Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un leader veterinario afferma che una mutazione del virus felino a Cipro ha causato molte meno morti di gatti di quanto affermato

Un leader veterinario afferma che una mutazione del virus felino a Cipro ha causato molte meno morti di gatti di quanto affermato

Il capo dell’Associazione dei veterinari di Cipro ha affermato che affermare che una mutazione locale del virus felino abbia ucciso fino a 300.000 gatti sull’isola è una grossolana esagerazione.

NICOSIA, Cipro – Mercoledì il capo dell’Associazione dei veterinari ciprioti ha negato le affermazioni secondo cui una mutazione locale di un virus felino avrebbe ucciso fino a 300.000 gatti nella piccola isola del Mediterraneo.

Il direttore dell’Associazione veterinaria di Pancyprian, Nektaria Ioannou Arsenoglou, ha affermato che l’indagine del gruppo su 35 cliniche veterinarie ha indicato che il numero totale di decessi in tutta l’isola non ha superato gli 8.000. Le cifre fornite dagli animalisti locali e amplificate dai media stranieri “si sommano semplicemente”, ha detto Arsenoglu.

Si diffonde attraverso il contatto con le feci di gatto e né il virus né la sua mutazione possono essere trasmessi all’uomo.

I farmaci specifici che possono trattare sia la forma “umida” che quella “secca” della malattia sono molto costosi, anche se Arsenoglu si è detta “ottimista” sul fatto che il governo sarà presto in grado di assicurarsi più farmaci.

Non è chiaro quanti gatti selvatici vivano a Cipro, dove sono generalmente amati e hanno una lunga storia. Secondo la leggenda bizantina, Sant’Elena introdusse i gatti a Cipro per controllare i serpenti velenosi che affliggevano l’isola quando stava tornando a Costantinopoli dopo aver completato la sua ricerca per trovare la croce su cui fu crocifisso Gesù Cristo.

READ  Il vero aspetto di Ötzi the Iceman è stato rivelato attraverso una nuova analisi del DNA

Un’attivista felina cipriota che si chiama Marina Neao e mantiene una colonia di gatti selvatici si è lamentata con l’Associated Press che le autorità stanno trascinando i piedi nella ricerca di farmaci a buon mercato per contrastare la diffusione del virus.

L’aumento ha attirato l’attenzione dei veterinari e di molti assistenti di gatti sull’isola nel gennaio di quest’anno, ha detto Arsenoglou, con casi che hanno continuato a salire costantemente fino a metà primavera, quando ha iniziato a stabilizzarsi.

Ha detto che l’Associazione Veterinaria ha formato un gruppo di lavoro per monitorare la diffusione della mutazione e informare i veterinari e gli attivisti degli ultimi sviluppi.

Sono già state prese misure per impedire l’esportazione della mutazione attraverso visite mediche obbligatorie per tutte le razze da adottare all’estero.

——-

Questa storia è stata modificata per riflettere sul fatto che il virus è una mutazione locale di un coronavirus felino non correlato a COVID-19