Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

A Minute With: il regista Tim Burton mostra la grafica e definisce i film i suoi “bambini problematici”

A Minute With: il regista Tim Burton mostra la grafica e definisce i film i suoi “bambini problematici”

11 ottobre 2023 – Il regista candidato all’Oscar Tim Burton afferma di non avere favoriti quando si tratta dei suoi film, descrivendoli tutti come “ragazzi problematici”.

Meglio conosciuto per film come “Edward mani di forbice”, “Frankenweenie” e “La sposa cadavere”, Burton espone anche i suoi disegni e modelli in mostre.

In un’intervista, Burton ha parlato dell’ultima incarnazione dello spettacolo, “The World of Tim Burton”, che ha debuttato mercoledì al Centro Commerciale Antonelliana di Torino, Italia.

Di seguito sono riportati alcuni estratti che sono stati modificati per motivi di lunghezza e chiarezza.

D: Quanto sei coinvolto nella mostra?

Burton: “Tutto è iniziato con una mostra al MoMA (Museum of Modern Art) (nel 2009) che ha richiesto due anni per essere organizzata. Questa (la mostra in Italia) è una sorta di derivazione di quella.”

D: Com’è vedere il tuo lavoro?

Burton: “Quando l’ho visto per la prima volta (la proiezione a New York), mi sono sentito come se il bucato fosse appeso al muro. Mi sono sentito completamente esposto. Mi sento così con i film, adoro farli ma poi sono un po’ terrorizzato .” Li mostra.

D: Quanto sono importanti i tuoi disegni nel processo di realizzazione del film?

Burton: “Quando ho iniziato, non comunicavo molto bene. Alcune persone dicono che lo fa ancora oggi, ma ho sempre pensato che i disegni fossero un modo per far emergere le mie idee. (Ad esempio) mi limitavo a disegnare “come il personaggio di Jack Skellington (da “The Nightmare Before Christmas” del 1993) e non sapevo nemmeno a cosa servisse. “Il disegno ha fatto emergere il mio subconscio.”

READ  Gli esercenti europei puntano ad acquisire la catena di cinema italiana The Space Entertainment – ​​The Hollywood Reporter

D: In che modo gli scioperi di Hollywood hanno influenzato la produzione di “Beetlejuice 2”?

Burton: “Mi restano due giorni di riprese. So esattamente cosa dobbiamo fare, non appena finiscono le riprese, togli il pulsante di pausa e vai a farlo.”

D: Hai un film preferito?

Burton: “Non ne ho uno preferito. Sono tutti i tuoi ragazzi problematici.”

Lo riferisce Sarah Mills. ; A cura di John Stonestreet

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda