Luglio 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Arresti e feriti nelle proteste contro il governo israeliano | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Arresti e feriti nelle proteste contro il governo israeliano |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Altre migliaia parteciperanno a manifestazioni a livello nazionale per protestare contro la guerra di Gaza e il fallimento dei negoziati sul rilascio dei prigionieri.

Al Jazeera riferisce da fuori Israele perché è bandito dal governo israeliano.

Almeno nove persone sono state arrestate durante le proteste antigovernative a Gerusalemme, e altre manifestazioni sono previste nei prossimi giorni nel contesto della guerra di Israele a Gaza e del conflitto con Hezbollah.

Lunedì sera la polizia si è scontrata con i manifestanti vicino alla residenza del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, e i media israeliani hanno riferito che uno degli arrestati era un membro della famiglia di un prigioniero israeliano detenuto a Gaza.

I manifestanti chiedono nuove elezioni e un cessate il fuoco a Gaza, oltre ad un accordo per il rilascio dei prigionieri detenuti nella Striscia palestinese.

Uno dei cartelli portati dai manifestanti, che recava l’immagine di Netanyahu e impronte di mani insanguinate, diceva: “A causa tua moriamo, esci dalle nostre vite”.

La polizia ha utilizzato idranti contro i manifestanti e, secondo quanto riferito, tre persone sono state ricoverate in ospedale per cure, tra cui un paramedico che indossava una giacca a cui è stato sparato un colpo in un occhio.

Gli israeliani si sono riuniti a Tel Aviv ogni sabato sera da quando l’attuale conflitto è iniziato in ottobre, ma questa settimana decine di migliaia si sono riversate a Gerusalemme. I manifestanti sono stati raggiunti davanti alla Knesset, il parlamento israeliano, dal leader dell’opposizione Yair Lapid.

La polizia ha allontanato con la forza diverse persone dalla protesta [Saeed Qaq/Anadolu Images]

Gli organizzatori delle proteste antigovernative hanno chiesto una “settimana di disordini”.

Hanno inoltre invitato le autorità locali e gli imprenditori a unirsi alle proteste, con l’obiettivo di tenere elezioni prima del primo anniversario dell’attacco guidato da Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre.

READ  Bambini rifugiati afghani muoiono dopo aver mangiato funghi velenosi al confine con la Polonia

Stamattina le famiglie dei prigionieri israeliani hanno partecipato ad una commissione parlamentare, affermando di essere stanche dell’assenza di leadership e di potere decisionale.

Aumentano le pressioni su Netanyahu, che lunedì ha sciolto il governo di guerra dopo che il suo rivale, Benny Gantz, lo aveva lasciato con l’ex capo dell’esercito Gadi Eisenkot a causa della mancanza di un piano futuro per Gaza.

Hamda Salhout di Al Jazeera ad Amman, in Giordania, ha detto che i manifestanti stanno manifestando anche contro il lungo conflitto con Hezbollah nel nord, che ha costretto centinaia di migliaia di israeliani a fuggire per mesi.

“Entrambe le parti hanno aumentato il ritmo dei loro attacchi nelle ultime settimane. Gli israeliani affermano di non aver paura di impegnarsi in un conflitto totale con Hezbollah. Tuttavia, la data di ritorno per gli sfollati che vivono nel nord di Israele è stata posticipata fine agosto”.

“Si stanno svolgendo manifestazioni da parte di queste persone contro il governo poiché i manifestanti affermano che non esiste un piano per affrontare gli incendi in corso al confine”, ha detto Salhout.

Persone in una manifestazione issano bandiere libanesi e striscioni in ebraico
Un uomo tiene in mano un cartello con la scritta “Controllo passaporti” in ebraico, con sotto un cartello raffigurante la bandiera nazionale libanese, in segno di protesta contro l’espansione del conflitto al confine settentrionale di Israele con il Libano, durante una manifestazione antigovernativa a Tel Aviv [File: Jack Guez/AFP]

Amir Oren, editorialista del quotidiano israeliano Haaretz, ha affermato che la rabbia contro il governo sta crescendo da parte degli israeliani sfollati nel nord a causa dei combattimenti transfrontalieri con Hezbollah nel sud del Libano da otto mesi.

“Il sentimento pubblico è ora contrario al governo Netanyahu, circa tre quarti del pubblico sono stufi di Netanyahu. Lo vogliono fuori. “Ma non c’è modo di trasformarlo in un potere parlamentare perché mantiene ancora la sua coalizione da 64 seggi”, ha detto Oren ad Al Jazeera.

READ  Ristorante fast food Pompei di 2000 anni aperto al pubblico

“Fino ad allora ci sono divisioni in questa coalizione e le grida delle famiglie degli ostaggi [northern Israel] “La rimozione non avrà alcun effetto.”