Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio suggerisce che i delfini mostrano i segni distintivi della malattia di Alzheimer


Londra
Cnn

Tre tipi di cervello Delfino Si trova arenato lungo la costa scozzese e ha mostrato le caratteristiche distintive di Il morbo di AlzheimerUna nuova ricerca fornisce informazioni sulla malattia in specie diverse dall’uomo.

I risultati possono anche fornire una possibile risposta a domande inspiegabili delinquenza I ricercatori hanno detto che i delfini sono lungo la costa.

Il morbo di Alzheimer È una malattia neurodegenerativa comune Che colpisce prevalentemente gli anziani, con sintomi come Perdita di memoria, dimenticanza e confusione.

Secondo uno studio pubblicato il 13 dicembre sul Giornale europeo di neuroscienzeI ricercatori scozzesi hanno condotto studi post mortem sul cervello di 22 persone i dentio balene dentate, il che rende i loro risultati più dettagliati rispetto ad altri hanno detto gli autori.

“È molto più profondo e più ampio perché esamina un numero maggiore di animali di diverse specie di cetacei che sono noti per invecchiare per le specie (le più antiche)”, Mark Dalglish, coautore e un medico senior in anatomia patologica dell’Università di Glasgow, ha detto martedì alla CNN.

Lo studio ha esaminato esemplari di cinque specie: delfini di Risso, balene pilota con pinne lunghe, delfini dal becco bianco, focene e tursiopi. Dei 22 campioni studiati, 18 erano anziani.

Fondamentalmente, ha scansionato interi cervelli per fornire caratteristiche della lesione (anomalia) utilizzando più marcatori della malattia di Alzheimer, ha aggiunto Dalglish, con le stesse tecniche utilizzate nel tessuto umano.

I risultati hanno mostrato che tre delfini anziani – un globicefalo, un delfino dal becco bianco e un tursiope – presentavano alterazioni cerebrali o lesioni associate alla malattia di Alzheimer negli esseri umani.

READ  La nuova tecnologia mostra che le temperature antiche erano molto più calde di quanto si pensasse

tara lance jones, Un coautore di un altro studio in A dichiarazione Questa settimana, i ricercatori sono rimasti affascinati nel vedere cambiamenti cerebrali nei delfini anziani simili a quelli osservati negli esseri umani (invecchiamento) e nel morbo di Alzheimer.

“Se questi cambiamenti patologici contribuiscono alla delinquenza in questi animali è una domanda interessante e importante per il lavoro futuro”, ha detto Spiers-Jones. Personal Head of Neurodegeneration presso il Deanship of Biomedical Sciences, Università di Edimburgo.

I globicefali con le pinne lunghe erano tra i tre delfini anziani che hanno sviluppato lesioni simili agli esseri umani con il morbo di Alzheimer.

I ricercatori hanno scoperto che i campioni avevano accumulato proteine ​​fosfo-tau e cellule gliali e si sono formate placche amiloide-betaÈ un gruppo proteico che si trova nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer. La distribuzione di queste lesioni era simile alle regioni del cervello negli esseri umani con malattia di Alzheimer, secondo il documento di ricerca.

Dalglish ha affermato che i risultati sono “il più vicino possibile a dimostrare che qualsiasi animale sviluppa spontaneamente lesioni correlate all’Alzheimer”, che in precedenza si pensava si sviluppassero solo negli esseri umani.

I denti sono regolarmente bloccati sulle coste del Regno Unito in gruppi, il che secondo gli autori dello studio potrebbe supportare la teoria del “leader malato” quando un gruppo segue un leader anziano in acque poco profonde, forse a causa del disorientamento del leader.

La neuropatologia simile dei delfini anziani e degli esseri umani con malattia di Alzheimer suggerisce che i mammiferi marini hanno una suscettibilità alla malattia, ma Dalglish ha detto che la diagnosi può essere fatta solo se ci sono carenze cognitive. Questi si trovano di solito utilizzando le valutazioni del deterioramento cognitivo – impossibile con gli studi post mortem.

READ  La navicella spaziale Lucy della NASA vola sopra la Terra nel primo anniversario del suo lancio in una missione per esplorare Giove