Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Bali aprirà ai viaggiatori internazionali a luglio 2021

L’Indonesia ha annunciato che accoglierà di nuovo i turisti internazionali entro poche settimane, incluso il luogo di villeggiatura di Bali, mentre cerca di lanciare la sua travagliata industria del turismo.

Il presidente indonesiano Joko Widodo ha affermato che i confini della nazione riapriranno parzialmente a luglio, con le destinazioni di Bali, Batam e Bintan che diventeranno “regioni locomotiva” che rilanceranno l’economia turistica dell’intero Paese.

Una dichiarazione del ministero del turismo del paese ha affermato che il piano andrà avanti “se la pandemia verrà gestita come previsto”.

“In preparazione, il governo ha implementato un programma di vaccinazione su larga scala per gruppi target, compresa la forza lavoro turistica”, afferma la nota.

“Inoltre, il governo ha anche lanciato un programma di certificazione di igiene, salute, sicurezza e sostenibilità ambientale in tutto il settore turistico in Indonesia”.

L’annuncio è stato fatto all’Arabian Travel Market (ATM) Dubai 2021, un evento del settore dei viaggi a cui hanno partecipato quasi 200 paesi, a Dubai e circa.

Relazionato: Il divieto di viaggio in Australia è peggio dell’Arabia Saudita

“Partecipando all’Arabian Travel Market Dubai 2021, il principale evento globale nel campo del turismo in uscita, stiamo dimostrando che l’Indonesia è fiduciosa nel mantenere la sua posizione di destinazione di livello mondiale”, ha affermato Nia Niskaya, viceministro del marketing del turismo.

Tuttavia, mentre Bali potrebbe riaprire i suoi confini agli arrivi internazionali, gli australiani non potranno visitare fino a quando il governo federale non abrogherà il divieto di viaggiare all’estero.

Questa non è la prima volta che Bali, affamata di turismo, cerca di riaprire le sue porte ai visitatori internazionali.

READ  Ministero della Salute: una donna del Mali ha dato alla luce nove bambini del Mali

piano per Bentornati arrivi all’estero a settembre interrotti A causa del divieto di viaggio in corso e del picco nazionale di casi di Covid-19.

La mancanza di turisti, soprattutto dall’Australia, ha decimato l’economia di Bali, l’80% della quale dipende dal turismo.

Conti da brivido dall’interno di un’isola deserta per le vacanze Descrivi resort vuoti, attività commerciali chiuse e l’aeroporto di Denpasar, un tempo affollato, è in gran parte vuoto.

L’isola ha implementato una serie di misure per sedare l’epidemia di Covid-19, comprese le maschere obbligatorie in pubblico, che vengono prese così sul serio che un influencer dei social media dalla Russia è stato Recentemente è stato espulso per aver infranto la regola in un supermercato.

Ma la notizia della riapertura delle frontiere dell’Indonesia arriva mentre gli esperti avvertono che il paese è sull’orlo di un nuovo focolaio, forse alimentato dai recenti grandi raduni di Eid al-Fitr, che segnano la fine del Ramadan il mese scorso.

scrittura Conversazione OggiGli accademici Tim Lindsey e Max Walden dell’Università di Melbourne hanno affermato che i piani per frenare un evento potenzialmente diffuso di Eid al-Fitr quest’anno potrebbero essere falliti.

Tradizionalmente, milioni di musulmani tornano ai loro villaggi d’origine per vedere la famiglia e gli amici durante questo periodo – un evento di massa noto come modik. Temendo una ripetizione dell’anno scorso, quando i casi giornalieri sono aumentati del 93% dopo MODEC, il governo ha vietato i viaggi quest’anno – la seconda volta che ha cercato di fermare MODEC, hanno scritto.

Ma, come spesso accade in Indonesia, c’è stata una grave mancanza di applicazione e una circolazione modesta, anche se i numeri sono diminuiti. I gruppi di WhatsApp sono in fiamme per evitare i posti di blocco della polizia.

READ  La famiglia reale si prepara, la regina Elisabetta, a riprendere i doveri reali

“Nelle ultime due settimane, gli indonesiani sono tornati gradualmente nelle città, il che ha sollevato timori di un grave focolaio.

“Questo sta accadendo nella vicina Malesia, dove il governo ha annunciato un blocco completo del paese dopo l’Eid poiché i giorni successivi di infezioni record hanno aumentato il numero totale di casi a oltre 550.000”.

La professoressa Lindsey Walden, dell’Asian Law Center della Melbourne Law School, ha indicato i dati inaffidabili sul Covid-19 dell’Indonesia e i bassi tassi di test nel paese, perché non erano gratuiti e rispondevano a test rapidi dell’antigene meno accurati.

L’Indonesia è stato il Paese del sud-est asiatico più colpito dalla pandemia, con oltre 1,7 milioni di casi confermati e 48.000 morti, secondo Reuters.