Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

7,6 milioni: come sotto i conservatori la lista d’attesa per l’assistenza sanitaria in Inghilterra è triplicata | Notizie sulle elezioni

7,6 milioni: come sotto i conservatori la lista d’attesa per l’assistenza sanitaria in Inghilterra è triplicata |  Notizie sulle elezioni

Dopo 14 anni di governo del Partito conservatore nel Regno Unito, molte più persone sono in attesa di cure mediche, e per periodi più lunghi.

La lista d’attesa del servizio sanitario nazionale per le richieste di trattamento in Inghilterra ha raggiunto i 7,6 milioni ad aprile, un aumento di tre volte rispetto al 2010.

Il riferimento ai dati relativi al trattamento mostra il numero di pazienti in attesa di cure elettive. Poiché i pazienti potrebbero essere in attesa di più trattamenti, il numero effettivo di persone nell’elenco è inferiore: circa 6,3 milioni.

Dei 7,6 milioni di casi, più di 302.500 hanno dovuto attendere più di 52 settimane. Ci sono state circa 50.400 attese superiori a 65 settimane e quasi 5.000 attese superiori a 78 settimane.

Il tempo medio di attesa è stato di 13,9 settimane, rispetto alle 5,2 settimane di marzo 2010.

Anche i tempi di attesa al pronto soccorso sono aumentati, con la percentuale di persone visitate entro il periodo di quattro ore che è scesa da circa il 97% alla fine del 2010 al 74% del mese scorso.

Anche le liste d’attesa in Scozia, Galles e Irlanda del Nord, che hanno sistemi sanitari in gran parte indipendenti e misurano i tempi di attesa in modo diverso, sono aumentate notevolmente.

Queste cifre dipingono un quadro sorprendente del deterioramento dei servizi pubblici nel Regno Unito mentre gli elettori si recano alle urne il 4 luglio in un’elezione dominata dalle preoccupazioni sul tenore di vita e sul declino nazionale.

Con la crescente insoddisfazione per lo status quo, i conservatori sembrano avviati verso una schiacciante sconfitta per mano del partito laburista di Keir Starmer, che da mesi è in testa nei sondaggi di circa 20 punti percentuali.

Perché il servizio sanitario nazionale è peggiorato?

La parte del leone nell’arretrato è dovuta alla pandemia di Covid-19, quando i sistemi sanitari di molti paesi erano messi a dura prova fino al collasso.

Ma già da anni la lista d’attesa del servizio sanitario nazionale era in costante aumento. A dicembre 2019, la lista d’attesa ammontava a 4,6 milioni, circa il doppio rispetto al precedente governo laburista.

Gran parte dell’esplosione dei tempi di attesa è stata attribuita al cronico sottoinvestimento causato da anni di austerità attuati sulla scia della crisi finanziaria globale del 2007-2008.

Sebbene i finanziamenti del servizio sanitario nazionale siano aumentati ogni anno dal 2010, il tasso di aumento è rallentato in modo significativo. Mentre sotto il partito laburista la spesa è aumentata di circa il 6% annuo dopo aver adeguato l’inflazione, sotto i conservatori è aumentata solo di circa il 2%, secondo un’analisi dell’Institute for Fiscal Studies.

READ  La crisi del risotto: la lotta per salvare l'amato piatto italiano dall'estinzione | riso

Non solo questo non è all’altezza del livello di investimento del Labour, ma è ben al di sotto della media annua del 3,6% risalente al periodo 1949-50, immediatamente dopo la fondazione del Servizio Sanitario Nazionale nel luglio 1948.

Inoltre, nonostante gli aumenti complessivi dei finanziamenti, gli stipendi di medici e infermieri del servizio sanitario nazionale sono in realtà diminuiti se adeguati all’inflazione, diminuendo rispettivamente del 9,3% e del 10,5%.

La scarsa retribuzione e le cattive condizioni sono state accusate di essere i principali fattori di problemi di fidelizzazione del personale nel servizio sanitario nazionale, che ha visto un numero record di 169.512 dimissioni nel 2022.

L’anno scorso, un rapporto pubblicato dal thinktank King’s Fund ha mostrato che il Regno Unito aveva il secondo peggior tasso di mortalità per cause evitabili tra 19 paesi ricchi, in parte a causa di investimenti inferiori alla media che hanno portato a meno letti, personale e macchine di scansione rispetto ai suoi paesi omologhi.

L’NHS ha avvertito la scorsa settimana che avrà bisogno di investimenti molto più grandi di quelli promessi dai conservatori o dai laburisti, suggerendo che affrontare l’arretrato e migliorare i servizi in Inghilterra richiederà 38 miliardi di sterline (48 miliardi di dollari) in più all’anno rispetto a quanto previsto per lui.

A parte i problemi di finanziamento, la popolazione del Regno Unito sta diventando sempre più anziana e grassa, esercitando ulteriore pressione sulle risorse disponibili e contribuendo a un forte aumento delle morti per malattie come il diabete e la demenza.

E gli altri servizi pubblici?

Ma le notizie non sono molto migliori. Dal governo locale agli alloggi, i servizi sono peggiorati in varie aree.

Dal 2018, otto consigli locali, tra cui la seconda città più grande del Regno Unito, Birmingham, hanno emesso 114 avvisi dichiarando di non essere in grado di far quadrare i propri conti e di essere di fatto in bancarotta.

Solo due consigli hanno emesso tale avviso tra il 1988 e il 2018.

La metà dei comuni del Regno Unito ha avvertito che potrebbe essere necessario intraprendere la stessa azione entro i prossimi cinque anni.

