Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Senza età e resistente agli scandali: i gruppi tecnologici cinesi si affidano a influencer virtuali

Senza età e resistente agli scandali: i gruppi tecnologici cinesi si affidano a influencer virtuali

I famosi influencer cinesi Viya e Li Jiaqi – noti anche come “Lipstick King” Austin Li – attiravano milioni di acquirenti su piattaforme di e-commerce, ma i successivi scandali e sparizioni hanno messo in luce i pericoli del passaggio dal Partito Comunista Cinese.

Entra in idoli virtuali. Gli avatar generati dal computer sono considerati un’opzione più sicura dalle aziende poiché Pechino reprime le celebrità umane ritenute politicamente schiette o di discutibile moralità.

Nell’ultimo anno, i gruppi di investimento e tecnologici cinesi, tra cui Tencent e ByteDance, hanno investito centinaia di milioni di dollari in aziende che sviluppano influencer digitali. Secondo iiMedia Research, con sede a Guangzhou, l’industria cinese degli idoli virtuali dovrebbe aumentare di sette volte da 6,2 miliardi di renminbi (870 milioni di dollari) nel 2021 a 48 miliardi di renminbi nel 2025.

ByteDance quest’anno ha acquistato una quota del 20% in Hangzhou Li Weike Technology, la startup dietro la popolare personalità virtuale di Los Angeles. WK. Lo scorso novembre, Alibaba ha condotto un round di finanziamento di serie A da 20 milioni di dollari per DGene, uno sviluppatore di realtà virtuale con uffici a Shanghai e nella Silicon Valley. Un mese dopo, Tencent ha investito in Facegood, una società di sviluppo software con sede a Shenzhen focalizzata sull’animazione facciale 3D.

Xmov, una startup con sede a Shanghai che possiede più IP di influencer digitali e mira a costruire una “infrastruttura mondiale virtuale”, ha annunciato ad aprile di aver raccolto un totale di $ 130 milioni in round di finanziamento B e C da investitori tra cui Sequoia China e SoftBank.

Babol, fan di A-Soul, il gruppo di ragazze anime più famoso della Cina, lanciato da ByteDance insieme alla console di gioco Nuverse e alla società di gestione degli artisti YH Entertainment nel 2020. “Ogni volta che guardavo le trasmissioni in diretta, non riuscivo a trattenermi dal sorridere. “

READ  Varun Dhawan guida la versione hindi della serie Il castello dei fratelli Russo

Gli influencer virtuali hanno dimostrato la capacità di monetizzare le connessioni con i fan. Vox Akuma, uno YouTuber virtuale di proprietà dell’agenzia idol giapponese virtuale AnyColor, ha debuttato in Cina sul sito di streaming video Bilibili a maggio. Durante la sessione di trasmissione in diretta di 100 minuti, Vox Akuma ha ricevuto suggerimenti per un totale di 1,1 milioni di RMB da quasi 40.000 fan.

I guadagni sono ancora molto inferiori a quelli che guadagnavano gli influencer umani. Li e Viya hanno venduto un totale di 20 miliardi di RMB di merce durante le sessioni di trasmissione in diretta il primo giorno di prevendita che ha portato al festival dello shopping “Double 11” di Alibaba nel novembre dello scorso anno.

Tuttavia, i marchi di moda globali assumono sempre più idoli virtuali come ambasciatori in Cina mentre tagliano i legami con le celebrità costrette ad abbandonare la vita pubblica a causa degli scandali durante la repressione di Pechino sull’industria dell’intrattenimento del paese.

La società di gioielli danese Pandora ha concluso la sua collaborazione con l’attore cinese Zhang Zihan nell’agosto dello scorso anno, dopo che i media statali lo hanno denunciato per aver “danneggiato i sentimenti della nazione” scattando foto di fronte al Santuario Yasukuni di Tokyo, che onora controverso i 2,5 milioni di morti in Giappone . A marzo, Pandora ha pubblicato le foto di SAM, un idolo virtuale di proprietà della rivista di lifestyle Elle, che indossava braccialetti e collane a tema Marvel.

Bulgari ha invitato Ling, un influencer virtuale sviluppato da Xmov, sostenuto da SoftBank, a presentare una nuova serie di borse lo scorso novembre. La casa di lusso italiana ha rescisso il contratto con Chris Wu nel luglio dello scorso anno, dopo che la pop star sino-canadese era stata accusata di violenza sessuale.

I governi locali in Cina sperano di trarre vantaggio dall’industria emergente. Ad agosto, Pechino è diventata la prima città in Cina a lanciare un piano di sviluppo dedicato all'”industria umana digitale”, con l’obiettivo di trasformarlo in un settore da 50 miliardi di RMB e coltivare 10 aziende con un fatturato annuo superiore a 1 miliardo di RMB entro il 2025.

READ  Il musicista giapponese Ryuichi Sakamoto è morto all'età di 71 anni

“che essi [virtual idols] Non invecchiano, l’IP dura per sempre, non si ammalano e non si stancano. I personaggi di fantasia non sono a rischio di comportamenti personali oltraggiosi e probabilmente sarebbe meno costoso produrli, ha affermato Tom Nonlist, analista senior presso la società di consulenza Trivium China.

“La possibilità di controllare gli idoli virtuali può anche essere attraente per i funzionari cinesi, dal punto di vista della censura e della propaganda”, ha aggiunto Nonlist.

Ma l’industria non resiste agli scandali. Accuse di sfruttamento lavorativo sono emerse contro ByteDance dopo che un membro principale del gruppo di ragazze virtuali A-Soul è stato sospeso.

A maggio, A-Soul ha annunciato l’espulsione di un membro virtuale di nome Carol in una dichiarazione sui social media, sostenendo “motivi sanitari ed educativi”. I fan hanno cercato l’attrice dietro il personaggio e hanno trovato i suoi post personali sul suo blog, che credevano fossero prove di pagamenti insufficienti e bullismo sul posto di lavoro.

Le autorità del lavoro locali di Hangzhou hanno indagato sul caso e hanno affermato che non sono state trovate prove di salari sottopagati o lavoro forzato. Il gruppo ha anche negato le accuse in una risposta scritta al Financial Times.

Dopo la partenza di Carroll, Babol ha detto che non guarda più gli spettacoli dal vivo del gruppo. “Sentivo che mancava qualcosa”, ha detto.

Pechino sta osservando lo sviluppo del settore degli idoli virtuali, avvertendo della cultura delle celebrità e dei “fan” eccessivi.

Un commento sul People’s Daily, il quotidiano ufficiale del Partito Comunista Cinese, ha criticato gli ardenti fan dell’A-Soul per aver “offuscato il confine tra il mondo virtuale e la realtà”, facendo eco alle preoccupazioni di Pechino sulla sua cultura dei fan “caotica”.

READ  Il comico Niagara Green sta cucinando con il game show gastronomico 'Quizine'

Un think-tank di proprietà del quotidiano sostenuto dallo stato ha anche chiesto un esame del settore in un rapporto di ricerca pubblicato all’inizio di quest’anno.

“Rispetto alle tradizionali icone reali, gli idoli virtuali hanno vantaggi come una personalità più stabile e controllabile, ma dopotutto sono personaggi artistici creati da umani e corrono il rischio di corruzione”, afferma il rapporto.