Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Settimana sportiva: giocatori da tenere d’occhio per il nuoto

Il nuoto paralimpico ha fatto molta strada dal suo debutto ai primi Giochi Paralimpici di Tokyo nel 1964. Con 620 atleti in competizione in 146 eventi per la medaglia, ecco alcuni dei nuotatori chiave da tenere d’occhio, dai principianti ai campioni paralimpici:

Daniel Dias (Brasile)

Prima di ritirarsi dalla sua carriera paralimpica, la stella brasiliana ha la possibilità di diventare il nuotatore paralimpico più sposato di sempre a Tokyo 2020. Il brasiliano deve aggiungere solo tre medaglie al suo attuale bottino di 14 ori, sette argenti e tre bronzi per passare il record. Mike Kenny, che ha vinto 16 medaglie d’oro.

Dias, nato a Campinas, ha visto nuotare Parra mentre guardava il collega brasiliano Claudaldo Silva competere alle Paralimpiadi di Atene del 2004. Due anni dopo, Dias aveva già battuto i record mondiali e aveva debuttato ai Mondiali di Durban, in Sudafrica, conquistando tre medaglie d’oro. La sua prima apparizione è arrivata alle Paralimpiadi di Pechino 2008 dove il brasiliano è tornato dalla Cina con nove medaglie (quattro ori, quattro argenti e un bronzo). A Londra 2012, Dias ha vinto sei medaglie d’oro su sei eventi al London Aquatics Centre.

Dias è stato recentemente nominato membro della Laureus World Sports Academy, soprannominata la squadra più illustre dello sport – e dopo aver vinto nove medaglie davanti al pubblico di casa a Rio 2016, il nuotatore S5 sarà fiducioso nella sua capacità di creare ancora più storia in Tokio.

© Lima 2019

Yip Pin Xiu (SGP)

Vincitrice della prima medaglia d’oro del suo paese alle Paralimpiadi di Pechino 2008, Xiu non vede l’ora di aumentare il suo bottino a Tokyo. Lontano dalla piscina, sostiene i diritti dei disabili, avendo perso la capacità di camminare all’età di 11 anni a causa della distrofia muscolare. Ma sarà in piscina dove cercherà di essere un modello in Giappone. La detentrice del record mondiale nei 50m e 100m dorso S2 mira a mantenere il suo titolo ai quarti Giochi Paralimpici di questa estate.

© OIS

Simon Barlaam (ITA)

READ  Galleria fotografica: Euro 2020 completa il primo turno e Ronaldo brilla | professionale

Barlam e la sua squadra italiana sono in buona forma, avendo concluso in testa al medagliere agli Europei di maggio a Madeira con 34 ori, inclusi sei record mondiali in sette giorni.

Prima del suo debutto paralimpico, l’italiano era salito sul podio sei volte a Madeira, tra cui tagliare il suo tempo nei 100 metri stile libero S9 in rotta verso la vittoria della sua seconda medaglia d’oro. Il sette volte campione del mondo, nato con una gamba sottosviluppata nota come ipoplasia congenita del femore, spera che la sua ricca corsa continui.

© David Fitzgerald-Sportsfile

Hasna Kukundakoy (UGA)

A soli 14 anni, l’ugandese gareggerà nelle gare S9 50m e 100m stile libero a Tokyo. Dopo aver gareggiato per la prima volta ai campionati del mondo a Londra nel 2019, ha poi impiegato 21 secondi incredibili dal momento in cui ha colpito i 100 rana ai campionati del mondo nell’aprile 2021. Kokondakwe, nata senza avambraccio destro e sfigurata la sua mano sinistra, iniziò a nuotare per incoraggiamento di sua madre. Essendo solo la seconda nuotatrice paralimpica dell’Uganda a partecipare ai Giochi Paralimpici (dopo Bruce Tosabi a Sydney 2000), la giovane talento si godrà tutto ciò che può al suo debutto ai Giochi e spera di fare del suo meglio.

