Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Smithsonian per ottenere alcuni campioni di asteroidi restituiti dalla NASA

La Smithsonian Institution ha dichiarato questa settimana che il suo Museo Nazionale di Storia Naturale prevede di ottenere parte del materiale celeste restituito domenica dalla navicella spaziale della NASA da un asteroide a circa 200 milioni di miglia dalla Terra.

Il materiale, che risale alla nascita del sistema solare, è stato lanciato con il paracadute nel deserto dello Utah dalla navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA tre anni dopo essere stato recuperato dalla sonda sull’asteroide Bennu. La navicella spaziale si è poi spostata per esaminare un altro asteroide.

La NASA ha affermato che il campione non conterrà microbi alieni che potrebbero infettare i terrestri.

“A causa del duro ambiente radioattivo nello spazio, non vi è alcuna possibilità che il campione prelevato da Bennu contenga organismi viventi”, ha affermato l’agenzia spaziale.

Una capsula della NASA che trasporta pezzi di un asteroide atterra con successo nello Utah

Il Museo di Storia Naturale nel Washington’s Mall prevede di ricevere due campioni di Bennu questo autunno, ha detto lo Smithsonian Institution.

Il primo premio andrà all’iniziativa di ricerca Our Unique Planet del museo “che cerca di rispondere a domande fondamentali sulle origini della vita, degli oceani e dei continenti sulla Terra”, ha detto in una e-mail il portavoce del museo Ryan Lavery.

Ha aggiunto che il secondo pezzo sarà esposto nella sala di geologia, gemme e minerali del museo. La data di presentazione sarà annunciata in seguito.

La sera del 20 ottobre 2020, la navicella spaziale OSIRIS-REx si è avvicinata all’asteroide, che ha le dimensioni di un grande grattacielo cittadino. Mentre si avvicinava, il braccio robotico del rover ha colpito la superficie, sollevando detriti e raccogliendone alcuni, ha detto la NASA.

READ  Axiom e SpaceX stanno sconvolgendo il tradizionale percorso dell’Europa verso lo spazio

La navicella spaziale quindi fece marcia indietro e si diresse verso casa.

Quanto è presente nel campione non è noto. Alcuni si sono rovesciati durante la manovra, ma i comandanti della missione ritengono che ne fossero rimasti circa 8,8 once.

Bennu ha circa 4,5 miliardi di anni, un residuo della nascita del sistema solare. La NASA voleva vedere di cosa era fatto. La NASA voleva anche studiare i materiali estratti da un oggetto che ha una possibilità molto remota di entrare in collisione con la Terra entro un secolo circa.

Il campione è stato trasferito in un laboratorio speciale presso il Johnson Space Center di Houston. Lì, gli esperti smantelleranno, rimuoveranno, inventarieranno e peseranno il contenitore contenente il materiale.

La NASA ha detto che polvere nera e detriti erano già stati trovati su una parte del contenitore.

La NASA ha dichiarato sulla piattaforma X, precedentemente nota come Twitter: “Il campione sarà diviso tra più di 200 scienziati in tutto il mondo e una percentuale di esso sarà conservata affinché le generazioni future possano studiarla”.

L’agenzia spaziale ha detto che rivelerà il campione l’11 ottobre alle 11:00