Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cameron avverte il ministro israeliano sugli aiuti a Gaza

Cameron avverte il ministro israeliano sugli aiuti a Gaza
  • Scritto da Becky Morton
  • Corrispondente politico della BBC

Fonte immagine, EPA-EFE/REX/Shutterstock

Il ministro degli Esteri Lord Cameron ha affermato che Israele ha bisogno di “tutta una serie di avvertimenti” sulla quantità di aiuti che raggiungono Gaza.

Il ministro degli Esteri ha detto che avrebbe iniziato con Benny Gantz, generale in pensione e membro del gabinetto di guerra israeliano, con il quale avrebbe dovuto incontrarsi più tardi.

Lord Cameron ha detto ai suoi colleghi che “la pazienza deve finire” con Israele.

Ha detto che a Gaza si registrano “sofferenze orribili”, con persone che muoiono di fame e di malattie prevenibili.

Martedì, parlando durante un dibattito sugli affari esteri alla Camera dei Lord, ha affermato che, nonostante il Regno Unito abbia chiesto maggiori aiuti a Gaza, la somma arrivata nella Striscia a febbraio è stata solo la metà di quella del mese precedente.

In quanto “potenza occupante”, Lord Cameron ha affermato che Israele è “responsabile” e che ciò ha conseguenze ai sensi del diritto umanitario internazionale.

Il diritto internazionale stabilisce che una potenza occupante ha il dovere di garantire forniture alimentari e mediche alla popolazione sotto il suo controllo “nella massima misura dei mezzi a sua disposizione”.

“Ho parlato qualche settimana fa del pericolo [the situation in Gaza] Lord Cameron ha dichiarato: “Ci stiamo dirigendo verso la carestia e il rischio che le malattie si trasformino in malattie, e ora siamo a quella fase”.

Gantz, il capo moderato del Partito di Unità Nazionale di Israele, ha dimostrato di essere un convinto oppositore politico di Netanyahu, nonostante si sia unito a lui come membro del suo gabinetto di guerra dopo l'attacco di Hamas quasi cinque mesi fa che ha scatenato il conflitto.

Negli Stati Uniti, la vicepresidente Kamala Harris ha espresso “profonda preoccupazione” per la situazione a Gaza e ha esortato Israele a consentire l'arrivo di maggiori aiuti, invitando allo stesso tempo Hamas ad accettare i termini di un cessate il fuoco.

Il 7 ottobre, uomini armati di Hamas hanno fatto irruzione al confine di Gaza con Israele, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo più di 250 in ostaggi.

In risposta, Israele ha lanciato una campagna di attacchi aerei e un’invasione terrestre del territorio.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, guidato da Hamas, più di 30.000 palestinesi sono stati uccisi e decine di migliaia feriti nei raid israeliani dall’inizio della guerra.