© Wong Fu Lam

Sophie Pascoe (Nuova Zelanda)

Pascoe sa fin troppo bene cosa vuol dire debuttare alle Paralimpiadi da adolescente. Dopo aver vinto tre ori e un argento a Pechino nel 2008, l’atleta neozelandese si è comportato ancora meglio quattro anni dopo a Londra, con tre titoli e tre medaglie d’argento. Pasco, che ha perso la gamba sinistra dopo un incidente con il tosaerba all’età di due anni, si sta avvicinando alla sua quarta Paralimpiadi. Cercherà di capitalizzare le sue tre medaglie d’oro e due d’argento a Rio 2016, emergendo come la giocatrice paralimpica più decorata del paese.

© Getty

Dai Tokarin (Giappone)

READ  L'Upper Ohio Italian Festival pronto | Notizie, sport, lavoro

Dai Tokarin manterrà le speranze di qualsiasi nazione nel suo debutto alle Paralimpiadi di Tokyo 2020. L’atleta S14, che ha un disturbo dello spettro autistico, ha iniziato a nuotare nel suo nativo Giappone all’età di quattro anni e ha iniziato a gareggiare sul serio nel 2014.

Pur mancando dolorosamente dalle qualifiche per Rio 2016, l’atleta giapponese ha stabilito un record mondiale di 2:08.70 secondi nei 200 m misti individuali maschili ai Campionati mondiali di nuoto Para a Londra nel settembre 2019. Spera di replicare quella straordinaria prestazione a Tokyo.

© Getty

Jessica Long (USA)

La star americana è l’unica delle prime cinque medaglie para di nuoto ancora a gareggiare. La 23 volte medaglia e 13 volte campionessa paralimpica S8 potrebbe avanzare come seconda classificata tra le prime cinque se potesse aggiungere le sue 13 medaglie d’oro, sei d’argento e quattro di bronzo a Tokyo.

Nata in Siberia con una rara condizione che ha portato all’amputazione di entrambe le gambe, è stata adottata da una famiglia americana di un orfanotrofio russo quando aveva un anno. All’età di 12 anni, Long ha fatto il suo debutto internazionale alle Olimpiadi di Atene 2004 come la squadra più giovane degli Stati Uniti e ha vinto tre medaglie d’oro per mostrare il suo potenziale. Tokyo 2020 sarà la sua quinta partita.

© Getty

Ehar Bucky (BLR)

Pukki è in gran forma quando va a Tokyo, avendo vinto sei ori e un argento agli Europei di giugno a Madeira. Ha anche battuto due record mondiali nei 100 m farfalla maschili e nei 200 m farfalla individuali SM13.

Il nuotatore ipovedente ha dimostrato la sua supremazia quando ha vinto quattro titoli mondiali nel 2010. Il suo dominio a Londra 2012, i suoi primi Giochi Paralimpici, gli è valso cinque medaglie d’oro e una d’argento e ha battuto quattro record mondiali negli eventi S13 maschili. Dopo aver terminato Rio 2016 con il maggior numero di medaglie d’oro vinte da qualsiasi atleta in tutti gli sport, il bielorusso spera di essere di nuovo sul podio a Tokyo.

© Getty

Lisette Bruinsma (NED)

READ  Joe Roberts nega i dribbling sul podio della Moto2 con penalità - NBC Sports

Il nuotatore olandese sarà fiducioso in vista delle Paralimpiadi, avendo ottenuto una prestazione vincente nei 100 m stile libero S11 ai Campionati del Mondo di Berlino a giugno. La nuotatrice ipovedente ha vinto cinque medaglie a Rio 2016 al suo debutto paralimpico, battendo nuotatrici più famose come la neozelandese Marie Fischer e la tedesca Daniela Schulte. Aveva solo 15 anni e, con più esperienza, Bruinsma dovrebbe essere ancora più forte a Tokyo.

© Getty

Diego Lopez Diaz (Messico)

Il messicano è arrivato quinto nei 50 m dorso S5 a Rio 2016. Ora gareggiando nella S3, ha battuto il record mondiale nei 50 m farfalla con un tempo di 54.02 ai Campionati del mondo di Indianapolis 2019. Più tardi quell’anno a Londra 2019, ha vinto due ori nello stesso Oggi dai Campionati del Mondo per la prima volta, ha vinto i 50 m stile libero e 150 m misti individuali.

Il 26enne spera di tradurre la sua forma internazionale nella sua prima medaglia paralimpica a Tokyo 2020.

© Lima 2019