Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Studio: le diete ricche di frutti di mare possono contenere un alto contenuto di “sostanze chimiche per sempre”

Studio: le diete ricche di frutti di mare possono contenere un alto contenuto di “sostanze chimiche per sempre”

Sharon Odasen e Hill

19 minuti fa

(La collina) – Da uno studio è emerso che le persone che consumano frequentemente frutti di mare possono correre un rischio maggiore di esposizione permanente a sostanze chimiche tossiche.

Di tutte le specie testate – fresche da un mercato sulla costa del New Hampshire – gamberetti e aragoste presentavano i livelli più preoccupanti di composti PFAS, secondo lo studio pubblicato venerdì su Esposizione e salute.

I PFAS, o sostanze perfluoroalchiliche, vengono rilasciati nell'ambiente da diverse fonti, tra cui scarichi industriali, alcuni tipi di schiume antincendio e comuni prodotti domestici.

Questi composti sintetici sono collegati a diversi tipi di cancro, contaminando le risorse idriche del paese e le specie che vivono lì.

Mentre gli scienziati valutano da tempo la presenza di PFAS nei pesci d’acqua dolce, gli autori dello studio hanno notato che finora i frutti di mare sono stati meno esaminati.

“La maggior parte delle ricerche attuali si concentra sui livelli di PFAS nelle specie di acqua dolce, che non sono principalmente ciò che le persone mangiano”, ha affermato Megan Romano, assistente professore di epidemiologia presso la Geisel School of Medicine del Dartmouth College. Nella situazione attuale.

Per trarre le loro conclusioni, i ricercatori hanno collegato un’analisi delle concentrazioni di PFAS nei frutti di mare freschi ai risultati di un’indagine statale sulle abitudini alimentari nel New Hampshire. Gli autori hanno notato che la ricerca a livello nazionale ha dimostrato che il New England come regione è il più grande consumatore di prodotti ittici.

READ  Il telescopio Webb della NASA cattura l'immagine dei "pilastri della creazione" più nitida di sempre

Gli scienziati hanno misurato i livelli di 26 diversi tipi di PFAS – di cui ce ne sono migliaia – in campioni delle specie marine più consumate nella regione: merluzzo, eglefino, aragosta, salmone, capesante, gamberi e tonno.

(Immagini Getty)

Secondo lo studio, mentre acquistavano prodotti freschi da un mercato costiero del New Hampshire, i frutti di mare provenivano da diverse regioni.

Hanno scoperto che gamberetti e aragoste nel paniere del mercato locale contenevano costantemente i livelli più alti di PFAS, mentre le concentrazioni in altri tipi di frutti di mare erano generalmente inferiori.

Gli scienziati hanno quindi valutato il rischio di esposizione a tre specifici trasgressori di PFAS – PFOS, PFNA e PFUnDA – utilizzando il rapporto tra la dose giornaliera ingerita dei composti e le soglie di consumo sicure federali o statali.

Successivamente, gli autori hanno esaminato i risultati del Granite State Panel, in cui 1.829 residenti del New Hampshire hanno partecipato a un sondaggio online sul loro consumo di pesce. Gamberetti, eglefino e salmone erano le scelte più popolari e di routine.

Alla fine, i ricercatori hanno scoperto che tra i grandi consumatori di prodotti ittici, le concentrazioni di PFUnDA e PFNA nei gamberetti non rappresentavano un rischio, ma i livelli di PFOS sì.

Secondo lo studio, le concentrazioni di PFUnDA nei gamberi costituivano una potenziale preoccupazione per gli individui che ne consumavano grandi quantità, ma i livelli di PFOS e PFNA non rappresentavano tale rischio.

Ma sebbene i residenti del New Hampshire tendano a mangiare molti frutti di mare, non lo fanno in modo uniforme, hanno osservato i ricercatori.

READ  Rapporto sull'influenza del New Hampshire: l'influenza è considerata sporadica

Più della metà delle persone che hanno dichiarato di aver mangiato pesce nella settimana precedente l’indagine viveva lungo la costa o vicino al confine con il Massachusetts.

C’erano anche divisioni in base alla situazione finanziaria: dallo studio è emerso che oltre il 60% delle famiglie con un reddito annuo inferiore a 45.000 dollari mangiava pesce almeno una volta alla settimana, mentre quelle con redditi più alti lo facevano meno frequentemente.

“La nostra raccomandazione è di non mangiare frutti di mare”, ha detto Romano “I frutti di mare sono un'ottima fonte di proteine ​​magre e acidi grassi omega”. “Ma è anche una potenziale fonte di esposizione ai PFAS negli esseri umani”.

“Comprendere questo compromesso tra rischi e benefici del consumo di frutti di mare è importante per le persone che prendono decisioni sulla dieta, soprattutto per le popolazioni vulnerabili come le donne incinte e i bambini”, ha aggiunto.