Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

L’Ucraina afferma che la “procrastinazione” sul suo bisogno di armi è “ingiustificabile”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky partecipa a una dichiarazione congiunta con il presidente della Commissione europea Ursula, mentre l’invasione russa dell’Ucraina continua, a Kiev, in Ucraina, l’11 giugno 2022.

Valentin Ogirenko | Reuters

La pazienza dell’Ucraina con la sua mancanza di armi a lungo raggio sembra esaurirsi, con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky anche questa settimana che chiede più armi di questo tipo.

Nel suo discorso di martedì sera, Zelensky ha affermato che mentre le difese aeree dell’Ucraina avevano “tagliato le ali” ad alcuni dei missili russi che prendevano di mira il paese, altri avevano causato più morte e distruzione nelle regioni di Lviv e Ternopil dell’Ucraina occidentale.

“Continuiamo a dire ai nostri partner che l’Ucraina ha bisogno di moderne armi antimissilistiche”, ha affermato Zelensky.

“Il nostro Paese non ne ha abbastanza [these] Finora, ma nel nostro paese e al momento l’Europa ha un disperato bisogno di tali armi. Rivolgendosi alla sua nazione alla fine del 111° giorno di guerra, Zelensky ha detto: “La procrastinazione nelle sue disposizioni non può essere giustificata”.

Le forze ucraine stanno combattendo un pesante attacco delle forze russe nell’Ucraina orientale, dove gli occupanti ora controllano l’80% della città principale di Severodonetsk. Zelensky ha chiesto ripetutamente all’Ucraina di ricevere più armi a lungo raggio dai suoi alleati occidentali, oltre a carri armati, droni e veicoli corazzati.

Agrifoglio Elia

La Russia controlla circa l’80% della città contesa di Severodonetsk nell’Ucraina orientale

Il fumo sale durante i bombardamenti nella città ucraina orientale di Severodonetsk il 21 maggio 2022. Le forze russe controllano circa l’80% di Severodonetsk, l’ultima città parzialmente controllata dall’Ucraina a Luhansk, e hanno distrutto tutti e tre i ponti che vi conducono, ha riferito l’Associated Press , citando un funzionario.

Aris Messines | Afp | Getty Images

Le forze russe controllano circa l’80% di Severodonetsk e hanno distrutto i tre ponti che portano fuori dall’ultima città di Luhansk, che è parzialmente controllata dall’Ucraina, secondo l’Associated Press, che ha citato il governatore di Luhansk.

READ  Cardinale vaticano sotto processo in uno storico caso di corruzione finanziaria

L’Associated Press, citando il governatore Serhiy Hayday, ha affermato che le forze ucraine sono state spinte nella periferia industriale della città a causa del “metodo della terra bruciata e dell’artiglieria pesante usati dai russi”.

Haiday ha affermato che l’evacuazione di massa dei civili ora è “semplicemente impossibile” a causa dei continui bombardamenti e combattimenti.

Ma ha aggiunto che c’era ancora la possibilità di far uscire i civili dalla città perché i soldati russi non avevano ancora completamente isolato la città.

“C’è ancora la possibilità di evacuare i feriti e comunicare con l’esercito ucraino e i residenti locali”, ha detto all’Associated Press.

Dei 100.000 abitanti prima della guerra, solo 12.000 erano rimasti a Severodonetsk, ha riferito l’agenzia di stampa.

Più di 500 civili si stanno rifugiando nell’impianto chimico di Azot, che è sotto attacco
Hayday ha detto le forze russe.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che mercoledì aprirà un “corridoio umanitario” per consentire ai civili ucraini che si rifugiano nella fabbrica di lasciare il complesso.

– Chelsea Ong

L’esperto di sanzioni afferma che la capacità della Russia di finanziare la guerra e l’industria della difesa rimane forte

La gente del posto osserva un carro armato militare russo distrutto durante l’invasione russa dell’Ucraina, nel villaggio di Sloboda, nella regione di Chernihiv, Ucraina, l’8 maggio 2022 (Photo by Maxim Marosenko/Noor Photo via Getty Images)

Norfoto | Norfoto | Getty Images

Le sanzioni globali coordinate potrebbero non influenzare immediatamente la capacità del Cremlino di finanziare la sua base industriale della difesa o la sua guerra in corso in Ucraina, ha affermato l’economista russo Richard Connolly.

