Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Venezia fa pagare i turisti giornalieri perché la città sommersa influisce sul suo futuro

Le autorità locali discutono da tempo dei piani per una cosiddetta “tassa di soggiorno” che aiuterebbe le autorità cittadine a tenere il passo con la media di 20 milioni di turisti che arrivano ogni anno prima della diffusione della pandemia. Quando l’idea è stata lanciata per la prima volta nel 2019, il sindaco Luigi Brugnaro, un imprenditore indipendente di centrodestra, ha detto che si aspettava “proteste, cause legali e tutto il resto”.

Disse: “Ma è mio dovere rendere questa città adatta ad abitarla per coloro che la abitano e anche per coloro che desiderano visitarla”. I piani furono approvati dal Parlamento italiano nel dicembre dello stesso anno, ma iniziarono ad essere attuati in modo coerente.

In media, solo il 30% circa dei turisti che inondavano la città ogni anno prima della pandemia è rimasto per una o più notti. Ma questi visitatori rappresentano circa il 70 per cento delle entrate turistiche e il 100 per cento delle tasse turistiche che ammontano a circa 30 milioni di euro all’anno.

Il restante 70 percento dei turisti è visto come “frequentatore di gite di un giorno”, che si stipano su treni e autobus e sbarcano da enormi navi da crociera. Spesso portano pranzi pronti, ma possono comprare una bottiglia d’acqua, oppure optare per souvenir economici, che sono sempre più importati dalla Cina o da Taiwan.

Intasano strade strette e si fanno selfie sui ponti, generano rifiuti e danneggiano ulteriormente il delicato tessuto urbano del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Ha reso la vita quasi insopportabile per la gente del posto che ci vive o lavora.

I visitatori di Venezia hanno anche recentemente ricevuto multe per nuotare nei canali, vietato, e prendere il sole in topless in un punto di riferimento storico.

READ  Il mondo si sta preparando per una lunga guerra in Ucraina

Quattro turisti tedeschi hanno scelto di utilizzare una fontana del 18° secolo a Campo Zaccaria come picnic il mese scorso e sono stati multati ciascuno di oltre 1.000 euro. Avevano steso una tovaglia sulla struttura di pietra al centro della piazza e vi avevano sistemato delle sedie per godersi il pranzo.

Venezia è tornata alla sua natura antica e affollata nell’agosto 2021.a lui attribuito:Bloomberg

Ma Ernesto Bansin, presidente dell’associazione locale che rappresenta i bar e ristoratori, non è d’accordo con l’idea del tributo. Dice che le autorità dovrebbero invece incoraggiare gli escursionisti di un giorno a esplorare le aree meno conosciute in prima serata, lontano da Piazza San Marco.

“Zone come Castillo e Santa Croce sono bellissime, ma rimangono vuote per la maggior parte della giornata e alla fine torneranno a vivere”, dice.

“Venezia è la città del mondo. Chiunque venga dall’altra parte del pianeta ha diritto di vederla, di essere trattenuto o di non essere trattenuto”.

Caricamento in corso

All’inizio di quest’anno, la città ha annunciato che avrebbe cercato di arginare l’ondata di negozi per turisti che vendono souvenir “volgari” di fabbricazione cinese e promuovono l’artigianato locale. Nuove regole per abbellire il centro storico impediscono l’ingresso di nuove aziende che vendono gondole di plastica, maschere di carnevale a 2 euro e armamentario importati dall’Asia. Nel 2017, la città ha vietato l’apertura di nuovi negozi di kebab e altri fast food.

Il turismo di massa iniziò a metà degli anni ’60 e, mentre il numero di visitatori continuava ad aumentare, il numero di veneziani che vivevano in città diminuì dopo essere stati sopraffatti dalla congestione e aumentò anche il costo della consegna di cibo e altri beni nella Venezia senza auto. Poiché le frequenti inondazioni danneggiano case e aziende.

READ  La Russia rifiuta di escludere un dispiegamento militare in America Latina

Le autorità sperano che le tasse riducano l’attrito tra visitatori e residenti. Nelle ore di punta, i turisti possono superare la popolazione di 2 a 1 in un’area di soli cinque chilometri quadrati. Attualmente ospita circa 50.000 residenti permanenti, 100.000 in meno rispetto agli anni ’50.

Più un museo che una città moderna, la città è diventata dipendente dal denaro portato da folle di turisti. Ma i danni causati dal turismo non regolamentato sono stati gravi, esercitando una grande pressione sulle sue infrastrutture obsolete.

Caricamento in corso

Le inondazioni, note come “Aqua Alta”, stanno diventando più frequenti, con la peggiore ondata in più di 50 anni che ha causato danni per circa 1 miliardo di euro nel 2019. Per proteggere la città, il governo italiano lo scorso anno ha approvato misure per vietare le grandi crociere navi nella laguna veneta.

Non si può semplicemente permettere che una città come Venezia venga “distrutta da orde di turisti”, afferma Dina Rivera, presidente dell’azienda turistica Italia SpA.

“È un museo a cielo aperto e per preservarlo è necessario limitare il flusso di persone”, afferma. “Altrimenti sarebbe come lasciare aperte le porte del Louvre”.

Il nuovo sistema ha lo scopo di gestire meglio i flussi turistici, non per fare soldi, ha affermato Michelle Zwain, membro del consiglio finanziario della città. Vuole che i proventi riducano le tasse sui rifiuti per i residenti, che sono più alte che in altre parti del paese.

“Potrebbe essere necessario porre restrizioni agli ingressi in determinati orari, ma ciò non significa che la città sia chiusa”, ha affermato. “Venezia rimarrà sempre aperta a tutti”.

READ  Il bilancio delle vittime delle inondazioni in Sud Africa è salito a 443 poiché i residenti temono più pioggia

Ricevi una nota diretta dal nostro alieno corrispondenti Su cosa sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti alla newsletter settimanale What in the World qui.