Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Articoli per la casa in ceramica che stimolano l’immaginazione

L’amore degli esseri umani per la ceramica persiste da migliaia di anni. Riempie gallerie e musei così come le nostre case. Dalle semplici pentole in terracotta all’anfora greca classica e alla delicata maiolica smaltata di stagno, gli stili si sono evoluti e si sono tuffati nella moda e oltre.

Ma ciò che unisce loro e i loro creatori, afferma Eleonor Trinado-Vinitis, proprietaria della galleria greca Mon Coin Studio, è “questo senso di continuità e unità, che si estende dai primi tempi ai giorni nostri”.

Negli ultimi due decenni, l’amore per l’artigianato è stato “diciamo deserto”, afferma Trenado-Finetis, poiché le ceramiche prodotte in serie hanno dominato il mercato. Ora, dice, la porcellana greca è di nuovo richiesta.

Infatti, artigiani e gallerie di tutta Europa hanno segnalato un rinnovato interesse per il loro lavoro. A livello globale, il mercato delle stoviglie in ceramica è cresciuto da 59,1 miliardi di dollari nel 2017 a 75 miliardi di dollari previsti entro la fine di quest’anno, secondo un rapporto di Marketresearch.com.

In parte, la domanda è stata guidata dal desiderio degli acquirenti più giovani di pubblicare scene in perfetto stile su Instagram: #ceramics ha più di 17 milioni di post e il rivenditore Matchesfashion.com riferisce che ceramiche e articoli per la tavola sono gli articoli più venduti tra gli articoli per la casa categoria. .

Trenado-Finetis suggerisce che è la ricca storia del veicolo ad attirare l’interesse. Mentre molti credono che la porcellana in Europa inizi nel periodo greco classico e romano, i pezzi più antichi rinvenuti risalgono al 29.000-25.000 aC, trovati in un sito a Dolní Věstonice nella Repubblica Ceca.

READ  La Red Bull compra il Leeds da Massimo Cellino - le voci erano vere?

Ceramica sull’isola di Sifnos, Grecia, 1950 © Sifnos Potters’ Union

Anche nella storia greca, Trenado-Finetis desidera celebrare l’opera del periodo preclassico (V-IV secolo aC) – in particolare i ceramisti, o tsikalades, sull’isola di Sifnos, nelle Cicladi. la sua galleria, Un viaggio in porcellana in giro per la Grecia: SifnosApre questa estate.

“La tradizione di Sifnos nella ceramica risale al 2500 aC, al periodo delle Cicladi, ed è stata tramandata di generazione in generazione, senza interruzioni, fino ad oggi”, afferma. Attualmente sono 16 le moderne officine ancora operanti con tecniche tradizionali.

Sifnos non è l’unico ad essere orgoglioso della storia della ceramica. La Puglia, nel sud Italia, è orgogliosa della sua maiolica, una tecnica di porcellana smaltata a stagno che viene prodotta nella regione dal XIV secolo circa.

Un marchio a conduzione familiare, Ceramiche Fasano, proviene da un gruppo di ceramisti con sede a Grottaglie in Puglia. L’azienda è ora giunta alla quinta generazione e ha clienti di lusso in tutto il mondo, incluso il direttore Francis Ford Coppola.

Tecniche che a prima vista sembrano europee sono spesso migrate in tutto il mondo: la maiolica nasce come ceramica smaltata al piombo nell’antica Assiria. Arrivò in Spagna – attraverso il Medio Oriente – nel X secolo, prima di migrare in Italia nel XIII e XIV secolo.

La città italiana di Faenza è particolarmente famosa per lo stile e la porcellana della città è conosciuta come maiolica. Dopo che un monaco italiano portò la tecnica in Francia, divenne popolare anche lì, in particolare dopo che fu usata alla corte di Luigi XVI (e raffigurata come Finanza).

Vaso Corala Mayuri

Vaso Coralla Maiuri © Artemest

Vaso Le Pavoncelli di Cerasarda

Vaso Le Pavoncelli di Cerasarda © Artemest

Oggi, il remoto villaggio provenzale di Moustiers-Sainte-Marie, con una popolazione di 720 abitanti, è noto per la sua lavorazione della porcellana, che offre laboratori per clienti globali tra cui Tiffany, Bergdorf Goodman, Takashimaya e Hermès.

Tecniche e disegni storici sono un importante punto di riferimento per i ceramisti contemporanei. Myrto Zerini, una ceramista di Atene, dice di aver “trovato alcuni pezzi nel Museo Archeologico che sono stati l’ispirazione per una serie di tazze”. Nel frattempo, gli artisti spagnoli Canoa Lab affermano di aver trovato ispirazione nel Museo Prehistòria de Valencia.

Ma ciò che realmente interessa a loro e ai loro clienti è la reinterpretazione in chiave moderna della loro professione.

“Molti artigiani aggiungono un tocco moderno ai modelli e alle tecniche tradizionali”, afferma Ippolita Rostagno, direttore creativo di Artemest, un negozio online che riunisce il lavoro di oltre 1.300 artigiani italiani.

I ceramisti sardi di Cerasarda utilizzano l’incisione a mano su argilla per ricreare soggetti locali come Bafonsilla – Tipico simbolo sardo di pace – in pannelli decorativi. L’artista rumena Coralla Maiuri crea vere e proprie opere d’arte, mescolando fini porcellane con lapislazzuli dipinti a mano e dettagli dorati.

