Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Alberto Zamperla, impresario di cabaret, è morto all’età di 71 anni

Alberto Zamperla, il creatore di parchi a tema di livello mondiale la cui rivitalizzazione del Luna Park ha aiutato Coney Island a riprendersi da decenni di declino, è morto il 17 novembre vicino a Vicenza, nel nord-est dell’Italia. Aveva 71 anni.

Suo figlio, Alessandro, ha confermato la sua morte in un ospedale di Altavilla Vicentina e ha detto che la causa doveva ancora essere determinata.

Il Gruppo Zamperla è stato fondato dal padre di Alberto, Antonio, nel 1966, ma trae le sue origini dal bisnonno Angelo, che a metà dell’800 sposò un fantino da circo e divenne acrobata.

Fino alla sua morte, il signor Zamperla è stato presidente del gruppo di famiglia, che progetta e produce montagne russe e altre giostre e gestisce parchi di divertimento in tutto il mondo.

Ha già ceduto il controllo quotidiano ai suoi due figli. Antonio, il maggiore, si occupa della produzione. Alessandro, presidente di Central Amusement International, gestisce Luna Park e altri parchi di divertimento.

Nel 2010, durante l’amministrazione di Michael R. Bloomberg, Central Amusement ha vinto un contratto con la New York City Economic Development Agency per Rivitalizzazione del Luna Park A Brooklyn, un tipico quartiere fieristico aperto nel 1903 che ha ospitato milioni di persone fino a quando la maggior parte è stata distrutta dopo un incendio durante la seconda guerra mondiale.

Negli anni 2000, le ruote panoramiche, le giostre dei parchi divertimenti, le montagne russe, le giostre acquatiche, i circhi e le attrazioni animali del Luna Park e dei suoi due principali concorrenti, Dreamland e Steeplechase Park, tutti illuminati da milioni di lampadine nude, hanno creato Coney Island il più grande parco divertimenti degli Stati Uniti. .

READ  La millesima partita della Williams si è conclusa con una sconfitta agli Open d'Italia

Il Luna Park presenta ancora il tornado originale del 1927, un ottovolante in legno con schizzi e urla che si tuffa per 25 metri a 100 km all’ora e una torre in acciaio appena installata fulmineche fa cadere i ciclisti di 90 gradi e li capovolge quattro volte.

La società, che originariamente ha speso circa 15 milioni di dollari per ristrutturare il Luna Park, ha affermato Alessandro Zamperla, ha investito un totale di circa 100 milioni di dollari dal 2010, il suo più grande esborso di qualsiasi proprietà.

“Mio padre amava New York e Coney Island perché significava così tanto per noi come famiglia, e viveva e respirava il divertimento”, ha detto in un’intervista telefonica.

Lo ha detto lo stesso Alberto Zamperla in un’intervista al sito Siamo italiani Nel 2018, “Senza nulla togliere a nessuno, posso ancora dire che un traguardo di cui vado molto fiero è quello di aver potuto far rivivere il Luna Park di Coney Island, New York, nel 2010 e continuare a gestirlo con soddisfazione e successo.”

Il signor Zamperla aveva circa venticinque anni nel 1976 quando suo padre lo mandò dall’Italia in Nord America, prima a Montreal e poi nel New Jersey, per sviluppare un mercato di dispositivi a gettoni, tour per famiglie e attrazioni che l’azienda aveva progettato e sviluppato in Europa.

Zamperla ha dichiarato di aver visitato la sede dell’azienda ad Altavilla Vicentina New York Times nel 2010, “Qui è dove nascono le idee”.

Zamperla ha sviluppato Ball, una macchina arcade che mette alla prova la forza di un giocatore mentre cerca di stringere insieme le corna dell’animale, e Punchball, un altro gioco di carnevale, modellato su un sacco da boxe, apparso nel film “Urban Cowboy” (1980) con John Travolta e Debra Winger.

READ  Stornaras della Banca centrale europea ritiene che le scommesse sull'aumento dei tassi di interesse sugli investitori non siano giustificate

Dopo aver adattato un nuovo braccio meccanico per la giostra di Dumbo a Disneyland ad Anaheim, in California, la società è stata invitata a progettare sette delle 12 giostre originali per Disneyland Paris nel 1988. Ciò ha portato a un boom di altre attività Disney e contratti con altri parchi a tema , tra cui Universal e Six.Flags.

Le commissioni per le attrazioni sono arrivate da tutto il mondo, compresa Pyongyang, la capitale della Corea del Nord. La Trump Organization di New York ha assunto Zamberlas per creare Victorian Gardens, un’alternativa estiva alla pista di pattinaggio a Central Park.

Nel 2019 Zamperla è stato inserito nella International Association of Amusement Parks and Attractions Hall of Fame.

Alberto Zamperla nasce il 3 febbraio 1951 a Pieve di Soligo, in provincia di Treviso, a nord di Venezia, da Antonio e Letizia Zamperla.

Ha frequentato un convitto gestito da sacerdoti salesiani e, dopo essersi diplomato in metallurgia presso l’Istituto Tecnico Industriale di Vicenza, ha prestato servizio dal 1975 al 1976 nella Brigata Albin Cador dell’Esercito Italiano.

Ha rilevato l’azienda dal padre nel 1994, dividendosi infine tra Vicenza e New York. Oltre ai due figli, Antonio e Alessandro, lascia la moglie Paola; un altro figlio, Adriano; e tre nipoti.

Era noto per aver reso accessibili ai bambini con disabilità un maggior numero di attrazioni della sua azienda e per aver contribuito a organizzazioni senza scopo di lucro a loro vantaggio. Nel 2015 si è battuto a profusione, ma senza successo, per il sindaco di Venezia con lo slogan “No alla noia, sì alla vita”.

“Adoro volare tra le nuvole intorno al nostro bellissimo pianeta, per almeno cento giorni all’anno”, ha detto la compagnia citando Zamperla. “Amo vivere a New York City. Sono orgoglioso di essere un albino-italiano. Sono orgoglioso di essere soprattutto un cittadino globale. Mi piace sapere che la mia professione rende felici i bambini di tutte le età in tutto il mondo.”

READ  I blocchi cinesi continuano a sconvolgere la vita e l'economia globale

Il signor Zamperla si annoverava tra loro. In effetti, teneva una possente collezione di papere di gomma nel suo bagno.

“Sono un ragazzino e lo sarò sempre”, ha dichiarato al Financial Times nel 2016.

Elisabetta Povoledo ha contribuito alla segnalazione.