Luglio 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un italiano e un egiziano presiedono la giuria del Red Sea International Film Festival

Un italiano e un egiziano presiedono la giuria del Red Sea International Film Festival

Il Red Sea Film Festival ha annunciato questa settimana che il regista italiano Giuseppe Tornatore presiederà la giuria del concorso cinematografico, insieme ad altri membri della regione araba e del mondo, mentre l’egiziano Marwan Hamed presiederà la giuria del concorso Red Sea Shorts. Il festival prevede la proiezione di film internazionali, inclusi quelli proiettati ai Festival di Cannes e Venezia.

Giuseppe ha dichiarato: “La sua partecipazione al festival arriva in un momento in cui la regione sta vivendo un incredibile impulso nell’industria cinematografica e un’ondata di nuovi talenti creativi. C’è una forte pipeline di film provenienti dal mondo arabo, dall’Asia e dall’Africa. È enorme. E la sfida della responsabilità”.

Ampiamente considerato uno dei registi più famosi d’Italia, la sua carriera ha attraversato oltre 30 anni durante i quali ha realizzato film di successo tra cui Cinema Paradiso (1988).

Giuseppe è anche noto per la sua lunga collaborazione con il compositore Ennio Morricone, con il quale ha lavorato a 13 dei suoi film. L’ultimo documentario di Tornatore, che racconta la storia del compositore, sarà proiettato nell’ambito del programma internazionale Spectacular del festival.

Gli altri membri della giuria sono principalmente donne, tra cui l’attrice tunisina Hend Sabry, la regista, scrittrice, attrice e produttrice palestinese-americana Shireen Dabis, la regista, scrittrice ed editrice tedesca Daniela Michel e il regista saudita Abdulaziz Al-Shallahi.

La giuria del concorso cortometraggi è presieduta dal regista egiziano Marwan Hamed. Sarà affiancato dall’attrice e regista saudita Ahed Kamel e dal regista e scrittore finnico-somalo Khader Aydros.

La competizione ufficiale prevede la proiezione degli ultimi film provenienti dall’Asia, dall’Africa e dalla regione araba. Offrirà anche l’opportunità di scoprire nuovi talenti, insieme a lavori professionali con 16 lungometraggi e 18 cortometraggi.

READ  Il trend Covid: l'accesso alle libertà dipende sempre più dalla vaccinazione

Il Red Sea Immersive Cinema Competition sarà tenuto da una giuria composta da sole donne presieduta dall’artista americana d’avanguardia Laurie Anderson, alla quale si uniranno la regista vincitrice del BAFTA Award Victoria Maplebeek e una delle prime street artist dell’Arabia Saudita Sarah Muhanna Al Abdali.