Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Guerra in Ucraina: i marine rivelano la lotta per difendere Kharkov

Guerra in Ucraina: i marine rivelano la lotta per difendere Kharkov

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Le forze ucraine stanno combattendo duramente contro l’avanzata russa nella regione di Kharkiv

  • autore, James Waterhouse
  • Ruolo, Corrispondente dall’Ucraina

Per mesi Oleksiy aveva combattuto per mantenere una sottile striscia di terra circondata dalle forze russe.

Ora è stato inviato in tutta fretta a difendere l’offensiva di Mosca nella regione di Kharkov, come molti altri soldati inviati da altre parti del fronte in Ucraina.

È una ridistribuzione che simboleggia il nuovo focus di questa guerra.

Siamo in contatto con Oleksiy da nove mesi. Ora viene dall’Ucraina nord-orientale e descrive la differenza nei combattimenti come “enorme”.

La missione “dimenticata”.

Nonostante le forniture limitate, gli scarsi guadagni e le crescenti perdite, Kiev insiste sul fatto che il suo punto d’appoggio meridionale sulla sponda orientale occupata del fiume Dnipro rimane importante.

È qui che Oleksiy combatte da otto mesi. Abbiamo concordato di non rivelare il suo vero nome.

Le cose non sono migliorate.

“Siamo riusciti a mantenere la testa di ponte, ma nessun equipaggiamento l’ha attraversata e non siamo riusciti a penetrare le difese russe nemmeno una volta”, dice.

Il Marine ci racconta che la zona è stata trasformata in un “paesaggio lunare”, con interi villaggi distrutti fino alle fondamenta.

Anche lì gli ucraini subirono pesanti perdite.

“Abbiamo distrutto molte attrezzature russe e loro hanno distrutto molti dei nostri uomini”, dice. “Abbiamo lasciato i nostri uomini migliori sulla riva del fiume.”

  • Per portare forze d’invasione da altrove
  • Per limitare gli attacchi dell’artiglieria russa sulla città di Kherson dall’altra parte del fiume
  • In modo che alla fine potessero attraversarlo in numero sufficiente per liberare le terre

Oleksiy dice che gli aiuti militari promessi dagli Stati Uniti hanno cominciato ad arrivare gradualmente, ma non tutti hanno raggiunto la linea del fronte dove lui è di stanza.

Sebbene i russi siano stati parzialmente costretti a ritirarsi, le forze ucraine sono ancora sotto il fuoco russo.

“Ogni movimento veniva immediatamente coperto dall’artiglieria o dai droni”, spiega. “Nemmeno i russi si preoccupavano della nostra presenza, eravamo una borsa senza maniglia”.

“Le forze lì non possono andarsene e tutti si rendono conto che è inutile”.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, L’area vicino al punto d’appoggio della sponda orientale dell’Ucraina si è trasformata in un “paesaggio lunare”

Si spera che la nuova legge sulla mobilitazione, entrata in vigore il mese scorso, contribuirà a dare tregua a forze come quelle che combattono sulla sponda orientale.

“Questo non cambierà nulla!” dice Boston, il comandante di un’unità lanciafiamme che ancora combatte sulla sponda orientale. Boston è il suo nome militare.

Ci manda video di se stesso di pattuglia a Kryneki, sulla riva del fiume. A un certo punto spara a una mina antiuomo russa nascosta sotto la sabbia.

“Le persone dovrebbero arruolarsi nell’esercito a partire dall’età di 20 anni”, dice. “Ma c’è un problema, molti uomini sono andati all’estero [to escape the draft]. “Nessuno vuole tornare indietro, nessuno vuole combattere e nessuno vuole morire.”

“I civili di ieri”

“Rispetto alle perdite russe, le nostre perdite sono molto inferiori”, spiega. “In secondo luogo, non perdiamo più soldati in questa parte della linea del fronte che in altre aree”.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, L’Ucraina ha perso decine di migliaia di uomini nella difesa dall’invasione russa

Per definizione, un reclutatore non sarà mai motivato quanto un volontario. È anche più facile ispirare le truppe quando il combattimento si avvicina. Per quanto riguarda l’Ucraina, soprattutto sulla sponda orientale, non è così.

Questo potrebbe essere il motivo per cui il signor Pletinchuk ha usato un tono comprensivo quando gli abbiamo parlato delle accuse di ammutinamento delle truppe sulla riva orientale.

“Coloro che sono costretti a difendere il proprio paese sono i civili di ieri”, dice Pletinchuk con un sorriso. “Naturalmente avranno una percezione diversa dell’esercito”.

Prima che arrivino ulteriori aiuti militari occidentali, i generali ucraini credono che la Russia stia cercando di espandere il campo di battaglia e di espandere la portata delle loro unità di difesa.

Le forze d’invasione hanno iniziato per più di un mese un’offensiva di terra nel nord-est e, sebbene l’Ucraina abbia rallentato la propria avanzata, non c’è stata tregua.

Ecco perché Oleksiy si trova ora a centinaia di chilometri dalla regione di Kherson.

“Tutto è successo in fretta e senza preparazione”, dice.

“Sono tutti qui: Marines, Forze d’assalto aereo, Servizio di pattuglia di frontiera, Fanteria regolare, Difesa territoriale, Polizia nazionale”.

“Ci sono anche più droni nel cielo che sulla sponda orientale del fiume Dnipro”.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, I droni sono diventati uno strumento vitale sia per gli invasori russi che per i difensori dell’Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ammette che il tempo per una soluzione diplomatica a favore dell’Ucraina sta per scadere, per questo motivo ha recentemente tenuto un vertice di pace in Svizzera.

L’obiettivo di questo vertice era costruire il sostegno globale alla pace alle sue condizioni. Mentre circa 80 paesi hanno firmato l’accordo, importanti potenze regionali in Africa, Medio Oriente e Asia meridionale non lo hanno firmato.

La Russia non è stata invitata, ma prima dell’incontro Vladimir Putin ha chiesto il ritiro delle forze ucraine da quattro regioni parzialmente occupate.

Le sue condizioni sono estreme e irrealistiche, ma il suo dominio sul campo di battaglia significa che un potenziale accordo di pace potrebbe allinearsi meglio alle sue condizioni che a quelle di Kiev.

Il presidente Zelenskyj ammette che la sua priorità è semplicemente restare in prima linea. Se le sue forze riusciranno a raggiungere questo obiettivo prima dell’autunno e dell’arrivo di condizioni di combattimento più difficili, sarà visto come un successo.

Ha aggiunto che ci sono piani per lanciare un contrattacco in futuro.

Se Oleksiy sopravvive mentre difende la regione di Kharkiv, potrebbe ritrovarsi ancora una volta all’incrocio “infernale” del fiume Ucraina, nel sud.

Report aggiuntivi di Anastasia Levchenko e Hanna Kurnos