Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Immagine della Vittoria”: gli omicidi di Beirut aiuteranno Netanyahu politicamente assediato? | Notizie della guerra israeliana a Gaza

“Immagine della Vittoria”: gli omicidi di Beirut aiuteranno Netanyahu politicamente assediato?  |  Notizie della guerra israeliana a Gaza

È stato un inizio difficile per il 2024 per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Lunedì 1 gennaio la Corte Suprema israeliana ha annullato una controversa legge introdotta dal governo Netanyahu nel 2023, che limitava alcuni poteri della Corte Suprema e ha scatenato proteste diffuse in tutto il Paese.

Poi, il giorno successivo, un attacco a un appartamento a Beirut ha ucciso alti funzionari di Hamas. Sebbene Israele non abbia rivendicato la responsabilità dell'attacco, gli analisti hanno affermato che portava tutti i segni di un attacco israeliano mirato. Ciò contribuirà ad arginare il declino della popolarità del leader israeliano di lunga data?

La Corte Suprema ha stabilito una “grave battuta d’arresto”

Nader Hashemi, professore associato presso il Dipartimento di Medio Oriente e Politica Islamica dell’Università di Georgetown, ha detto ad Al Jazeera che il blocco del piano di riforma giudiziaria rappresenta una “grave battuta d’arresto” per Netanyahu e l’estrema destra israeliana, che ha investito “considerevole energia politica nella questa edizione.” .

Per alcuni israeliani, l’insistenza di lunga data di Netanyahu sui cambiamenti giudiziari “ha diviso la società israeliana e l’ha resa più debole, permettendo al 7 ottobre di svolgersi come è avvenuto”, ha detto Al-Hashemi.

Recenti sondaggi indicano che la stragrande maggioranza degli israeliani ritiene che Netanyahu dovrebbe assumersi pubblicamente la responsabilità dei fallimenti che hanno portato all’attacco di Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre, in cui sono state uccise quasi 1.200 persone e altre 200 catturate. Da allora i bombardamenti e i colpi di artiglieria israeliani hanno ucciso più di 22.000 palestinesi a Gaza.

Netanyahu
La gente protesta contro la nuova coalizione di destra di Netanyahu e la sua proposta di riforme giudiziarie per ridurre i poteri della Corte Suprema, a Tel Aviv, Israele, il 25 febbraio 2023. [Ilan Rosenberg/File photo/Reuters]

Nimrod Goren, esperto di affari israeliani presso il Middle East Institute, ha detto ad Al Jazeera che la sentenza della Corte Suprema è “una grande vittoria per la democrazia israeliana”.

READ  Il conduttore di Sky News Andrew Bolt ha descritto la sospensione delle estradizioni in Israele da parte dell'Australia Post come una riflessione "morale" sul governo federale

Dopo l’emissione della sentenza, il ministro della Giustizia israeliano Yariv Levin ha criticato la corte, affermando che la tempistica della sua sentenza “riflette l’unità richiesta in questi giorni per il successo dei nostri combattenti al fronte”.

Tuttavia, il leader dell'opposizione Yair Lapid ha avvertito il governo di Netanyahu di non ignorare la sentenza, affermando che se lo facessero, “dimostrerebbe che non hanno imparato nulla dal 7 ottobre”. Anche l'ex ministro della Difesa Benny Gantz, membro del gabinetto di guerra di Netanyahu, ha chiesto il rispetto della sentenza.

Goren ha detto che le scene di disputa politica dopo la sentenza – dopo mesi di relativa unità dopo il 7 ottobre – sono servite come “un promemoria di ciò che ci aspetta”. [Israelis] Dopo la fine della guerra.”

Ha affermato che concentrarsi sulle riforme proposte, una questione controversa prima della guerra, “invece di affrontare le questioni importanti che dobbiamo affrontare (ora)” ha solo aumentato le critiche nei confronti di Netanyahu all’interno della società israeliana.

Gli omicidi di Beirut sono un “quadro di vittoria” per il governo della guerra

Tuttavia, se la sentenza della Corte Suprema è stata un duro colpo per Netanyahu, l’assassinio dei principali leader di Hamas a Beirut è stato un momento di trionfo per lui e il suo gabinetto di guerra, che comprende il ministro della Difesa Yoav Galant e Gantz, ora membro del governo israeliano. opposizione.