“La capacità dello stato russo di finanziare la guerra e le sue forze armate è ancora molto forte”, ha affermato Connolly, direttore dell’Eastern Consulting Group e membro del Center for Russian, European and Eurasian Studies.

READ  Quando Covid ha colpito, la Cina era pronta a raccontare la sua versione della storia

“Anche nel caso in cui Mosca debba incorrere in un disavanzo di bilancio. Ha un ampio margine finanziario per farlo. Ha un livello di indebitamento molto basso, non ha bisogno di prendere in prestito dall’estero e può prendere in prestito da fonti nazionali di contanti”, ha spiegato. “E in questo momento, ha questo flusso di cassa molto positivo. Quindi, finché la volontà politica è presente al Cremlino e finché i prezzi all’esportazione rimangono alti, non vedo alcun vincolo fiscale immediato per il Cremlino”.

Connolly, parlando a una sessione ospitata dal think tank CNAS con sede a Washington, ha aggiunto che la Russia ha storicamente mantenuto elevate riserve di equipaggiamento per la difesa.

“Sarei molto sorpreso se non fossero così in alto alla vigilia della guerra, e quindi immagino che le industrie della difesa continueranno a produrre nei prossimi mesi”, ha detto. Ha anche affermato che la Russia ha precedentemente dimostrato di poter ottenere componenti della tecnologia occidentale utilizzati nella sua industria della difesa nonostante le sanzioni.

– Amanda Macia

Gli esperti affermano che Putin non rischia di perdere il potere durante la guerra in Ucraina

Il 16 maggio 2022 il presidente russo Vladimir Putin partecipa al vertice dell’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO) al Cremlino a Mosca, in Russia.

Sergey Giovanni | Sputnik | Reuters

Mentre il mondo orchestra sanzioni globali contro Mosca e un segmento della società russa che si oppone alla guerra del Cremlino in Ucraina, il presidente russo Vladimir Putin potrebbe non essere in pericolo di perdere il suo potere.

“Direi che ci sono pochissime indicazioni che rischi di perdere autorità in tempi brevi”, ha spiegato Andrea Kendall Taylor, senior fellow e direttore del Transatlantic Security Program presso il Center for a New American Security, o CNAS.

Kendall Taylor, un’esperta di sicurezza nazionale specializzata in Russia e regimi autoritari, ha detto a un’udienza virtuale alla Conferenza sulla sicurezza nazionale del CNAS che la presa di Putin sul potere è stata molto più debole dall’inizio della guerra.

READ  Intel e le aziende straniere in Vietnam temono le dure misure del virus Corona

“Non voglio necessariamente sopravvalutare il sostegno pubblico alla guerra, perché è abbastanza chiaro che c’è una parte della società contraria”, ha detto Kendall Taylor.

Ha aggiunto che in uno scenario in cui Putin muore in carica, è probabile che venga sostituito da un altro autocrate.

– Amanda Macia

L’Unione Europea vede nel Mediterraneo orientale un gas alternativo alla Russia

(Da destra a sinistra) Il primo ministro israeliano Naftali Bennett e il suo omologo italiano Mario Draghi hanno rilasciato un comunicato stampa congiunto presso l’ufficio del Primo Ministro a Gerusalemme il 14 giugno 2022.

Abeer Sultan | AFP | Getty Images

I leader europei in visita in Israele sperano che le forniture di gas naturale dal Mediterraneo orientale contribuiranno a ridurre la dipendenza dalla Russia mentre la guerra in Ucraina si trascina.

Israele è emerso come esportatore di gas negli ultimi anni dopo importanti scoperte offshore e ha firmato un accordo ambizioso con Grecia e Cipro per costruire un gasdotto congiunto. Nuove forniture potrebbero aiutare l’Europa ad aumentare le sanzioni contro Mosca.

“Sul fronte energetico, lavoreremo insieme all’uso delle risorse di gas nel Mediterraneo orientale e allo sviluppo delle energie rinnovabili”, ha affermato il premier italiano Mario Draghi in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo israeliano Naftali Bennett.

“Vogliamo ridurre la nostra dipendenza dal gas russo e accelerare la transizione energetica verso gli obiettivi climatici che ci siamo prefissati”, ha affermato.

Bennett ha detto che Israele sta lavorando per rendere disponibile il gas naturale all’Europa. Il suo ufficio ha affermato che i due leader hanno anche discusso della spedizione di gas naturale in Europa attraverso l’Egitto.

– Agenzia di stampa

Leggi la precedente copertura in diretta della CNBC qui: