Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vivi la nuova sfida nel Regno Unito per vedere se le persone possono ottenere di nuovo COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus

Lo studio mira ad approfondire la comprensione dell’immunità e aiutare a progettare trattamenti e vaccini migliori.

Scienziati britannici hanno lanciato un esperimento che esporrebbe di nuovo i partecipanti che avevano già contratto COVID-19 al coronavirus per controllare le loro risposte immunitarie e vedere se le persone sarebbero state nuovamente infettate.

A febbraio, la Gran Bretagna è diventata il primo paese al mondo a dare il via libera ai cosiddetti “esperimenti impegnativi” sugli esseri umani, in cui i volontari sono intenzionalmente esposti al COVID-19 per far avanzare la ricerca sulla malattia causata dal coronavirus.

Lo studio pubblicato lunedì differisce da quello annunciato a febbraio in quanto cerca di reinfettare le persone che sono state precedentemente infettate da COVID-19 nel tentativo di approfondire la comprensione dell’immunità, piuttosto che infettare le persone per la prima volta.

“Le informazioni di questo lavoro ci consentiranno di progettare vaccini e trattamenti migliori e anche di capire se le persone sono protette dopo l’infezione da Coronavirus e per quanto tempo”, ha affermato Helen McShane, specialista in vaccini presso l’Università di Oxford e responsabile autore dello studio.

Ha aggiunto che il lavoro aiuterà a capire cosa protegge le risposte immunitarie dalla reinfezione.

Gli scienziati hanno utilizzato esperimenti di sfida umana per decenni per saperne di più su malattie come la malaria, l’influenza, il tifo e il colera e per sviluppare trattamenti e vaccini contro di loro.

La prima fase dello studio cercherà di determinare la dose più bassa di coronavirus necessaria per iniziare a replicarsi in circa il 50% dei partecipanti, con pochi o nessun sintomo. La seconda fase, che inizia in estate, infetterà due diversi volontari con quella dose standard.

READ  Gli scienziati dicono che la tecnologia sta davvero cambiando i ritmi circadiani umani

Nella prima fase, verranno reinfettati fino a 64 partecipanti sani, di età compresa tra 18 e 30 anni, che erano stati infettati dal Coronavirus almeno tre mesi prima del ceppo originale di SARS-CoV-2.

Verranno quindi messi in quarantena per almeno 17 giorni e monitorati e a chiunque mostri sintomi verrà somministrata la terapia con anticorpi monoclonali Regeneron.