Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Hall of fame Figc, entrano Nesta, Conte e Cabrini – Calcio

Nesta, Rummenigge, Conte, Rocchi, Cabrini e Bonansea tra i protagonisti della decima edizione della FIGC Hall of Fame, il premio istituito nel 2011 dalla Fondazione Museo del Calcio e dalla FIGC per celebrare i calciatori che hanno lasciato un segno indelebile in la storia del calcio italiano. Evento che l’anno scorso non si è tenuto a causa della pandemia.
La commissione di premiazione – riunitasi oggi – è formata dal presidente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana, Gianfranco Coppola, e da Federico Ferri, Xavier Jacobelli, Stefano Barigelli, Alberto Brandi, Ivan Zazzaroni, Piercarlo Presutti, Alessandra De Stefano, oltre a Matteo Marani come Presidente della Fondazione Museo del Calcio.
Alla presenza del presidente federale Gabriele Gravina e del segretario generale Marco Brunelli, la commissione ha decretato i nuovi tesserati che entreranno a far parte della Hall of Fame del calcio italiano: Alessandro Nesta, Karl-Heinz Rummenigge, Antonio Conte, Gianluca Rocchi, Antonio Cabrini , Barbara Bonansea, Giovanni Sartori, Simon Kjaer (che ha vinto il premio intitolato a Davide Astori), Luigi Simoni, Armando Picchi, Romano Fogli, Fino Fini, Vujadin Boskov, che si sono aggiudicati i Memory Awards.
La giuria sceglie un vincitore per ciascuna delle seguenti categorie: giocatore italiano, giocatore straniero (in pensione da almeno due stagioni e che ha giocato in Italia per almeno cinque campionati), italiano veterano (in pensione da almeno 25 anni), allenatore italiano , allenatore italiano, arbitro italiano, calcio femminile (categoria inserita a partire dall’edizione 2014), e cimeli (campioni del passato ormai scomparsi). Durante la cerimonia annuale, i vincitori consegnano un ricordo della loro carriera che va ad aggiungersi alla collezione custodita all’interno del Museo del Calcio.

READ  Serie A: L'Inter vince il titolo di campionato italiano per la prima volta dal 2010 per rompere la stretta soffocante della Juventus sul calcio italiano