Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Xi Jinping lancia un avvertimento a chiunque metta in dubbio la politica anti-Covid della Cina

Giovedì, in una riunione presieduta da Xi, il Comitato permanente del Politburo del Partito Comunista al potere si è impegnato ad “aderire fermamente alla politica generale della ‘dinamica zero-Covid’ e a combattere risolutamente contro qualsiasi parola e azione che distorce, dubita o negare le politiche di prevenzione delle epidemie del nostro Paese”.

È stata la prima volta che Xi, secondo i media statali, ha pronunciato un “discorso significativo” durante l’incontro, sottolineando pubblicamente la lotta della Cina contro il COVID-19 da quando è scoppiata la rabbia pubblica per il duro blocco a Shanghai.

Il presidente cinese Xi Jinping ha messo in guardia coloro che dubitano della politica di non proliferazione del Paese. (AFP)

“La nostra strategia di prevenzione e controllo è determinata dalla natura e dalla missione del partito, le nostre politiche possono resistere alla prova della storia e le nostre misure sono scientifiche ed efficaci”, ha affermato la commissione di sette membri, secondo Xinhua, secondo il funzionario Agenzia di stampa Xinhua.

“Abbiamo vinto la battaglia per difendere Wuhan e saremo sicuramente in grado di vincere la battaglia per difendere Shanghai”, si legge nella dichiarazione.

Il Comitato Permanente richiedeva inoltre ai quadri di avere una “comprensione profonda, completa e completa” delle politiche stabilite dalla leadership centrale del Partito.

“Dobbiamo superare risolutamente i problemi di consapevolezza insufficiente, preparazione insufficiente e azione insufficiente, e superare risolutamente il disprezzo, l’indifferenza e la fiducia nel nostro pensiero”, si legge nella dichiarazione.

Una parte dello Shanghai New International Expo Center è stata convertita per tenersi quando saranno completati fino a 15.000 posti letto in quarantena per casi lievi e portatori asintomatici.
Una parte dello Shanghai New International Expo Center è stata convertita per tenersi quando saranno completati fino a 15.000 posti letto in quarantena per casi lievi e portatori asintomatici. (AFP)

Per gli analisti che hanno osservato a lungo la politica cinese, il severo avvertimento è un segno di un respingimento interno contro la politica anti-Covid di Xi dall’interno del partito.

“Questo linguaggio dovrebbe essere letto come una critica diretta ai leader non identificati del Partito Comunista Cinese che hanno messo in discussione le politiche al centro, o che non hanno avuto abbastanza successo nell’attuarle”, ha scritto David Bandorsky, co-direttore del China Media Project.

“È difficile non sentire in questa frase la condanna dell”ipocrisia’ dei leader di Shanghai in particolare.

Nelle ultime cinque settimane, molti shanghainesi si sono rivolti ai social media per cercare aiuto e sfogare la loro rabbia per la grave carenza di cibo e la mancanza di accesso alle cure mediche. Alcuni hanno protestato dalle loro finestre, sbattendo pentole e padelle e urlando per la frustrazione, fino a quando altri si sono scontrati con la polizia e gli operatori sanitari per le strade – uno spettacolo raro in un paese in cui il dissenso viene regolarmente represso.

Gli agenti di polizia nei dispositivi di protezione individuale (DPI) controllano i documenti dei passeggeri durante un blocco a Shanghai, Cina, giovedì 28 aprile 2022. Shanghai, che è diventata il più grande hotspot della Cina, ha il peggior focolaio del virus da quando il virus è emerso per la prima volta a Wuhan , subito Un mese di blocco ha tenuto la maggior parte dei 25 milioni di residenti della città confinati nelle loro case.  Fonte: Bloomberg
Gli agenti di polizia nei dispositivi di protezione individuale (DPI) controllano i documenti dei passeggeri durante un blocco a Shanghai, Cina, giovedì 28 aprile 2022. Shanghai, che è diventata il più grande hotspot della Cina, ha il peggior focolaio del virus da quando il virus è emerso per la prima volta a Wuhan , subito Un mese di blocco ha tenuto la maggior parte dei 25 milioni di residenti della città confinati nelle loro case. Fonte: Bloomberg (Bloomberg tramite Getty Images)

La grave ricaduta economica ha anche sollevato preoccupazioni per economisti e dirigenti aziendali, in particolare dato il ruolo di Shanghai come principale centro finanziario del paese e importante hub manifatturiero e marittimo. Ad aprile, il settore dei servizi cinese, che rappresenta più della metà del PIL del paese e oltre il 40 per cento dell’occupazione, ha registrato una contrazione al secondo ritmo più grande mai registrato, mentre anche il settore manifatturiero ha subito una contrazione.

E con la diffusione di Omicron in altre parti della Cina, sempre più governi locali stanno imponendo rapidi blocchi in risposta al piccolo numero di casi. A Pechino, dove sono stati segnalati oltre 500 casi dal 20 aprile, molti temono un blocco in stile Shanghai poiché le autorità impongono restrizioni crescenti.

Le persone si mettono in fila per sottoporsi al test per Covid-19 in una zona residenziale il 22 aprile 2022 a Shanghai, in Cina.  (Photo by Getty Images / Getty Images)
Le persone si mettono in fila per sottoporsi al test per Covid-19 in una zona residenziale il 22 aprile 2022 a Shanghai, in Cina. (Photo by Getty Images / Getty Images) (GT)

Ma l’ultima dichiarazione dei massimi leader del paese ha chiarito che il governo cinese sta raddoppiando il suo approccio di fare affidamento su arresti rapidi, test di massa e quarantene per schiacciare la variante Omicron altamente trasmissibile per il prossimo futuro.

Wu Qiang, analista politico a Pechino, ha affermato da aprile che la questione di come il governo gestirà la peggiore epidemia del Paese da quando Wuhan si è trasformata in una “lotta stradale” all’interno del partito.

“In primo luogo, è una lotta sull’opportunità di scegliere una ‘dinamica zero-Covid’ o un approccio più flessibile per combattere il Covid; e in secondo luogo, è anche una lotta sull’opportunità di rendere il controllo del Covid una priorità o una crescita economica”, Wu disse.

10. Corea del Sud

Il paese più fortificato della terra

Secondo Wu, da quest’ultima affermazione, risulta chiaro che Xi scelse la prima nelle “due lotte”.

Xi ha messo il suo marchio personale sulla strategia della Cina per arginare l’epidemia, con i media statali che spesso riferiscono di “aver preso personalmente l’iniziativa e preso accordi” per la lotta del Paese contro l’epidemia.

“In questo senso, la politica Zero Covid è diventata una politica indiscussa e incontrastata, strettamente legata al suo potere politico – e quindi non ci sarà flessibilità quando si tratterà di attuarla”, ha affermato Wu.

READ  I taccuini perduti di Charles Darwin sono tornati nella Biblioteca dell'Università di Cambridge dopo 22 anni