Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Unità o rifiuto: l'immigrazione albanese in Italia

Unità o rifiuto: l'immigrazione albanese in Italia

I profughi albanesi salutano mentre lasciano il porto italiano di Brindisi in treno nel marzo 1991 (Gerard FOUET)

Il 20 febbraio 1991, i manifestanti di Tirana rimossero una gigantesca statua del dittatore albanese Enver Hoxha, segnando la fine del regime comunista e innescando un’ondata di emigrazione verso l’Italia.

Tre decenni dopo, a novembre, il primo ministro albanese Edi Rama ha firmato un controverso accordo sull’immigrazione con Roma, citando la “solidarietà” che l’Italia aveva mostrato all’epoca ai suoi connazionali.

Oggi la comunità albanese in Italia è numerosa – la seconda più grande tra i paesi extra-UE – e ben integrata.

Ma non è sempre così e i critici accusano Rama di riscrivere la storia.

“L'integrazione è stata molto difficile”, dice Hajri Kurdi, che si è trasferito in Italia per sfuggire alla povertà.

“Sei un immigrato clandestino, non hai diritti, lavori illegalmente. A volte non vengo pagato”, ha detto all'AFP il 50enne.

“Devi essere invisibile e mi sono spaventato quando ho visto un poliziotto per strada”, ha detto.

Ora socio di un'agenzia di assistenza, ci sono voluti anni prima che un padre sposato ottenesse il diritto di restare.

“Esistono i pregiudizi, esiste il razzismo” nella società italiana, ha detto.

– Tradimento –

L’Italia, a 70 chilometri (40 miglia) dall’Albania attraverso il Mar Adriatico, era vista come un paese occidentale pieno di opportunità.

Le migliaia di albanesi che arrivarono nel porto di Brindisi nel sud dell'Italia nel marzo 1991 furono accolti calorosamente, ha detto Edmond Koto, presidente dell'associazione culturale albanese Besa.

Il 57enne ha ricordato quanti locali hanno lasciato il cibo fuori dalla porta di casa per i nuovi arrivati, inclusa una giovane donna che gli ha aperto la sua casa.

READ  L'accesso turistico ad Amalfi Beach, in Italia, è limitato

“Ha invitato me e due miei amici a pranzo e dopo aver ascoltato la storia del mio paese, lei e suo marito ci hanno invitato a restare e dormire a casa loro”, ha detto all'AFP.

Ma circa 20.000 albanesi arrivati ​​a Bari, porto a nord di Brindisi, nell'agosto dello stesso anno, non furono così fortunati.

I migranti disperati che si riversavano sulla loro barca Vlora erano notizie in prima pagina e il governo temeva che l’afflusso sarebbe continuato.

Dopo diversi giorni di detenzione in uno stadio della città, la maggior parte di loro è stata rimandata indietro.

Agli albanesi è stato detto che sarebbero stati mandati in un'altra città italiana e il loro ritorno forzato è stato visto come un tradimento.

Nel 1997, l’Italia aveva imposto un blocco navale all’Albania, con navi militari italiane che pattugliavano le sue acque.

Nello stesso anno, una nave albanese che trasportava più di 120 persone si scontrò con una nave della marina italiana, uccidendo più di 80 albanesi o dispersi.

– 'espediente pubblicitario' –

Questi non sono ricordi con cui il primo ministro italiano Giorgia Meloni o Rama vogliono convivere.

Eletto con un ticket anti-immigrazione nel 2022, l’estrema destra Meloni ha promesso di ridurre il numero di barconi di migranti che arrivano in Italia, e sebbene le barche non provengano dall’Albania in questi giorni, il problema dovrebbe essere visto come affrontato. Principalmente dal Nord Africa.

Rama vuole che Roma aiuti ad accelerare l'ingresso dell'Albania nell'Ue.

Secondo l’accordo, l’Italia aprirà due centri in Albania per processare le persone intercettate mentre tentano di attraversare il Mediterraneo.

Questi centri possono ospitare fino a 3.000 persone alla volta mentre le loro richieste di asilo vengono valutate, un processo spesso lungo.

READ  Resti fossili di 11 dinosauri ritrovati in Italia | dinosauri

Questa è solo una frazione della frequenza annuale. Nel 2023 sono arrivate in Italia dal Nord Africa più di 150.000 persone.

Il piano è stato criticato dagli enti di beneficenza per il salvataggio dei migranti in quanto potenzialmente in violazione del diritto internazionale.

Per l'immigrato albanese Kurdi l'accordo “non è una trovata pubblicitaria” intesa a “nascondere l'incompetenza del governo italiano”.

ljm/ide/ams/gv