Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un dipendente di Starbucks è risultato positivo all’epatite A, che potrebbe esporre migliaia di clienti al virus

L’esposizione all’epatite A include chiunque abbia visitato Starbucks al 1490 di Blackwood Clementon Road il 4, 5, 6, 11, 12 e 13 novembre, secondo il portavoce della contea Dan Keshin.

Il dipartimento della salute della contea di Camden è stato informato dell’incidente mercoledì e ha immediatamente chiuso la sede di Gloucester Township Starbucks, ha detto Keshin alla CNN.

Si consiglia alle persone che frequentano Starbucks e non sono state vaccinate contro l’epatite A di farsi vaccinare “il prima possibile, ma non oltre 14 giorni dopo il contatto”, ha affermato il dipartimento della salute in una nota. nuova versione Venerdì.
“Il dipartimento sanitario della contea sta lavorando a stretto contatto con il paziente e il personale di Starbucks per affrontare la situazione”, ha affermato Pashal Nwako, funzionario sanitario della contea di Camden. Nuova versione.

“La nostra massima priorità è garantire che tutte le persone coinvolte rimangano al sicuro e in salute. Il paziente non sta attualmente lavorando e sono stati identificati contatti stretti. Incoraggiamo chiunque pensi di essere stato vaccinato contro l’epatite A a contattare il dipartimento sanitario della contea o un primario medico curante”.

Keshin ha affermato che giovedì il personale della sanità pubblica ha fornito 17 vaccini per l’epatite A ai dipendenti di Starbucks e ha allestito una clinica per i vaccini pop-up nelle vicinanze venerdì e sabato.

Ad oggi, sono stati somministrati 800 vaccini, che rappresentano il più grande sforzo di vaccinazione contro l’epatite C nella storia dello stato, secondo Kechin.

“Starbucks dice che questa posizione è affollata, come la maggior parte delle persone”, ha detto Keshin. “Dicono di avere una media di 600 clienti al giorno e alcuni di loro sono sponsor di ritorno che probabilmente vanno un paio di volte al giorno… ma la fornitura è probabilmente di migliaia”.

READ  E se il buco nero al centro della Via Lattea fosse in realtà un grumo di materia oscura?

I visitatori di Starbucks “devono assolutamente vaccinarsi”

Un dipendente di Starbucks che ha contratto il virus si sta riprendendo. Il portavoce ha affermato che finora nessuna persona è stata confermata con l’epatite A a causa dell’esposizione.

“Ho scoperto che io e mia figlia eravamo stati esposti alla possibilità di epatite A”, ha detto Keshin. “Sono stato in grado di vaccinarmi oggi e finalmente mi sento bene”. CNN affiliato WABC.

“Se entri in contatto con una sostanza che è uscita dall’auto o è entrata all’interno dell’edificio stesso, dovresti assolutamente vaccinarti”.

A causa del numero limitato di vaccini dello stato, raccogliere la giusta quantità di dosi non è stato un compito facile.

“Abbiamo fatto guidare i dipendenti del Dipartimento della sanità pubblica in tutto lo stato, in alcuni casi per centinaia di miglia, raccogliendo vaccini in tutto lo stato”, ha spiegato Kechin. “Nel New Jersey non sono disponibili molte dosi di vaccino contro l’epatite A”.

La contea ha assicurato con successo 500 dosi per un’altra clinica pop-up pianificata mercoledì mentre la domanda per il vaccino continua ad aumentare.

L’epatite A è un’infezione epatica altamente contagiosa che può diffondersi attraverso il contatto ravvicinato con una persona infetta o mangiando cibi o bevande contaminati, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

I sintomi includono febbre, affaticamento, nausea, vomito, disturbi addominali e ittero e di solito compaiono da due a sei settimane dopo l’infezione e durano meno di due mesi, secondo il CDC.

I tassi di epatite A negli Stati Uniti sono diminuiti di oltre il 95% da quando il vaccino è stato reso disponibile per la prima volta nel 1995, Secondo il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie. La vicina Filadelfia annunciare Un’emergenza di salute pubblica dovuta a un picco di epatite A nel 2019 con la maggior parte dei casi verificatisi nella popolazione a rischio di Kensington.