Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vladimir Putin chiama l’Occidente una bufala

Il fatto più preoccupante è che nessuna delle misure economiche occidentali avrebbe dissuaso Vladimir Putin dal suo orribile obiettivo di soggiogare un paese vicino con la forza militare mentre il resto del mondo guarda. Con orrore impotente.

Proprio come la retorica entusiasta alle Nazioni Unite non può rivaleggiare con la potenza dei carri armati che rotolano sul terreno, né le sanzioni riterranno davvero Putin responsabile dello spargimento di sangue e della carneficina a venire.

Afferma il presidente russo Non ha intenzione di occupare l’Ucraina, ma Mosca punirà tutti coloro che si frappongono e chiederà all’esercito di Kiev di deporre le armi.

“L’obiettivo è difendere le persone vittime di abusi e genocidi dal regime di Kiev. Ci adopereremo per il disarmo e la denazificazione dell’Ucraina”.

come forze russe Allagato oltre confine In una “operazione militare speciale”, Biden ha detto che gli Stati Uniti ei loro alleati avrebbero risposto “in modo unificato e decisivo”.

Ma la risposta dell’Occidente si limita a una forte escalation del regime delle sanzioni a seguito di una prima fase molto modesta di misure per contrastare l’iniziale manifestazione di aggressione russa nell’Ucraina orientale.

Questo nonostante il fatto che il ministero degli Esteri russo avesse precedentemente rilasciato una dichiarazione in cui dichiarava che “la pressione delle sanzioni non è in grado di intaccare la nostra determinazione a difendere vigorosamente i nostri interessi”.

La dichiarazione conteneva anche un avvertimento: “Non ci dovrebbero essere dubbi sul fatto che alle sanzioni verrà data una risposta forte, non necessariamente simmetrica, ma calcolata”.

Le contromosse che la Russia ha pianificato da tempo

La Russia, ad esempio, è il terzo esportatore mondiale di petrolio e il secondo esportatore di gas naturale.

READ  L'ex presidente ucraino Petro Poroshenko torna a casa per affrontare l'accusa di alto tradimento

L’attenzione dell’Occidente è sulla gamma di sanzioni che possono essere imposte alla Russia, compresa l’interruzione del mandato da parte della Germania Nord Stream 2. Gasdotto naturale Dalla Russia alla Germania. Ciò minimizza le contromosse economiche di Putin, chiaramente pianificate da tempo.

La Russia potrebbe reagire immediatamente tagliando le vendite di gas all’Europa occidentale, una tattica che ha dimostrato con successo questo inverno.

Sì, costerà all’economia russa. Ma costerà molto di più alle democrazie, in particolare quando i leader eletti dovranno giustificare prezzi più elevati per la benzina e il riscaldamento per le loro popolazioni meno resilienti.

I prezzi dell’energia sono già stati un grave problema per la maggior parte dell’Occidente poiché un decennio di sottoinvestimenti è stato esacerbato dall’aumento della domanda mentre l’economia globale si riprende dal blocco del COVID-19.

Il messaggio giusto, poco effetto

A loro volta, i prezzi più elevati hanno aumentato in modo significativo le riserve finanziarie della Russia, inclusi oro e valuta estera, facilitando la rappresaglia dell’Occidente nel 2022.

Scott Morrison Fa eco ai sentimenti della maggior parte dei leader occidentali nell’insistere sul fatto che devono esserci “conseguenze per comportamenti violenti, coercitivi e bullismo”.

“Dovrebbe inviare un messaggio a qualsiasi altro sistema nel mondo che se segui questo percorso, se cerchi di costringere e intimidire gli altri, il mondo deve stare unito nel prendere di mira coloro che sono direttamente al centro di queste attività”, ha affermato. “Questo è molto importante.”

Non ci può essere discussione con questa logica. Inoltre, non può esserci ottimismo sull’effetto trascurabile delle misure contro la Russia.

Operaio cinese

La capacità della Russia di resistere a questo senza dubbio lo sosterrà L’opposizione della Cina Quelle che Pechino chiama sanzioni “illegali unilaterali”. Le sanzioni non sono unilaterali, ovviamente, con l’Europa straordinariamente unita dietro agli Stati Uniti nell’intensificare la scommessa economica.

READ  I casi di COVID-19 della Corea del Sud hanno raggiunto il record giornaliero con l'aumento della pressione sugli ospedali | Corea del Sud

E il nuovo alleato di Putin, Xi Jinping, non ha avallato la prospettiva di un’invasione militare russa, poiché la Cina ha recentemente sottolineato la necessità della diplomazia, della risoluzione pacifica delle controversie e del rispetto dei confini sovrani.

Tuttavia, Xi ha avuto più successo di Biden nel deviare la più ampia ambizione di Putin di riprendere il controllo di una parte maggiore dell’ex impero sovietico.

Oltre a esprimere sinceramente il suo desiderio di pace, è ancora difficile per la Cina unirsi a rimproverare o punire pubblicamente la Russia.

È probabile che Pechino aiuti silenziosamente la capacità di Putin di eludere gli sforzi dell’Occidente per aumentare la pressione delle sanzioni su Putin. Certamente, questa escalation includerà anche il divieto di esportazione di componenti ad alta tecnologia.

La Cina è ben consapevole della precedente determinazione degli Stati Uniti di utilizzare i controlli sulle esportazioni per impedire al proprio gigante nazionale delle telecomunicazioni, Huawei, di acquisire chip critici.

Pechino sta investendo nei suoi chip avanzati e nella capacità di produzione e condividerà questi risultati con la Russia, anche se solo per ridurre l’influenza americana.

La Cina sarebbe anche un acquirente pronto per più esportazioni russe di petrolio e gas se la Russia o l’Occidente fossero coinvolti in un gioco di polli sulle forniture energetiche. Maggiori restrizioni sulle banche russe e sui beni degli oligarchi renderanno loro la vita più difficile.

Ma c’è poco entusiasmo per l’esclusione della Russia dalla rete Swift se non altro per il caos che potrebbe creare nei mercati globali.

Putin ha aggiunto tutto questo a un resoconto brutalmente efficace della vera politica di potere. Altri pagano in vite e credibilità.

READ  Il cessate il fuoco di Kirghizistan e Tagikistan pone fine agli scontri al confine che hanno ucciso 49 persone