Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cerro Torre: Vita e morte in Patagonia: La decisione più difficile da prendere in un soccorso alpino | Gli sport

Tutta la bellezza di un paesaggio imponente, la magia dell’isolamento, la semplicità dell’arrampicata in compagnia di un amico, la pace agognata, la protezione dal freddo offerta da attrezzatura di prima qualità; Tutto ciò che rende l’alpinismo un esercizio di evasione e contentezza è stato spazzato via in pochi secondi e sostituito da uno scenario di dolore e terrore.

Sorpresi da una frana di ghiaccio e roccia nelle prime ore del mattino, gli esperti e guide di arrampicata Tommy Aguiló, 36 anni, dall’Argentina e Korra Pesce, 41, dall’Italia, hanno subito capito che il mondo che avevano creduto al sicuro poche ore prima aveva scomparvero e non avevano ancora superato in astuzia la morte. Come se fossero stati colpiti da un proiettile in una zona di guerra, i due hanno impiegato un momento per capire l’entità delle loro ferite. Tommy poteva alzarsi in piedi; Korra non poteva. La loro attrezzatura era quasi sparita ed erano ancora a metà di una parete rocciosa a provare una nuova via, una nuova pietra miliare nella loro impressionante carriera di arrampicata.

L’incidente è avvenuto il 28 gennaio sul Cerro Torre in Patagonia, in Argentina, in quella che è una delle montagne più difficili, isolate e iconiche del pianeta. Lungi da ogni traccia di civiltà, qui un’operazione di salvataggio è sempre impegnativa: a differenza dell’Europa, non ci sono squadre di soccorso ufficiali o elicotteri. C’è, invece, il Comitato di Soccorso El Chaltén, una squadra di soccorso volontaria ma ben addestrata, creata alla fine degli anni ’90 dalla dottoressa Carolina Codó, e che fa affidamento sulla solidarietà degli alpinisti di passaggio per rispondere a qualsiasi richiesta di aiuto. Che Tomy Aguiló sia stato in grado di chiedere aiuto è stato un miracolo: mentre cercava di raccogliere le poche apparecchiature ancora funzionanti, ha trovato il suo piccolo dispositivo Inreach: un gadget di messaggistica satellitare. Ha poi aiutato Korra a raggiungere i resti di un minuscolo rifugio senza tetto sul muro noto come Box of the English, dove l’italiano ha confermato che un bacino fratturato gli impediva di alzarsi in piedi.

READ  'Molto deluso': Matteo Berrettini si ritira dalle Olimpiadi di Tokyo, notizie sportive

Soffrendo di diverse costole rotte e di una clavicola rotta, Tommy si impossessò di un pezzo di corda di 40 metri (131 piedi) e iniziò una lenta e pericolosa discesa. Tomy e Korra sono entrambi padri di famiglia e guide alpine, e ogni volta che Korra si recava in Patagonia, rimaneva con Tomy. Nell’estate europea, Tommy sarebbe rimasto a casa di Korra a Chamonix, dove Korra era considerata una vera leggenda locale. Un individuo allegro con una risata spontanea, Tomy parla del suo amico con sincera ammirazione. Non si rivedranno mai più.

Dott. Codó ha confermato il 30 gennaio che Tommy era in buone condizioni e si stava riprendendo all’ospedale El Calafate di Santa Cruz. “Purtroppo, abbiamo deciso di annullare l’operazione di salvataggio per Korra”, ha detto. “È una decisione durissima, ma la finestra di bel tempo è passata ed è impossibile che sia ancora vivo, viste le ferite riportate: senza riparo, cibo e bevande, ormai sarebbe morto di ipotermia. Siamo stati anche in grado di scansionare la montagna usando un drone e abbiamo visto che era 50 metri più in basso dove Tommy lo aveva lasciato e non si muoveva. Mettere a rischio la vita dei soccorritori sarebbe irresponsabile”, ha aggiunto.

Tomás Aguiló con il Cerro Torre sullo sfondo.

Più di 35 persone sono venute in soccorso della coppia. Senza di loro, Tommy non sarebbe sopravvissuto. “I soccorritori lo hanno raggiunto 26 ore dopo aver lanciato l’allarme”, ha detto il dottor Codó. “È sceso calandosi in doppia fino a raggiungere un nevaio dove ha aspettato a circa 300 metri dal suolo solido, esausto”. Quattro top alpinisti – Matteo Della Bordella dall’Italia, Roger Schaeli dalla Svizzera, Thomas Huber dalla Germania e Roberto Treu dall’Argentina – sono stati coinvolti nella parte finale del salvataggio e sono riusciti a scalare l’ultimo tratto di parete rocciosa per raggiungere Tommy.

READ  La Gambian Volleyball Federation firma un contratto quinquennale con l'allenatore italiano

Della Bordella e Schaeli hanno provato a continuare a salire per salvare Korra mentre gli altri due sono scesi con Tommy, ma un brusco cambiamento del tempo li ha costretti alla ritirata. “Eravamo già ben oltre i nostri limiti fisici e psicologici e abbiamo capito che Korra sarebbe rimasto per sempre in montagna”, ha detto Della Bordella. Lui ei suoi due compagni italiani si erano incrociati con Tommy e Korra sulla vetta del Cerro Torre il 27 gennaio, il giorno prima.

Secondo il dott. Codó, ironia della sorte, “gli italiani stavano aprendo anche una nuova via sulla parete est e si sono uniti a Tommy e Korra quando erano la loro via sulla parete nord, quindi si sono agganciati, ma gli italiani hanno deciso di dormire all’arrivo in vetta e di scendere la il giorno successivo attraverso la cosiddetta Via del Compressore mentre Tomy e Korra hanno scelto di scendere di notte sulla parete nord per evitare valanghe.

Korra Pesce non era solo una leggenda nella sua Chamonix adottiva, in Francia, ma una figura molto rispettata e amata dagli alpinisti spagnoli: insieme a Martín Elías della regione settentrionale spagnola di La Rioja, aveva salito l’ormai famosa via dei Rolling Stones nel 2015 sulla montagna Grandes Jorasses tra Francia e Italia, e la Directe de l’Amitié sulla stessa montagna un anno prima. E nel 2016 avevano ripetuto insieme la stella impossibile su Bhagirati III (6.454 m o 21.174 piedi) nell’Himalaya indiano, insieme a due compagni francesi. Korra Pesce ha anche collaborato con la climber spagnola Manu Córdova nel 2012 per scalare l’Aguja Mermoz e la Torre Egger, in Patagonia. Un alpinista dotato con una visione, una tecnica e una forza impressionanti, Korra sembrava intoccabile; ogni obiettivo che si era prefissato è stato raggiunto.

READ  L'Arsenal lo riporta negli anni '90, oltre a svelare altri moderni kit europei 2021-22 - SportsLogos.Net

Le parole d’addio di Tomy e Korra rimarranno per sempre qualcosa di privato tra loro. Ma data la comprensione di Korra dell’essenza dell’alpinismo, si può solo immaginare che abbia capito la sua situazione e che, date le condizioni, un salvataggio non sarebbe avvenuto. Sono tutte congetture, ovviamente, ma non è difficile supporre che incoraggi fortemente Tomy a cercare almeno di salvarsi la vita.