Anche l’argilla stessa è pronta per essere reinventata di nuovo: Paola Baronetto, ceramista nata a Pordenone, nel nord-est dell’Italia, ha una tecnica innovativa che prevede di mescolare carta e argilla per creare una texture unica con una qualità delicata e tattile. “La sua natura complessa richiede l’azione lenta di additivi e strati”, afferma.

Piatto in ceramica di Simos Atsonios per Peristeriona

Piatto in ceramica di Simos Atsonios per Peristeriona

piatto in ceramica di fasano

Piatto in ceramica di Fasano © Grace Sisters

Non sono solo i produttori a trovare il modo di aggiornare la ceramica tradizionale per un pubblico moderno: lo stanno facendo anche gli acquirenti di articoli per la casa che amano l’artigianato.

Natalie Seitner, ex fashion buyer per Browns e Net-a-Porter, ha fondato lo scorso agosto il suo marchio di ceramiche Bettina Ceramica, ispirata dal talento italiano di sua madre per decorare la sua casa con la tradizionale porcellana artigianale.

Una delle sorprese che ha ottenuto è stata una serie di piccole ciotole di ceramica di acqua santa poste vicino alla porta. Dice: “Sono stati fatti per migliaia di anni e sono tradizionalmente nei luoghi di culto, ma mia madre li ha sempre messi a casa nostra, dove era
Souvenir, come fotografie o fiori freschi.”

Sytner ha impiegato mesi di ricerca durante l’arresto per trovare un produttore; Alla fine ne ha trovato uno nella pistola che “ha letteralmente rispolverato campioni dal suo loft”, dice. “Non li producevano da molto tempo e non potevo credere di volerli riportare in vita”.

Vasi Ranunculi, Paola Baronetto

Vasi Ranunculi, Paola Baronetto © Studio Auber

Sytner ha reinventato più design per il pubblico moderno, inclusi “candelieri tradizionali dei cavalieri”, ceramiche artigianali Pomo di Puglia, tradizionali portafortuna e una nuova collezione di vasi di terracotta dall’aspetto tradizionale, ma in colori tenui. Ha cinque produttori in tutta Italia e hanno sede a Venezia, Firenze e Puglia.

“Mi occupo principalmente dei nipoti o dei pronipoti degli artisti originali”, dice. Aggiunge che i loro nipoti sono incredibilmente protettivi nei confronti dell’eredità della loro famiglia.

“Alcuni non mi venderebbero finché non ci incontrassimo di persona alcune volte e cenammo insieme; non è un modo moderno di fare affari, ha vecchie vibrazioni. Ma lo rende un viaggio molto personale”.

È stato un viaggio di famiglia che ha ispirato Zoë de Givenchy a creare una linea di posate. È stata ispirata dai gusti del suo defunto zio, il conte Hubert de Givenchy, fondatore della casa di Givenchy. Si recava regolarmente a Moustiers-Saint-Marie e portava sua nipote in viaggi di ricerca dove arredava il suo castello del XVI secolo al castello di Joncher nella Valle della Loira.

“La sua passione e la vasta conoscenza del francese mestieri d’artecomprese le ceramiche francesi – porcellane e maioliche – è stata ampia”, afferma Zoe de Givenchy. “È stata un’istruzione accattivante per me che si è estesa dalla sua tavola agli atelier, presentandomi personalmente alle numerose famiglie di artigiani con cui lavoro oggi. “

Becher di romana al Canoa Lab

Becher di romaine al Canoa Lab © Edouard Sanville / Juliette Abitbol

Acquisizione di Bettina Ceramica

Acquisizione di Bettina Ceramica

Continuando la sua eredità, ora commissiona laboratori provenzali
Crea una gamma di posate da piatti e ciotole a vasi da farmacia in porcellana, ispirati a quelli usati durante l’era Luigi XVI ma aggiornati per un pubblico moderno.

“Volevamo attingere al riferimento storico ai Moustier blu, un grande simbolo della regione, e confrontarlo con un concetto moderno”, afferma.

Moustiers-Sainte-Marie è stata anche l’ispirazione per una nuova linea di posate per la signora Carol Bamford, co-fondatrice di Daylesford, che ha una casa nel sud della Francia. L’anno scorso, ha chiesto all’Atelier Soleil, guidato dall’abile artigiano Frank Shearer, di realizzare la sua gamma di ceramiche utilizzando tecniche secolari di incisione, lancio e modellatura a mano.

“È un processo affascinante da osservare”, afferma Rebecca Mallion, Head of Homeware Product Development di Daylesford, che ha recentemente visitato l’officina. I video sul suo sito web mostrano Scherer che forma un piatto sulla sua ruota, premendo i bordi del fango bagnato con le mani come il bordo di una torta. È ipnotico.

Piatto Zoe de Givenchy

Pittura di Zoë de Givenchy © Billal Taright

Secondo i produttori moderni, è proprio questo contatto tattile che ha reso questo mestiere millenario così attraente per un pubblico moderno più abituato ai rubinetti telefonici.

Trinado Venetes crede che impegnarsi con un’opera d’arte in ceramica, anche se è solo una scultura, dia alle persone “una vera connessione con gli altri e con l’arte”, ha affermato.

“La ceramica fatta a mano non trasporta solo l’energia del suo creatore [and] L’impronta della loro anima, ma [their] Attenzione, [their] Amore e rispetto per la materia e per la bellezza della vita.

Scopri prima le nostre ultime storie: resta sintonizzato Incorpora il tweet su Twitter o Incorpora il tweet su instagram