Marzo 21, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Altre sofferenze petrolifere del G7 saranno avvertite da Vladimir Putin e dalla Russia

Il Centro finlandese per la ricerca sull’energia e l’aria pulita (CREA) ha stimato che i ricavi delle vendite di combustibili fossili in Russia sono stati inferiori del 17% a dicembre e sono costati alla Russia circa 160 milioni di euro (246 milioni di dollari) al giorno.

La Russia è stata in grado di mantenere in gran parte il volume delle sue esportazioni di petrolio reindirizzando le sue vendite dall’Europa, che in precedenza era il suo più grande mercato di petrolio e gas, verso Cina, India e Turchia.

Ha costruito la propria flotta di petroliere per aggirare i limiti e ha utilizzato tecniche di elusione delle sanzioni sviluppate da paesi come l’Iran e la Corea del Nord, ma il gruppo relativamente ristretto di acquirenti disposti ad accettare il suo petrolio ha usato la propria influenza per ottenere forti sconti anche prima dell’imposizione del price cap.

La guerra causerà danni permanenti all’economia russa. credito:AP

Nuovi limiti sui prodotti raffinati potrebbero essere più efficaci ma generare alcuni effetti negativi sull’Occidente nel processo.

La Cina e l’India, i due maggiori acquirenti di petrolio russo, hanno settori di raffinazione interni molto ampi. Non hanno bisogno di gasolio, olio combustibile russo o altri prodotti intermedi. Non esiste un mercato chiaro per il prodotto russo, precedentemente venduto in Europa.

Caricamento in corso

La Cina e l’India, ovviamente, potrebbero essere pronte ad acquistare prodotti russi con sconti molto significativi e quindi spedire i loro prodotti ad acquirenti che avevano precedentemente acquistato dalla Russia, ma questo è un modo ingombrante e, date le relative distanze, costoso per sostituire i prodotti cinesi o prodotti indiani. Per il petrolio russo che l’Europa comprava.

READ  Singapore inizia a vaccinare gli studenti per sedare le epidemie di COVID-19 mentre nuove varianti causano il caos altrove in Asia

Il rovescio della medaglia del dilemma russo è che se non c’è un mercato di dimensioni sufficienti, il prodotto russo non raggiungerà il mercato mondiale ei prezzi dei prodotti raffinati aumenteranno, forse bruscamente.

Anche se la Cina e/o l’India fossero disposte ad acquistare dalla Russia e vendere il loro prodotto interno sul mercato globale, ci sarebbero aumenti sostanziali dei costi di trasporto e quindi dei prezzi finali a meno che il prodotto russo non fosse loro venduto con enormi sconti.

Il limite di prodotto russo proposto dall’UE è di 100 dollari al barile per il diesel e di 45 dollari al barile per altri prodotti con un valore aggiunto inferiore. Il CREA stima che un limite a questo livello, combinato con un simultaneo divieto europeo pianificato sulle importazioni di prodotti raffinati, potrebbe costare alla Russia altri 120 milioni di euro (185 milioni di dollari australiani) al giorno.

Il cap a questo livello sarebbe generalmente coerente con l’approccio al greggio russo. I prezzi dei prodotti raffinati variano molto più ampiamente rispetto a quelli del petrolio greggio, ma questi massimali sembrano essere circa il 30% di sconto, forse un po’ di più, sui prodotti scambiati liberamente.

La Russia continuerà a generare enormi entrate dalle vendite di petrolio greggio e raffinato anche con le restrizioni e gli embarghi in atto, ma il miliardo di euro al giorno che guadagnava prima dell’invasione potrebbe essere più o meno dimezzato.

A parte il mancato guadagno, gli embarghi ei limiti di prezzo danneggeranno a lungo termine l’industria energetica russa, che, prima dell’invasione, generava circa il 45% delle entrate del governo federale.

L’anno scorso, la Russia ha registrato un deficit di bilancio record di 3,3 trilioni di rubli (circa 70 miliardi di dollari) dopo che un deficit di dicembre ha spazzato via 11 mesi di avanzi.

READ  Ferdinand Marcos Jr., figlio del dittatore filippino, ha confermato la sua candidatura alla presidenza, scatenando le proteste

Sta pianificando qualcosa di simile quest’anno, ma si basa su un prezzo medio del petrolio di $ 70 al barile. E ai prezzi che hanno ricevuto da quando sono stati fissati i limiti, quel deficit quasi raddoppierà anche prima dei limiti per i prodotti raffinati.

Prima dell'invasione, l'industria energetica russa generava circa il 45% delle entrate del governo federale.

Prima dell’invasione, l’industria energetica russa generava circa il 45% delle entrate del governo federale.credito:bloomberg

Potresti affrontare qualcosa di peggio.

Il Gruppo dei Sette ha concordato all’inizio di questo mese di rivedere il livello del prezzo massimo per le esportazioni di greggio russo.

I paesi del G7 avevano originariamente pianificato di tenere la revisione a febbraio, ma hanno rinviato la revisione a marzo per avere un’idea migliore di come il limite influirà sulla Russia e sul mercato globale e alcuni commenti iniziali sui limiti di prodotto perfezionati che potrebbero consentire al gruppo di migliorare calibrarli.

I nuovi cap saranno imposti in un mercato più complesso, con prezzi più diversificati rispetto al greggio.

A parte il mancato guadagno, gli embarghi ei limiti di prezzo danneggeranno a lungo termine l’industria energetica russa, che, prima dell’invasione, generava circa il 45% delle entrate del governo federale.

Ha perso il suo principale mercato europeo per il greggio, i prodotti raffinati e il gas, rendendo ridondanti centinaia di miliardi di dollari in infrastrutture di elaborazione e gasdotti e potrebbe lasciare bloccati alcuni importanti giacimenti di gas.

L’Europa non permetterà mai a se stessa di diventare dipendente dall’energia russa come lo era prima della guerra, ed è improbabile che la Cina o l’India si lascino esporre quanto gli europei.

I costi, indipendentemente dal fatto che il petrolio o il gas vengano spediti o convogliati ad acquirenti non europei, saranno esponenzialmente più alti (per il gas, forse proibitivi).

READ  Guerra russo-ucraina: Vladimir Putin nel suo discorso ha indicato più invasioni

Caricamento in corso

Vladimir Putin vedeva nella dipendenza dell’Europa dall’energia russa la sua debolezza e una leva per impedirle di fornire assistenza all’Ucraina. Invece, l’Europa ha usato la sua posizione di maggior cliente energetico della Russia contro di essa, e questo errore causerà danni significativi, forse permanenti, all’economia russa indipendentemente dall’esito della guerra.

La newsletter Business Briefing offre notizie importanti, copertura esclusiva e opinioni di esperti. Iscriviti ogni mattina della settimana.