Ottobre 17, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tendenze di immunizzazione e infezione in Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrain و

Due donne che indossano maschere camminano lungo un quartiere dello shopping il 19 aprile 2021 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

Francois Niel | Getty Images Notizie | Getty Images

Le campagne di vaccinazione in molti paesi del Medio Oriente hanno gareggiato contro il resto del mondo all’inizio del 2021.

Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrain In cima alla lista quando si trattava di dosi per 100 persone all’inizio dell’anno.

Sei mesi dopo, tutti e tre sono ancora tra i primi 10 paesi vaccinati, ma i grafici mostrano che le tendenze dell’infezione da Covid sono molto diverse.

Secondo Our World in Data, al 29 giugno, il 57,8% della popolazione del Bahrain era completamente vaccinata e il 59,7% della popolazione israeliana aveva ricevuto due dosi del vaccino Covid. I dati degli Emirati Arabi Uniti sugli individui completamente vaccinati sono stati aggiornati l’ultima volta il 20 aprile, quando la cifra era del 38,8%.

Israele

I nuovi casi giornalieri in Israele sono diminuiti con il proseguimento del programma di vaccinazione e i dati hanno mostrato che le infezioni sono rimaste in gran parte basse a due cifre per più di un mese dalla fine di aprile. Questo fino a quando la ricomparsa è apparsa alla fine di giugno.

Il numero di casi è una piccola parte dei picchi precedenti, ma è aumentato rapidamente negli ultimi giorni.

La variante delta altamente contagiosa è responsabile di circa la metà dei nuovi casi, secondo Nadav Davidovich, presidente della Israel Association of Public Health Physicians.

Tuttavia, le simulazioni prevedono che anche con la “trasmissione diffusa”, ci saranno solo diverse centinaia di casi gravi, ha detto alla CNBC durante una videochiamata. “Non è lo stesso di prima nella terza ondata”, ha aggiunto, riferendosi al rally iniziato alla fine dello scorso anno.

Gli Emirati Arabi Uniti

i due mari

decessi attribuiti a covid

L’infezione non è l’unico indicatore dello stato di coronavirus di un paese e le vaccinazioni non sono l’unico fattore che influenza.

Oltre alla vaccinazione, anche i dati demografici di un paese e le restrizioni Covid giocano un ruolo nella gravità della malattia e nella velocità di diffusione del virus.

I decessi in Israele e negli Emirati Arabi Uniti sono diminuiti e sono rimasti bassi, mentre i nuovi decessi giornalieri correlati al Covid per milione in Bahrain sono saliti a 17 a giugno.

Le mutazioni Covid sono una preoccupazione?

Paul Tambiah, presidente della Società Asia-Pacifico di microbiologia clinica e infezione, ha affermato che l’epidemia nei paesi del Medio Oriente non è nulla di cui preoccuparsi.

“Non penso che dovremmo essere troppo preoccupati”, ha detto alla CNBC in una e-mail. “La maggior parte, o almeno una parte significativa dei casi, riguardava coloro che non erano stati vaccinati”.

“La preoccupazione principale è che non possiamo farla franca senza vaccinare una percentuale molto ampia della popolazione”, ha detto.

Credo che finché il virus si diffonderà a livello globale e le frontiere saranno mantenute aperte, ci saranno focolai occasionali del virus anche nelle popolazioni altamente vaccinate.

Paul Tempeh |

Società Asia Pacifica di Microbiologia Clinica e Infezione

Anticipare i cluster di virus

Gli esperti medici hanno affermato che gli alti tassi di vaccinazione non escludono cluster di casi in futuro.

“Penso che finché il virus si diffonderà a livello globale e i confini saranno mantenuti aperti, di tanto in tanto ci saranno focolai del virus anche in incontri altamente vaccinati”, ha detto Tambih.

È probabile che ci siano “focolai localizzati” tra i bambini che non sono stati vaccinati, ha detto Davidovich.

Ha detto che è “difficile sapere” se la dipendenza dai vaccini cinesi – come abbiamo visto negli Emirati Arabi Uniti e in Bahrain – potrebbe essere collegata a un aumento significativo dei casi di Covid.

Tambih ha osservato che anche Israele, che utilizza principalmente vaccini Pfizer, sta assistendo a un rimbalzo.

Ha affermato che non ci sono pubblicazioni scientifiche che confrontino i vaccini tradizionali sviluppati dalla Cina con i vaccini che si basano sulla tecnologia dell’RNA, che dirige il corpo a produrre una parte innocua del virus che aiuta a stimolare una risposta immunitaria.

“Penso, purtroppo, che siano necessari tassi di vaccinazione più elevati”, ha detto Tambih.

READ  Rocket Report: la Cina copierà SpaceX Super Heavy? Vulcan Swing fino al 2022