Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Benjamin Netanyahu vincerà le elezioni israeliane?

Benjamin Netanyahu vincerà le elezioni israeliane?

Dal nostro corrispondente speciale in Israele – Dopo tre mesi di guerra tra Israele e Hamas, questa settimana la Corte Suprema israeliana ha inferto due duri colpi a Benjamin Netanyahu e alla sua coalizione di governo. La corte ha cancellato una parte fondamentale del polarizzante piano di riforma giudiziaria del governo, ritardando l'attuazione di una legge che protegge il primo ministro dalle dimissioni obbligatorie. FRANCE 24 ha parlato con il dottor Amir Fuchs, ricercatore senior presso l'Israel Democracy Institute, dell'impatto di queste decisioni.

Emesso il:

5 minuti

Lunedì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha subito una grave battuta d’arresto quando la Corte Suprema del paese ha votato con un voto ristretto (8 contro 7) per annullare una legge approvata a luglio che priva i giudici del diritto di veto sulle decisioni governative e parlamentari che considerano “irragionevoli”.

La legge è stata una componente chiave del controverso piano del governo di riformare il sistema giudiziario del paese, che ha scatenato proteste diffuse in tutto il paese.

Mercoledì, il primo ministro israeliano ha subito un’altra sconfitta legale, poiché i giudici hanno deciso (6 a 5) di ritardare l’attuazione di una legge controversa che proteggerebbe Netanyahu dall’essere costretto a lasciare l’incarico se gli fosse stato ordinato dal procuratore generale o dal tribunale. Corte Suprema.

IL Legge step-downapprovato a marzo, entrerà in vigore solo all'inizio del prossimo mandato del parlamento israeliano, dopo le prossime elezioni generali.

Le sentenze della Corte Suprema israeliana arrivano in un momento in cui la popolarità di Netanyahu sta diminuendo nei sondaggi d'opinione in mezzo alle crescenti critiche all'attacco israeliano a Gaza.

secondo Studi recentiIl partito di Netanyahu, il Likud, otterrebbe solo la metà dei seggi che detiene attualmente (16 contro 32) se le elezioni si tenessero adesso.

Per comprendere meglio l'impatto delle decisioni della Corte Suprema, FRANCE 24 ha parlato con il dottor Amir Fuchs, ricercatore senior presso l'Israel Democracy Institute.

Dr. Amir Fuchs, ricercatore senior presso l'Israel Democracy Institute, a Kfar Saba, Israele, il 4 gennaio 2024. © Asia Hamza, Francia 24

France 24: Quali conseguenze avrebbe avuto questa riforma se non fosse stata annullata dalla Corte Suprema?

Fox: La riforma del governo mira a ridurre il potere della magistratura. Israele non ha una costituzione ufficiale. Ma abbiamo queste leggi fondamentali che sono considerate una quasi-costituzione. Se una legge è in contrasto con le leggi fondamentali, la Corte Suprema può dichiararla incostituzionale e quindi annullarla. Ciò è accaduto meno di 20 volte nei 30 anni trascorsi da quando la Corte Suprema ha cambiato il sistema di governo israeliano nel 1995.

READ  Il capo contabile di Trump si dichiara colpevole e testimonia contro la compagnia dell'ex presidente

In Israele non abbiamo pesi e contrappesi come nei sistemi di altri paesi. Ad esempio, non esiste una vera separazione dei poteri tra il potere esecutivo e quello legislativo. Il governo è retto da una coalizione di maggioranza in Parlamento. Se ottieni la maggioranza semplice di 61 seggi, puoi fare quello che vuoi. L’unica cosa che abbiamo come contrappeso è una Corte Suprema forte e indipendente. Ciò che il governo Netanyahu voleva fare era cambiare la situazione.

Il governo voleva anche cambiare il metodo di nomina dei giudici. Così possono nominare i giudici che vogliono.

Il Procuratore Generale è a capo del Pubblico Ministero dello Stato. Netanyahu è attualmente accusato di frode e corruzione. Se la legge venisse approvata, Netanyahu potrebbe licenziare il procuratore generale e sceglierne un altro, che gli sarebbe più conveniente.

La Corte Suprema ha anche ritardato una legge di ricusazione volta a proteggere Netanyahu, affermando che era di natura “chiaramente personale”. Cosa significa?