Secondo un’analisi dell’Institute of International Finance, il finanziamento pro capite dei comuni è diminuito del 18% in termini reali rispetto al 2010 a causa dei tagli alla spesa durante il periodo di austerità.

READ  Trump ignora Farage e rischia le elezioni di medio termine di Fargo insistendo su una grande bugia | Donald Trump

Per i potenziali proprietari di casa, l’acquisto di una casa è diventato significativamente meno costoso, con il prezzo medio che lo scorso anno ha raggiunto 8,3 volte i guadagni, rispetto a 6,8 volte i guadagni nel 2010.

In Inghilterra i tassi di proprietà della casa per le persone di età compresa tra 45 e 59 anni e tra 35 e 44 anni sono diminuiti rispettivamente di 7,1 punti percentuali e 6,5 punti percentuali, sebbene la proprietà sia leggermente aumentata tra quelli di età compresa tra 25 e 34 anni.

L’aumento dei prezzi delle case è stato causato da una carenza di alloggi, che gli economisti hanno attribuito a un sistema di pianificazione inflessibile e imprevedibile.

Il tasso di abitazioni dell’Inghilterra, pari a 434 case ogni 1.000 abitanti, la colloca al di sotto della media OCSE (487 case), e molto indietro rispetto a paesi come Francia e Italia (rispettivamente 590 e 587 case).

Secondo l’Institute for Fiscal Studies, nel settore dell’istruzione, la spesa per studente è rimasta invariata, mentre gli investimenti di capitale sono diminuiti di circa un quarto.

“Il marciume risale a molto tempo fa, ma è peggiorato molto negli ultimi 14 anni di austerità”, ha detto ad Al Jazeera John Muhlbauer, professore di economia al Newfield College, Università di Oxford.

“La mancanza di investimenti nelle infrastrutture quando il governo poteva prendere in prestito per investire a tassi di interesse reali vicini allo zero è stato un atto di sabotaggio continuo”, ha aggiunto Muhlbauer.

“L’ossessione del debito pubblico totale rispetto al Pil [gross domestic product]Ignorare il lato attivo del bilancio del governo è un problema costante e rischia di ostacolare anche il nuovo governo.

Cosa pensano gli inglesi della situazione attuale?

Gli inglesi erano sempre più disillusi dal modo in cui veniva gestito il loro paese.

Secondo i sondaggi Gallup, solo il 67% dei britannici ha dichiarato di essere soddisfatto dei servizi pubblici, delle infrastrutture e dell’ambiente lo scorso anno, in calo di 12 punti percentuali rispetto al 2011 (il primo anno intero del governo conservatore).

La soddisfazione britannica per la disponibilità di un’assistenza sanitaria di qualità ha registrato il calo maggiore, passando dal 92% nel 2011 al 66% lo scorso anno.

La soddisfazione per l’accessibilità economica dell’alloggio è diminuita di 18 punti, mentre la soddisfazione per l’istruzione e i trasporti pubblici è diminuita rispettivamente di 5 e 7 punti.

“Gli inglesi sono razionali al riguardo. Le cose stanno effettivamente peggiorando”, ha detto ad Al Jazeera Andrew Oswald, professore di economia e scienze comportamentali all’Università di Warwick.

READ  Continua a cercare il sottomarino e i marinai scomparsi dopo aver scoperto il relitto

“In parte a causa del costo sconcertante del finanziamento di metà dei cittadini del paese attraverso il coronavirus, in parte perché l’invasione di Putin ha fatto impennare i tassi di inflazione, e in parte perché c’è ancora una bassa produttività iniziata dopo la crisi finanziaria del 2008, la nostra nazione sente una pressione esistenziale. E questo emerge da molti dati del sondaggio.

Il Regno Unito non sta seguendo la tendenza internazionale di crescente malcontento pubblico?

Sì e no.

Oswald ha affermato che la fiducia del pubblico nel governo è in calo da decenni nei paesi democratici, soprattutto nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

“Dopo la seconda guerra mondiale, i funzionari governativi e i politici in entrambi i paesi erano molto fiduciosi, con circa il 70-80% dei cittadini che si fidavano del governo. Le cifre ora ammontano solo a circa il 20% dei cittadini”, ha affermato.

“Quindi un indice di soddisfazione del 67% per le infrastrutture, i servizi pubblici e l’ambiente non è poi così male ed è probabilmente una sovrastima del livello di soddisfazione delle persone in questo paese perché attualmente sappiamo che molti cittadini insoddisfatti e che si lamentano si rifiutano di rispondere al sondaggio domande, e questo è uno dei motivi per cui ha portato a previsioni errate sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Tuttavia, il Regno Unito ha registrato un calo particolarmente pronunciato della soddisfazione nei confronti della gestione del Paese.

Secondo Gallup, nel 2011, il Regno Unito ha registrato livelli di soddisfazione per i servizi pubblici tra i più alti in Europa occidentale, a pari merito con la Germania e davanti a Francia, Belgio, Paesi Bassi e Austria.

Entro il 2023, il Paese sarà all’ultimo posto tra i suoi omologhi dell’Europa occidentale.

Altri sondaggi hanno confermato l’umore particolarmente pessimista nel Regno Unito.

In un sondaggio pubblicato dal Pew Research Center all’inizio di questo mese, il 78% degli intervistati del Regno Unito ha valutato l’economia come “cattiva”, il settimo posto tra i 34 paesi esaminati.

Nel frattempo, il 35% dei britannici ha espresso un’opinione sfavorevole sia nei confronti dei laburisti che dei conservatori – una percentuale più alta rispetto al 28% degli americani dello scorso anno che affermavano di vedere sfavorevolmente i partiti repubblicano e democratico.