Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio sui topi ha dimostrato che l’esercizio fisico regolare può mantenere collegati i neuroni degli adulti mentre invecchiano

Uno studio sui topi ha dimostrato che l’esercizio fisico regolare può mantenere collegati i neuroni degli adulti mentre invecchiano

Un nuovo studio ha confrontato le funzioni dei neuroni nati nel cervello di topi che correvano regolarmente rispetto a quelli che conducevano uno stile di vita sedentario. I risultati hanno rivelato che nei topi attivi, questi neuroni ricevevano maggiori input sinaptici da altre regioni del cervello e mostravano una minore perdita sinaptica rispetto a quelli dei topi sedentari. Tale conservazione delle connessioni neurali potrebbe significare un migliore mantenimento di alcune capacità cognitive con l’età. Lo studio è stato pubblicato in eNeuro.

“L’esercizio a lungo termine apporta grandi benefici al cervello che invecchia e può prevenire il declino delle funzioni di memoria associate all’invecchiamento, aumentando la sopravvivenza e la modifica della rete di neuroni nati nella prima età adulta, facilitando così la loro partecipazione ai processi cognitivi”, ha detto Henriette. Van Praagh, autore dello studio e professore associato presso la Florida Atlantic University.

L’invecchiamento è accompagnato da un declino cognitivo. Negli ultimi decenni, l’aspettativa di vita umana è aumentata costantemente in tutto il mondo. Di conseguenza, la percentuale di anziani nella popolazione aumenta e con essa anche il numero di persone che soffrono, in varia misura, di declino cognitivo. Tipicamente, questo declino colpisce prima le aree del cervello necessarie per l’apprendimento e la memoria, le strutture dell’ippocampo e le aree cerebrali adiacenti.

Un indicatore precoce del declino cognitivo legato all’età è una ridotta capacità di distinguere tra eventi e stimoli simili, fenomeno noto come separazione dei modelli. Questa compromissione è associata alla diminuzione del volume dell’ippocampo e alla scarsa connettività tra la corteccia entorinale (peririnale) e l’ippocampo.

I ricercatori volevano esplorare gli effetti della corsa a lungo termine sul funzionamento della rete di nuovi neuroni nell’ippocampo, neuroni che si sviluppano solo in età adulta. Precedenti ricerche avevano indicato che questi neuroni potrebbero essere vitali solo per un periodo limitato, in particolare durante un periodo critico da 3 a 6 settimane dopo il loro sviluppo. Questo lasso di tempo sembra determinare la loro integrazione nella rete neurale più ampia e l’entità della loro connettività. Lo studio è stato condotto sui topi.

READ  Almeno 7 persone a New York sono state infettate dal batterio Listeria legato alla carne in scatola. Una mappa che mostra il numero di casi in varie parti degli Stati Uniti

L’esperimento ha coinvolto 18 topi maschi, inizialmente di 5-6 settimane. I ricercatori hanno mantenuto un ciclo luce-buio di 12 ore per tutti i topi, consentendo loro un accesso costante a cibo e acqua. I topi sono stati divisi casualmente in due gruppi: uno aveva accesso a un filatoio silenzioso per correre volontariamente, mentre l’altro no. Gli scienziati hanno registrato e analizzato le distanze percorse dai topi.

I ricercatori hanno utilizzato un retrovirus per identificare le cellule staminali neurali nella regione del giro dentato del cervello. Questo virus ha introdotto un recettore unico in queste cellule, che ha permesso ai ricercatori di identificarle successivamente. Ciò è stato fatto con i topi di entrambi i gruppi. Le cellule staminali neurali sono cellule specializzate all’interno del sistema nervoso in grado di produrre diversi tipi di cellule nervose, inclusi neuroni e cellule gliali, e svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella riparazione del cervello.

Più di sei mesi dopo questo passaggio iniziale, i ricercatori hanno iniettato un secondo virus nella stessa area del cervello dei topi. Ciò ha permesso loro di tracciare le connessioni con i neuroni precedentemente contrassegnati dal retrovirus e di mirare specificamente ai neuroni appena formati negli adulti che derivano da cellule staminali che marcano il retrovirus primario. Pertanto, i ricercatori sono stati in grado di identificare e misurare le connessioni sinaptiche con questi neuroni adulti appena formati.

I risultati hanno mostrato che la corsa a lungo termine ha portato a una modifica significativa nella rete di questi neuroni nei topi di mezza età. L’esercizio aumenta l’input a questi neuroni dagli interneuroni dell’ippocampo. La corsa previene anche la perdita di innervazione di questi neuroni dalla zona della corteccia peririnale del cervello. Ha aumentato l’input a queste regioni da aree del cervello che sono essenziali per la memoria contestuale e spaziale – la sottocorteccia e la corteccia entorinale.

READ  Le storie spaziali più importanti del 2024

“In generale, l’esercizio a lungo termine apporta grandi benefici al cervello che invecchia. Abbiamo dimostrato che l’attività fisica cronica dall’età adulta fino alla mezza età mantiene e rafforza la rete che innerva i neuroni nati in età adulta. Sebbene questi risultati siano limitati ai circuiti cellulari. ci aspettiamo che rappresenti gli effetti della corsa sul cervello nel suo complesso e fornisca nuove informazioni su come l’esercizio fisico aiuta a mantenere la funzione della memoria durante l’invecchiamento.

L’autrice principale Carmen Vivar del Centro per la ricerca e la ricerca ha aggiunto: “Il nostro studio fornisce informazioni su come l’esercizio cronico, che inizia nell’età adulta e continua per tutta la mezza età, aiuta a mantenere la funzione della memoria durante l’invecchiamento, sottolineando l’importanza di includere l’esercizio fisico nella nostra vita quotidiana”. .” . de Estudios Avanzados del IPN in Messico.

Lo studio fornisce un importante contributo alla comprensione scientifica dei legami tra attività fisica e salute del cervello. Presenta però anche dei limiti di cui bisogna tenere conto. Vale la pena notare che lo studio è stato condotto sui topi e non sugli esseri umani. Sebbene i topi e gli esseri umani condividano molte caratteristiche fisiologiche, differiscono anche in molte aree. I risultati negli esseri umani potrebbero non essere gli stessi.

la carta, “Correre per tutta la mezza età mantiene collegati i vecchi neuroni nati in età adultascritto da Carmen Vivar, Ben Peterson, Alejandro Pinto, Emma Janke e Henriette van Praagh.