FOX: Da decenni abbiamo una legge molto vaga che dice che quando il primo ministro è incapace, qualcuno prenderà il suo posto. Ma non ha spiegato le ragioni di questo deficit. Sarà per ragioni mediche o per altri motivi? Non è stato scritto nulla al riguardo, né sulle procedure da seguire.

Pertanto, il governo Netanyahu ha deciso di modificare la legge sull’incapacità, il che significa che solo quando il primo ministro stesso dirà di essere incapace, o tre quarti del governo diranno che è incapace, il primo ministro sarà rimosso dall’incarico.

Il governo avrà quindi bisogno di una maggioranza di due terzi alla Knesset. Hanno adottato misure per garantire che ciò non accada mai. Dopo aver votato a suo favore, Netanyahu ha annunciato a tutti che le sue mani non erano più legate. Tuttavia, la corte ha affermato che la legge era “chiaramente di natura personale” e ne ha rinviato l’attuazione alla prossima sessione della Knesset. Pertanto, la legge non sarà attuata fino alle prossime elezioni.

READ  L'organizzatore di un evento religioso in India che si è trasformato in una fuga mortale che ha ucciso 121 persone si presenta alla polizia

Netanyahu può essere rimosso?

Fox: Se ci fosse una maggioranza di 61 deputati, si potrebbe votare la sfiducia e formare un nuovo governo.

Ma ciò che potrebbe accadere – e ciò che accade sempre in Israele quando un governo perde il sostegno politico – è che si limitino ad annunciare nuove elezioni. Questo è il motivo per cui sono necessari 61 rappresentanti alla Knesset che sostengano lo svolgimento di nuove elezioni. Su questo sarà d’accordo tutta l’opposizione. Abbiamo visto nei sondaggi che molte persone che hanno votato per la coalizione ora sono completamente contrarie. Non so quando finirà la guerra. Ma se la guerra finisse domani, probabilmente annuncerebbero le elezioni.

Netanyahu sarà ritenuto responsabile degli attentati del 7 ottobre?

Se cambia il governo ci sarà una commissione d’inchiesta, che è molto indipendente perché nominata dalla Corte Suprema e non dal governo. Ciò di solito accade dopo gravi fallimenti come quello accaduto nel 1973 e nel 1982, quando le milizie cristiane, con il sostegno dell’esercito israeliano, massacrarono fino a 2.000 palestinesi nei campi profughi di Sabra e Shatila in Libano.

Il comitato porrà a Netanyahu domande difficili ed emetterà una sentenza. Diranno che è responsabile. È stato negligente. Non può essere rieletto. Ad esempio, quando hanno affermato che l’ex primo ministro Ariel Sharon, che era stato anche ministro della Difesa durante i massacri di Sabra e Shatila, non poteva più ricoprire l’incarico, è stato rimosso dal suo incarico.

Se Netanyahu verrà condannato nei suoi vari processi, riuscirà a rimanere al potere?

Se viene condannato con sentenza definitiva dopo l'appello, secondo le leggi fondamentali deve dimettersi. Ci vorrà del tempo, almeno un altro anno.

READ  Più di 20 membri dell'equipaggio sono dispersi nelle acque al largo di Hong Kong dopo che il tifone Chaba ha diviso la nave a metà

Forse dopo la guerra, quando Netanyahu vedrà tutto andare in pezzi, potrebbe ottenere una sorta di accordo: non andrà in prigione e non sarà nemmeno condannato per nulla di grave in cambio delle dimissioni e della mancata partecipazione alle elezioni. .

Una volta che Netanyahu capirà che non può essere rieletto, potrebbe sostenere l’accordo. Sono sicuro che il pubblico ministero mirerà a raggiungere un accordo del genere in modo da non dover affrontare un processo.

Ancora una volta, questo è uno scenario ottimistico. Non sono sicuro che ciò accadrà. Molte persone erano sicure che ciò sarebbe accaduto anni fa, quando fu incriminato nel 2019 con l’accusa di corruzione. Ma ha scelto di lottare e di candidarsi alle elezioni ancora e ancora. Non si è mai arreso, ma forse avrà dei buoni consiglieri che gli diranno: “È il momento di dimettersi, non sei abbastanza popolare, non verrai eletto. Quindi, almeno usa questo merce di scambio per chiudere la trattativa.” Documenti penali su di te.»

Questo articolo è stato tradotto dall'originale in francese.

Questa intervista è stata modificata per chiarezza e lunghezza.