Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un altro passo italiano a Bordeaux

© Castellar de Castellini
| Il vino è andato esaurito entro 72 ore dalla sua uscita in Place de Bordeaux.

Alcuni luoghi, come La Place de Bordeaux, hanno una rete di negoziatori con sede a Bordeaux per acquistare, vendere e distribuire i migliori vini sul mercato mondiale.

Tuttavia, negli ultimi anni non fa una spruzzata dei migliori vini francesi. I migliori vini, come l’Opus One della California, l’Almaviva del Cile e il Vin de Constance del Sud Africa, si sono tutti fatti strada nella prestigiosa sede, anche se brevemente, in un altro giro oltre a Bordeaux.

Dominique Castellare de Castellina è una piantagione di 80 ettari situata al centro del Cianti Classico, nata dall’unione di quattro poderi, con bandiere che vanno dai sette ai 45 anni. Fondata negli anni ’70 dall’editore finanziario Pavlo Paneroi – ha diretto la rivista italiana Il Mondo, un tempo inedita, che annovera George Orwell tra i suoi collaboratori – l’azienda produce l’acclamato Super Tuscan I du San Nicol e varie combinazioni. Scienziati e bianchi.

Vigneti Il Sangiovese, detto anche Sangioveto, è uno specifico clone e vitigno autoctono, la Malvasia Nera – entrambi in abbinamento con I Sodi di San Niccolò, Sangioveto 85% e restanti Malvasia Nera. Fin dalla sua prima antichità nel 1977, lo spettatore del vino I Sode de San Nicolo è stato più volte inserito nella top 100 ed è stato un successo con vari critici e pubblicazioni come Campero Rosso, Robert Parker e Decander.

Con l’introduzione del Bordeaux annata 2018 sul mercato popolare, questo Super Tuscan che viene regolarmente offerto sta ancora una volta facendo scalpore. Secondo Gerard Spadaphora, amministratore delegato di E-Studi’OZ, un’agenzia di consulenza su vino e alcolici con sede a Bordeaux, il vino è andato esaurito in 72 ore.

READ  Spagna, Italia, Lettonia e Lituania facilitano i requisiti di ingresso per i viaggiatori statunitensi

Come dice Spodaphora: “Se vendi il tuo inventario in 72 ore, significa che c’è una forte domanda da parte dei rivenditori di liquori perché credono nella qualità e credono davvero che il vino possa essere distribuito in tutto il mondo”.

Spotaphora continua: “Abbiamo un broker che si dedica completamente ai vini non bordolesi, tra cui Timothy Morey [of Bureau des Grands Vins, a network of Bordeaux negociants]. Così ha organizzato un incontro e una degustazione con il commerciante di vino per consegnare il vino. I commercianti di vino analizzano il potenziale di vendita, assicurandosi che il vino si collochi al primo posto nel mondo – i ristoranti più alti o l’enoteca più specializzata – dove il vino è collocato al posto giusto. . “

I vini prodotti da La Place de Bordeaux sono limitati, eleganti e altamente desiderabili; Come dice Spatafora: “Non è possibile per tutti avere accesso a quel tipo di vino”, ma con il supporto di La Place, è più probabile che i vini finiscano nei rivenditori o nei ristoranti di fascia alta. Come spiega Spatafora, “la missione di Castellare di Castellina è fare il miglior vino” e La Place fornirà la migliore base per questo.

Connessione francese

Per il fondatore Panerai, vendere I Sodi di San Niccolo a La Place de Bordeaux è una naturale estensione del dialogo già consolidato che ha con la Francia. Un’altra impresa di Rocca de Frascinello nella Maremma toscana, nei pressi di Polgary, è una joint venture tra Castellare e i Domains Barons de Rothschild (Lafite).

Paneroi ha acquisito arbitrariamente alcuni acri in Maremma, portando infine a una partnership con Eric, risultando in una perfezione super toscana nella tradizione italiana e francese, come risultato del desiderio di Lafayette di portare la sua vasta conoscenza e competenza sul suolo italiano. Il vino di punta Rocca de Frasinello utilizza sia uve autoctone italiane come le classiche varietà bordolesi Cabernet Sauvignon e Merlot, sia il Sangiovetto. Laddove Castellare de Castellina è innegabilmente italiano, Roca de Frasicello è l’ultimo mash-up tra i due orgogliosi produttori di vino. Come Izodi de San Nicolo, Rocca de Frasinello è ampiamente considerata con le partiture che escono dagli anni Novanta.

READ  Torna con inaspettata attenzione Artesima, la principale mostra d'arte contemporanea in Italia: l'India

“Ora la figlia di Eric, Saskia, è a capo dell’azienda”, ama menzionare Paneroi. Anche lei, come fa notare Paneroi, è “metà italiana, metà francese”.

Uccelli con una piuma

I Sodi de San Nicolas non è il primo vino italiano ad andare a La Place de Bordeaux. Come spiega Panerai: “Masseto è il precursore del vino italiano a La Place. Hanno iniziato nel 2008, che è un grande passo verso i nostri obiettivi per la qualità del vino, ma ora, in termini di verifica della qualità, conosciamo il prezzo. Macetto è molto , molto alto.”

Per Paneroi, I Sou de San Nicolo ha lasciato il segno su La Place, con il suo Supertuscan all’italiana superiore, ottimo Bordeaux in tutto, dalla terra all’uva che produce, un ottimo riconoscimento del suo equivalente. Alla classe Grand Crew.

Tuttavia, come sottolinea Spatafora, i vini non bordolesi sono molto incerti e La Place de Bordeaux deve decidere se “correre il rischio o cogliere l’occasione per promuovere il vino italiano nella sua lista dei ricchi di Bordeaux”. Tuttavia, se lo fanno, “significa che credono davvero nella qualità dei vini, e lo considerano davvero un primo sviluppo come quello di Bordeaux”.

Entrare nell’esclusiva, elitaria e benestante rete francese è minaccioso nei momenti migliori, ma il 2018 sembra essere il momento fortunato per celebrare 40 oggetti d’antiquariato, soprattutto con l’annata 2017, sperando in vini che svettano nel cielo. Questa pietra miliare è stata segnata dall’uscita di un libro del famoso ornitologo John Gold con 40 illustrazioni di vari uccelli canori e migranti. Per anni, ogni etichetta vintage è stata adornata con diversi uccelli simbolici: il simbolo del 2018 è la balestra gialla.

READ  L'Italia pesa fino a 3,5 miliardi di dollari in offerta di proprietà per Monte Pacchi

A proposito di vino, l’enologo Alessandro Cello, allievo di Giacomo Dachis, uno dei migliori produttori di vino d’Italia, descrive questa annata: “I Sodi di San Nicolò è l’apice della piramide in termini di qualità del cliente. I Sodi di S. Niccolo Vigneto unico, ha più di 50 anni, è uno dei più bei frutti dell’annata 2018 degli ultimi 20 anni, un meraviglioso giardino d’annata, molto equilibrato con la giusta pioggia. Il momento perfetto. Il vino è immediatamente riconoscibile – freschezza, lunghezza, gusto – il vino è così bello. La conformità, dal naso alla bocca, è il segno distintivo del 2018. “

Per quanto riguarda la cella, anche l’annata 2020 si sta evolvendo in “un’altra annata perfetta e classica”. Forse andrà anche a La Place de Bordeaux.

Per partecipare alla conversazione, commenta sui nostri canali di social media.