dallo stato già dal 15 maggio per evitare di cadere nella trappola delle sanzioni finanziarie imposte dall’Unione Europea alla Russia. Leggi di più

Mosca ha minacciato di cercare mercati alternativi per le sue forniture energetiche se l’Occidente avesse evitato petrolio e gas russi. Leggi di più

Cina e India, che si sono rifiutate di condannare le azioni della Russia, continuano ad acquistare greggio russo.

I seguenti sono gli acquirenti attuali e passati di greggio russo (in ordine alfabetico):

Acquirenti esistenti

Spezie di petrolio

Due fonti che hanno familiarità con la questione hanno affermato che la raffineria statale Bharat Petroleum ha acquistato 2 milioni di barili di Urali russi da caricare a maggio dal commerciante Trafigura.

La società acquista regolarmente gli Urali russi per la raffineria di Kochi da 310.000 bpd nel sud dell’India.

Petrolio Helltech

La più grande raffineria di petrolio della Grecia fa affidamento sul greggio russo per circa il 15% delle sue entrate. La società all’inizio di questo mese si è assicurata forniture aggiuntive dall’Arabia Saudita.

Petrolio Hindustan

La raffineria statale ha acquistato 2 milioni di barili di Urali russi per essere caricati a maggio, secondo fonti commerciali la scorsa settimana. Leggi di più

READ  Impatto della riforma della class action italiana sulle istituzioni finanziarie | Hogan Lovells

Società petrolifera indiana

La più grande raffineria indiana ha acquistato sei milioni di barili di Urali dal 24 febbraio e ha un contratto di fornitura con Rosneft per un massimo di 15 milioni di barili di greggio russo nel 2022.

Tuttavia, la raffineria, che acquista anche greggio per conto della sua controllata Chennai Petroleum, ha escluso dalla sua ultima gara diversi tipi di greggio ad alto contenuto di zolfo, tra cui Urals, secondo fonti commerciali.

La più grande raffineria italiana, di proprietà della svizzera Litasco SA e controllata da Lukoil, è stata costretta a ottenere quasi tutto il suo greggio dal suo proprietario russo, perché le banche internazionali non le forniscono più credito.

Due fonti governative hanno detto a Reuters che il governo italiano sta considerando la nazionalizzazione temporanea dell’ISAB come una delle sue opzioni se verranno imposte sanzioni al petrolio russo. Leggi di più

La raffineria di Leuna senza sbocco sul mare nella Germania orientale, di proprietà della maggioranza di Total Energy, è alimentata con greggio russo attraverso l’oleodotto Druzhba.

Raffineria di Mangalore e Petrolchimico

La raffineria statale ha acquistato 1 milione di barili di greggio degli Urali russi da caricare a maggio tramite una gara d’appalto da un rivenditore europeo, un acquisto raro spinto dallo sconto offerto. Leggi di più

Il greggio russo rappresenta ancora circa il 14% dell’assunzione della più grande raffineria tedesca, Miro, che è posseduta per il 24% da Rosneft.

centro commerciale

Il gruppo petrolifero ungherese, che gestisce tre raffinerie in Ungheria, Slovacchia e Croazia, continua ad acquistare greggio russo attraverso l’oleodotto Druzhba, oltre a prodotti raffinati.

La società ha affermato che ci vorranno dai due ai quattro anni e che costerà tra $ 500 e $ 700 milioni per sostituire le importazioni di petrolio russe in caso di un embargo europeo completo.

La raffineria privata, in parte di proprietà di Rosneft, ha acquistato petrolio russo dopo una pausa di un anno, acquistando circa 1,8 milioni di barili di Urali dal commerciante Trafigura. Leggi di più

READ  Joe Lewis rimane nell'ombra mentre il Tottenham cerca di costruire una squadra adatta per Conte | Tottenham Hotspur

Una raffineria bulgara, di proprietà della russa Lukoil, con greggio russo che rappresenta circa il 60% del suo consumo, continua a raffinare il greggio russo.

La raffineria tedesca PCK Schwedt, che è posseduta al 54% da Rosneft, riceve petrolio greggio attraverso l’oleodotto Druzhba.

La compagnia energetica statale indonesiana PT Pertamina sta valutando la possibilità di acquistare petrolio greggio dalla Russia mentre cerca petrolio per una raffineria recentemente rinnovata.

PKN Orlen

La più grande raffineria polacca ha smesso di acquistare greggio russo sul mercato spot, passando al petrolio del Mare del Nord, ma continua ad acquistare gli Urali con contratti precedentemente firmati che scadono alla fine di quest’anno o più tardi. Leggi di più

La società, che gestisce raffinerie in Lituania, Polonia e Repubblica Ceca, ha ottenuto profitti dalla raffinazione a marzo grazie a uno sconto pagato per il petrolio russo. Leggi di più

La cinese Sinopec, la più grande raffineria asiatica, continua ad acquistare greggio russo in base a contratti a lungo termine precedentemente firmati, ma evita nuovi accordi spot.

BP

Il colosso petrolifero britannico, che sta cedendo la sua partecipazione in Rosneft, non stipulerà nuovi accordi con entità russe per l’imbarco nei porti russi, a meno che “non sia necessario per garantire la sicurezza degli approvvigionamenti”. Leggi di più

La più grande raffineria del Giappone ha smesso di acquistare greggio dalla Russia, mentre alcune spedizioni firmate in base a precedenti accordi arriveranno in Giappone intorno ad aprile. La società prevede di acquisire forniture alternative dal Medio Oriente. Leggi di più

Dove sei

Il gruppo energetico, che è al 30,3 per cento di proprietà del governo italiano, ha sospeso gli acquisti di petrolio russo.

Nessun greggio russo sarà utilizzato nella raffineria tedesca del Bayern, in cui Eni e Rosneft hanno partecipazioni.

Equinore

La compagnia energetica norvegese di proprietà statale, che ha una proprietà di maggioranza, ha smesso di commerciare petrolio russo mentre termina le sue operazioni nel paese.

dominante

La compagnia petrolifera e del gas portoghese ha interrotto tutti i nuovi acquisti di prodotti petroliferi dalla Russia o da società russe.

READ  Un uomo italiano ha cercato di ingannare un'infermiera facendogli iniettare un vaccino in un braccio che faceva schiuma

Glencore

Mining and International Trading, che possiede lo 0,57% delle azioni Rosneft, ha affermato che continuerà ad adempiere ai propri obblighi in base ai contratti precedentemente firmati, ma “non avvierà alcuna nuova attività in relazione a beni di origine russa se non indicato dalle autorità governative competenti. “.

Neste

La raffineria finlandese non acquista greggio russo sul mercato spot dall’inizio della guerra e non prevede di firmare nuovi accordi, quando l’attuale contratto di fornitura a lungo termine scadrà a luglio. Dall’inizio di aprile, la raffineria ha sostituito circa l’85% del greggio russo con altre materie prime. Leggi di più

La più grande raffineria svedese, di proprietà del miliardario saudita Mohammed Hussein Al-Amoudi, ha interrotto i nuovi ordini di greggio russo, che rappresentava circa il 7% dei suoi acquisti, e ha sostituito i barili del Mare del Nord.

Repsol

La società spagnola ha smesso di acquistare greggio russo sul mercato spot.

coincidenza

Il più grande commerciante di petrolio del mondo ha smesso di acquistare greggio russo e il 27 aprile ha dichiarato che non accetterà più prodotti raffinati con alcun contenuto russo, compresi i combustibili miscelati.

Il commerciante globale di materie prime con sede a Ginevra prevede di interrompere tutti gli acquisti di petrolio greggio da Rosneft entro il 15 maggio, quando entreranno in vigore regole più severe dell’UE sulle vendite di petrolio russo, e di ridurre “significativamente” il volume dei prodotti raffinati che acquista da Rosneft. Leggi di più

Il colosso petrolifero francese ha dichiarato che non stipulerà né rinnoverà i contratti esistenti per l’acquisto di greggio e prodotti petroliferi russi, con l’obiettivo di fermare tutti gli acquisti entro la fine del 2022. Leggi di più

I contratti riguardano principalmente le forniture per la raffineria di Leuna nella Germania orientale, che ottiene greggio russo attraverso l’oleodotto Druzhba, nonché forniture di gasolio dall’Europa.

La raffineria svizzera, che possiede il 51,4 per cento della raffineria tedesca Bayernwell, ha dichiarato che non prevede di concludere nuovi accordi per l’acquisto di greggio russo.