Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vacanze Italia: La casa solitaria di Buffet de Ferrero nelle Dolomiti

Riesci a malapena a vedere cosa è incastonato nella parete rocciosa della lontana catena montuosa, per non parlare del tentativo di accedere alla porta d’ingresso.

La casa solitaria nel mondo intrappolata ai margini di una lontana catena montuosa è vuota da 100 anni – il suo mistero rimane.

Situata nel mezzo delle vaste montagne dolomitiche italiane ad un’altitudine di circa 3000 metri sul livello del mare, questa insolita casa è annidata sul bordo di una parete rocciosa. Il Sole Rapporti.

La strana ubicazione della loggia conosciuta come Buffa di Perrero confonde le persone da decenni.

Significativamente, si ritiene che l’imponente proprietà sia stata costruita oltre 100 anni fa durante la prima guerra mondiale.

Si dice che il rifugio sia stato costruito come luogo di sosta per i soldati italiani interessati durante la guerra con gli austro-ungarici su terreni accidentati.

Avrebbero usato il pad nascosto per conservare oggetti e rifugiarsi da nemici ed elementi.

L’incredibile architettura è accessibile solo tramite scale di corda e funivie improvvisate, o l’infido sentiero di montagna che solo i coraggiosi possono scalare.

Gli analisti avvertono che una parte della Ferrata Ivano Dipona avrà bisogno di “esercizio di alto livello” per entrare in pista.

Via Ferrata – italiano per ‘Iron Route’ – ha scale d’acciaio, scale e cavi costruiti nella montagna per utilizzare gli escursionisti per raggiungere aree difficili.

Coloro che vengono nel luogo appartato possono intrufolarsi nel misterioso pad.

Ma non c’è molto da vedere, se non ammirare la trama e le viste panoramiche da un’altezza mozzafiato.

La stretta stanza con pannelli in legno è stranamente piena di molte sedie di legno bianco che i giocatori o gli avventurieri moderni possono sfruttare per alzare le gambe.

READ  Donne Sei Paesi Francia v Italia Anteprima

Questo ha senso, poiché alcuni sentieri nelle dolomiti possono richiedere fino a una settimana per essere percorribili.

La divisione Aaronso del Club Albino Italino (CAI) – la squadra che sovrintende ai sentieri escursionistici della zona – sembra essersi ispirata allo straordinario pipistrello mentre costruiva il lodge contemporaneo per competere con questa storia.

Hanno allestito un rifugio escursionistico all’avanguardia per viaggiatori stanchi, che può ospitare fino a 12 persone sul Passo della Marmellata di Forcella.

Il suo guscio è stato collocato in uno spazio spettacolare da un elicottero e la sua posizione dà l’illusione che cada effettivamente in una vasta catena montuosa.

Prima di intraprendere un trekking di cinque ore verso il magnifico rifugio, gli esploratori possono ancora prendere lo skylift.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato Il Sole E sarà ricreato con il permesso