Al-Hashimi ha dichiarato: “Credo che questo tipo di drammatico assassinio contro i nemici giurati di Israele aiuti politicamente Netanyahu”.

Un articolo pubblicato sul quotidiano israeliano di sinistra Haaretz afferma che le notizie da Beirut sono state viste “favorevolmente” dalla società israeliana e hanno fornito ai leader del paese una tanto necessaria “immagine di vittoria” mentre la guerra si avvicinava al traguardo dei tre mesi.

READ  Albanese afferma che è improbabile che l'Australia sostenga la spinta di Taiwan ad aderire all'accordo di partenariato transpacifico avanzato e completo

Ma per le famiglie degli oltre 100 prigionieri ancora detenuti a Gaza, si legge nell’articolo, la notizia è arrivata come una “pugnalata al cuore”.

Martedì Netanyahu ha incontrato le famiglie, informandole che stava prendendo forma un potenziale accordo con Hamas che potrebbe portare alla liberazione dei prigionieri.

Subito dopo, sono trapelate informazioni sull’uccisione di alti dirigenti di Hamas a Beirut, seguite da notizie che i progressi verso un potenziale accordo sul rilascio dei prigionieri erano in fase di stallo.

Haaretz ha affermato che la notizia ha smorzato il crescente ottimismo tra le famiglie sulle prospettive di un accordo, citando Eli Steffi, il padre del 28enne Aidan Steffi, rapito dal festival musicale Supernova. Steffi ha detto alla televisione israeliana che gli omicidi “sono avvenuti in un momento in cui pensavamo di vedere la possibilità reale che altri ostaggi tornassero a casa”.

Questo è un sentimento non condiviso da Jill Diekmann, la cui cugina Carmel Gat è stata rapita da Hamas.

Ha detto che la politica dovrà aspettare e che la priorità principale per le famiglie dei prigionieri è sostenere qualunque cosa il governo faccia per rimpatriarli.

“Quando tutto sarà finito. Avremo abbastanza tempo per parlare di politica, ma voglio che mio cugino Carmel sia qui quando ne parliamo.”

Fino ad allora, ha detto, “sosterremo tutti gli sforzi volti a estrarre” i prigionieri. “Penso che la cosa più importante sia che il governo sappia di avere il sostegno della maggior parte degli israeliani”.

L’assassinio di Beirut non mostra alcun desiderio di cessate il fuoco

Tuttavia, gli omicidi hanno fatto arrabbiare molti israeliani che chiedono a gran voce una soluzione pacifica alla guerra.

READ  Le divisioni repubblicane sono emerse dopo il fallimento nell'assicurare il ruolo di presidente della Camera alla nuova maggioranza del Congresso degli Stati Uniti

Stand Together, un movimento arabo-ebraico per la pace, ha chiamato in piazza migliaia di persone nelle ultime settimane per chiedere un cessate il fuoco bilaterale e la fine dell’attuale campagna militare a Gaza.

Alon Lee Green, co-direttore di Standing Together, ha detto ad Al Jazeera che l’assassinio era un messaggio di Netanyahu e del suo gabinetto di guerra che “non siamo qui per negoziare”.

Una vittoria militare, non politica

Molti israeliani potrebbero considerare gli eventi di Beirut come una conquista militare, ma non si traducono necessariamente in una vittoria politica per Netanyahu, dicono gli analisti.

Invece, ha detto Goren, ciò non fa altro che ampliare il divario tra “la mancanza di fiducia nell’attuale leadership del governo e il livello di fiducia costantemente elevato nelle aree dell’establishment della sicurezza, nonostante tutto quello che è accaduto il 7 ottobre”.

Ha detto che il fatto che Gantz, un leader dell’opposizione, sia nel gabinetto di guerra dimostra che l’obiettivo di attaccare Hamas è condiviso dalla maggior parte dei leader politici, e quindi i successi militari non sono attribuiti esclusivamente a Netanyahu.

Anche se eventi come gli omicidi di Beirut potrebbero fornire una breve tregua alla leadership israeliana assediata, non cambieranno la precaria situazione politica di Netanyahu, ha affermato Yossi Mekelberg, membro del programma Medio Oriente e Nord Africa alla Chatham House.

Il primo ministro è in gran parte accusato di aver permesso che si celebrasse il 7 ottobre, quindi ogni volta che ci sarà un cessate il fuoco, ha detto Meckelberg, è probabile che l’opposizione contesti la sua posizione e chieda le elezioni.