Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Beijing Express – una storia vera simile a un film di un dirottamento di un treno

Beijing Express – una storia vera simile a un film di un dirottamento di un treno

Un lussuoso treno attraversa il paese dei ladri. Una carrozza letto di prima classe che trasporta membri dell’élite ingioiellata del mondo. Deragliato prima dell’alba. La pistola spara come fuochi d’artificio. Finestre in frantumi. caos. L’élite, che era stata presa in ostaggio mentre alcuni indossavano ancora i piedi o le mutande, fu condotta nella tana dei ladri di montagna. A migliaia di chilometri di distanza, in America, la famiglia più ricca del mondo sta cercando di mediare. Il Congresso degli Stati Uniti risuona con la notizia.

La storia del Beijing Express, un treno pieno di passeggeri americani ed europei dirottato in Cina nel 1923, è stata a lungo dimenticata. Ma ora James Zimmerman, un avvocato di Pechino che vive in Cina da più di 25 anni, ha raggiunto una rarità moderna. Ha scritto un nuovo interessante libro sulla Cina che non ha nulla a che fare con il modo in cui la rivalità USA-Cina sta facendo precipitare il mondo nell’instabilità o se Pechino si sta avvicinando troppo a Mosca. Dopo una sezione di apertura leggermente pesante, la sua narrazione è davvero decollata.

Insoliti sono gli eventi che vi vengono narrati Espresso di Pechino Sembra finzione. Ma copiose note dicono al lettore che questa è davvero una storia vera compilata da Zimmerman da note di ostaggio, cablogrammi diplomatici di inviati americani ed europei e fonti in articoli di giornali cinesi e occidentali contemporanei.

Ogni capitolo inizia con una citazione evocativa della persona coinvolta. William Smith, un turista britannico e uno dei 28 stranieri presi in ostaggio dai banditi, descrisse il momento in cui le bande si avventarono sul treno che andava da Shanghai a Pechino (come allora si scriveva Pechino). “Ho guardato fuori dal finestrino e nell’oscurità ho potuto distinguere una folla di uomini spettrali con le trecce avvolte intorno alla testa, vestiti a brandelli e con pistole e baionette, diretti verso i vagoni fissi”.

READ  Milan e Sony Pictures insieme per pubblicare 'Ghostbusstars: Afterlife'

La rapina e il successivo sequestro avvennero alle 2:40 del mattino del 6 maggio 1923, a breve distanza dalla cittadina di Lincheng nella provincia dello Shandong, una parte impoverita della Cina nord-orientale. Alcuni dei passeggeri sono stati uccisi quando i banditi hanno preso d’assalto il treno, mentre altri sono rimasti feriti. Alcuni sono riusciti a scappare strisciando attraverso i campi fino alla cintola Gaoliang Inseguendo.

Lucy Aldrich, cognata del magnate del petrolio e delle banche John D. Rockefeller Jr., è stata una delle persone più prolifiche prese in ostaggio e portate in montagna, ed è stata superata dall’avventurosa Aldrich, che era al suo secondo viaggio Intorno al mondo. Ha avuto un’educazione cliché nel New England e “voleva che gli altri la vedessero come un po’ ribelle: energica, intelligente, divertente”.

Stava andando a Pechino per ottenere cappotti di corte della dinastia Qing per la sua collezione di tessuti quando i banditi attaccarono. Troppo pesante e incapace di scalare le montagne da solo, Aldrich fu portato alla roccaforte dei ladri su un irsuto pony mongolo.

I ladri non avevano idea di chi fosse Aldrich o dell’entità del potenziale riscatto che rappresentava. Da parte sua, ha fatto tutto il possibile per nascondere la sua ricchezza, nascondendo i suoi gioielli prima nel corpetto e poi nelle punte delle scarpe in modo che le gemme permeassero i suoi piedi mentre camminava. Tuttavia, Aldrich riesce a stringere una relazione con il capo dei banditi, Sun Mei-yao, che lei descrive come un “giovane di bell’aspetto”.

Ad un certo punto, delirante per la stanchezza, si allontana dal gruppo di ostaggi durante un temporale e si ritrova in balia degli abitanti del villaggio, che la accolgono e la curano per rimetterla in salute. Alla fine è tornata negli Stati Uniti, dove ha scritto un resoconto del calvario, “Fine settimana con i banditi cinesi”per l’Oceano Atlantico.

READ  Biennale Cinema 2024 | 9 film dalla Biennale del Cinema di Venezia 2023 a Seoul

Aldrich non è affatto l’unico personaggio degno di nota nel racconto biografico di Zimmerman. Giuseppe Di Musso era un importante avvocato italiano con sede a Shanghai che rappresentava la Shanghai Opium Combine ed era noto per essere un confidente del nuovo leader fascista italiano, Benito Mussolini. John P. Powell, che è diventato un eroe man mano che gli eventi si sono svolti, era il corrispondente dalla Cina del Chicago Tribune. A 34 anni è salito sul treno con un completo di lana a tre pezzi, scarpe con la punta delle ali e un fedora stetsun grigio scuro.

Oltre a offrire una storia avvincente di rapine, omicidi, ostaggi e intrighi, Espresso di Pechino Dovrebbe anche fare appello agli studenti di storia cinese. Il caos, la corruzione e il tumulto che racconta erano tipici della Cina durante i decenni che hanno preceduto la rivoluzione comunista del 1949, quando i signori della guerra cinesi hanno manovrato e collusi per l’influenza in parti del paese parzialmente controllate dalle potenze coloniali.

L ‘”incidente di Lincheng” è stato fatale in un senso molto più ampio. Fu menzionato in uno dei primi discorsi registrati da un giovane leader comunista di nome Mao Zedong nel 1926. L’incidente, disse, fu un esempio di una “rivolta contadina affamata” contro gli imperialisti, i signori della guerra e le classi feudali. Mao ha detto di ammirare Sun Mi Yao ma lo ha criticato per la sua mancanza di una strategia politica unificata. Questo è stato un errore che i comunisti erano determinati a non ripetere.

Espresso di Pechino: I ladri che hanno rubato il treno, sbalordito l’Occidente e distrutto la Repubblica di Cina di James M. Zimmerman, Affari pubblici $ 30 / £ 25, 352p

James King è il Global China Editor del Financial Times

Unisciti al gruppo di libri online su Facebook all’indirizzo FT Libri Café