Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Centinaia di persone risultano positive al coronavirus al festival “superspreader” di Kumbh Mela in India

Più di 1.000 persone sono risultate positive al Coronavirus nel sito del più grande festival religioso del mondo in India, suggerendo che il raduno è davvero un evento superiore.

Enormi folle di adoratori indù non mascherati si sono riversati sulle rive del fiume Gange, vicino alla città di Haridwar, per il festival Kumbh Mela di una settimana.

Una nuova ondata di infezioni da coronavirus sta investendo l’India, poiché gli esperti incolpano di massicci eventi religiosi, manifestazioni politiche affollate e spazi pubblici affollati.

L’India venerdì ha registrato un altro aumento record giornaliero, con 217.353 infezioni rilevate nell’arco di 24 ore, secondo i dati del Ministero della Salute.

I decessi legati al COVID-19 nel Paese sono aumentati di 1.185 per un totale di 174.308 casi, mentre i casi totali hanno raggiunto quasi i 14,3 milioni, secondi solo agli Stati Uniti.

I funzionari di Haridwar hanno detto che i risultati dei test ricevuti mercoledì hanno mostrato che più di mille persone erano risultate positive al virus lì.

Mentre enormi folle si dirigevano verso il fiume, nel tentativo di liberarsi dei loro peccati, le autorità sanitarie hanno dovuto ritirare l’equipaggio del COVID-19 per paura di essere investite.

Folle di persone si radunano vicino alla riva del fiume
I funzionari sanitari di Haridwar hanno dovuto rimuovere l’area di test COVID-19 a causa della folla.(

AP: Karma Sonam

)

“Abbiamo spostato il nostro team di campionamento per evitare una situazione simile a una fuga precipitosa”, ha detto SK Jha, ufficiale medico capo di Haridwar.

Un ragazzino che digrigna la testa
Adoratori non mascherati si sono riuniti sulle rive del fiume Gange per celebrare la festa indù.(

AP: Karma Sonam

)

“La nostra convinzione è la cosa più importante per noi. A causa di questa forte convinzione, molte persone sono venute qui per nuotare nel Gange”, ha detto all’AFP Siddharth Chakrabani, un membro di uno dei comitati organizzatori del Kumbh Mela.

A poca distanza dal fiume, il Sachin International Hotel si è trasformato in un centro di isolamento COVID. Un dirigente dell’hotel ha detto che tutte le 72 stanze erano affollate da più di 150 pazienti.

Una donna indù prende parte a un rituale sacro
Le autorità temono un’ondata di coronavirus dopo il festival Kumbh Mela.(

AP: Karma Sunna

)

“Abbiamo iniziato a ricevere i pazienti il ​​5 aprile e tutte le nostre stanze erano piene tre giorni fa”, ha detto il dipendente, che ha rifiutato di essere identificato a causa di un ordine di bavaglio da parte delle autorità locali.

“È davvero super.”

Il governo del primo ministro Narendra Modi ha rifiutato di cancellare il festival, che dovrebbe durare per tutto il mese, forse per timore di contraccolpi da parte dei leader religiosi nel Paese a maggioranza indù.

Yuji Adityanath, primo ministro del vicino stato dell’Uttar Pradesh, ha scritto su Twitter mercoledì di essere risultato positivo al COVID-19.

L’India ha superato il Brasile questa settimana per diventare il paese con il secondo maggior numero di casi di COVID-19 al mondo.

Folle di fedeli stanno dietro le barricate
Un checkpoint blocca la folla al Kumbh Mela.(

AP: Karma Sonam

)

Mercoledì, per la prima volta da metà ottobre, il numero di morti giornaliere del paese ha superato i 1.000.

Le autorità locali hanno imposto il coprifuoco notturno e bloccato le città, mentre gli esami di scuola superiore per i giovani tra i 15 ei 18 anni, che erano stati programmati per maggio e giugno, sono stati rinviati.

AFP / Reuters

READ  Dozzine di morti in gravi inondazioni nella provincia cinese di Henan, interruzione dei servizi di autolavaggio e treno