Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Absa mette all’asta 40 auto legate alla truffa della diga di Itare

comp

Absa mette all’asta 40 auto legate alla truffa della diga di Itare


AbsaBank2302C

Sede centrale di Absa a Westlands, Nairobi. Immagine del profilo | NMG

bonface_img

riepilogo

  • La diga di Itari è al centro delle indagini penali.
  • La società italiana è fallita e ha presentato istanza di fallimento in Italia per salvare le sue operazioni e impedire la liquidazione della società.
  • Ha cercato di bloccare l’asta in Kenya in attesa di una decisione dei tribunali italiani, ma il giudice Francis Tuyot ha respinto la richiesta.

Absa Bank Kenya #ticker: ABSA ha messo all’asta più di 40 auto acquistate da una società italiana in bancarotta per essere utilizzate nella costruzione della controversa diga di Itare a Nakuru con un prestito di 585 milioni di scellini.

La vendita forzata dei veicoli e delle attrezzature sequestrati, tra cui Isuzu D/Max, ribaltabili, motori primi e argani, è fissata per il 28 ottobre, secondo un avviso di Phillips International Auctioneers.

La diga di Itari è al centro delle indagini penali.

La società italiana è fallita e ha presentato istanza di fallimento in Italia per salvare le sue operazioni e impedire la liquidazione della società.

Ha cercato di bloccare l’asta in Kenya in attesa di una decisione dei tribunali italiani, ma il giudice Francis Tuyot ha respinto la richiesta.

Absa e l’azienda italiana stanno combattendo per le auto in un periodo in cui il direttore delle indagini penali ha sequestrato 17 veicoli, sostenendo che fossero finanziati con fondi pubblici.

L’asta segue un’approvazione firmata dal giudice David Maganga tra Absa e l’azienda italiana.

La banca dovrebbe riferire sui proventi dell’asta.

“Se c’è un deficit nella vendita di veicoli e attrezzature, allora questo deficit dovrebbe far parte del piano di configurazione attualmente gestito in Italia e riconosciuto a Nairobi da HCCOM MISC/E627 per il 2019”, secondo l’approvazione.

La Phillips International Auctioneers ha emesso un avviso di vendita di veicoli e macchinari la scorsa settimana.

Il banditore ha dichiarato: “Su istruzioni dei nostri principali finanziatori, metteremo all’asta i veicoli e i macchinari non menzionati nei nostri uffici situati nella proprietà di Kilishwa lungo Kandara Road a Nairobi giovedì 28 ottobre 2021”.

CMC di Ravenna ha sospeso la costruzione della diga nel novembre 2018 e ha lasciato il sito dopo aver chiuso i suoi uffici nel paese prima di restituire il progetto al Rift Valley Water Services Board (RVWSB).

La società italiana è stata incaricata da RVWSB di costruire una diga di 36 miliardi di Sh36 a Kurisui Mulu nella prefettura di Nakuru.

Il consiglio ha anche cercato di unirsi al caso, sostenendo di aver dato 82,5 milioni di scellini per acquistare 17 auto.

Secondo il consiglio, i veicoli dovevano essere immatricolati con il nome della società italiana e trasferiti ad essa una volta completato il progetto.

Il Consiglio ha confermato che i veicoli non appartenevano a CMC Di Ravenna, sebbene la società italiana abbia utilizzato i veicoli per ottenere un accordo di finanziamento con Absa il 23 maggio 2017, senza il loro consenso o conoscenza.

Da parte sua, Absa ha affermato che la società italiana l’ha contattata nel 2017 e nel 2018 per varie agevolazioni finanziarie.

Le agevolazioni includevano il finanziamento delle attività, le opzioni multiple (prestito/scoperto a breve termine), il capitale circolante e le garanzie bancarie.

La banca, tramite l’avvocato Kamau Karuri, ha dichiarato di aver prestato a CMC di Ravenna Sh585 milioni per l’acquisto di 98 veicoli e attrezzature da utilizzare nel progetto della diga.

Anche la direzione generale della difesa dei bambini ha preso di mira i veicoli, ma Absa ha obiettato, affermando che l’agenzia stava confondendo le dighe di Kemwarer nel distretto di Elgyo Maruakwit con la diga di Itari. La DCI è stata autorizzata a detenere 17 veicoli mentre alcuni erano detenuti da altri creditori.

I documenti depositati in tribunale da DCI hanno indicato che 160 milioni di scellini in fondi per il progetto diga sono stati pagati a Toyota Kenya per 45 veicoli, che vanno da Prados, Fortuners, Corollas, Hiace e camioncini.

La società italiana, attraverso il presidente Alfredo Fioretti, ha riconosciuto i debiti e le inadempienze.

Il prestatore è riuscito a ottenere un ordine per il sequestro di 98 veicoli, ma la DCI è rimasta con 17. La società italiana ha successivamente accettato di vendere i veicoli per recuperare il prestito.

READ  Il presidente Biden annuncia la sua intenzione di nominare i leader dell'amministrazione senior per il Dipartimento di Stato