Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Secondo l’ICMR, ha aspettato 6 settimane per sottoporsi a un intervento chirurgico dopo il Covid | Notizie sull’India

PUNE: Si è ripreso Malattia di coronavirus I chirurghi chiedono ai pazienti che scelgono interventi chirurgici non urgenti o elettivi di sottoporsi a frequenti test RT-PCR / antigene come parte dei loro protocolli preoperatori. Tuttavia, gli esperti dell’Indian Council of Medical Research (ICMR) E il Task Force nazionale Per Covid-19, ha consigliato di non ripetere i test Covid entro 102 giorni dal recupero, citando la presenza di “particelle virali morte non vitali” che rimangono nel corpo per un periodo di tempo.
Questi residui di virus non possono trasmettere la malattia ma possono causare un risultato del test falso positivo. Gli esperti hanno affermato che i chirurghi dovrebbero considerare di eseguire un intervento chirurgico non urgente su un paziente che si è ripreso da Covid solo dopo sei settimane di recupero per garantire un recupero e un recupero più rapidi dopo l’intervento. Attualmente, non è fino a 102 giorni dopo la diagnosi che è stata confermata una reinfestazione con il virus Covid. L’esperto di malattie infettive Sanjay Bujari, membro della task force, ha affermato che non è consigliabile ripetere il test entro questo lasso di tempo.

Inoltre, un periodo di almeno sei settimane prima di un intervento chirurgico non urgente è raccomandato per i pazienti che si sono ripresi da Covid Sintomatico. Per quanto riguarda le operazioni di emergenza in recupero o ricovero dei pazienti, queste devono essere eseguite immediatamente, con le dovute precauzioni. Tuttavia, ha aggiunto che se un paziente manifesta una recidiva dei sintomi di Covid, può ripetere il test e consultare un esperto di malattie infettive.
Gli esperti hanno affermato che la valutazione del rischio preoperatoria per un paziente che è guarito da Covid dovrebbe essere “individualizzata”, tenendo conto della gravità dell’intervento, delle comorbidità e del rapporto rischio-beneficio se la procedura è ritardata. Sintomi residui come affaticamento, mancanza di respiro e dolore toracico sono comuni nei pazienti che hanno avuto Covid. Questi sintomi possono persistere per più di 60 giorni dopo la diagnosi “, ha detto Bugari.

READ  La sonda Marte della NASA affronta un puzzle di campionamento

Covid può anche avere effetti a lungo termine sulla funzione cardiaca. Un’accurata valutazione preoperatoria, programmata molto prima dell’intervento chirurgico con particolare attenzione al sistema cardiaco e polmonare, dovrebbe essere presa in considerazione nei pazienti guariti e in particolare in quelli con sintomi residui, secondo le linee guida emesse dall’American Anesthesiology Association (ASA).
Il presidente della Poona Surgical Association, Sanjay Kulti, ha dichiarato: “Il riesame dei pazienti guariti entro 102 giorni dalla diagnosi di COVID aumenta l’ansia e lo spreco di denaro. Soprattutto, i chirurghi dovrebbero adottare precauzioni universali durante l’esecuzione di interventi chirurgici elettivi piuttosto che insistere su di esso. RTPCR Rapporti. ”
Tempi di attesa suggeriti
Quattro settimane per un paziente asintomatico o una persona guarita solo da lievi sintomi non respiratori
Sei settimane per un paziente che ha sviluppato sintomi (inclusi tosse e mancanza di respiro) che non ha richiesto il ricovero in ospedale
Da otto a 10 settimane per un paziente che presenta sintomi di diabete o immunodeficienza o è stato ricoverato in ospedale con Covid
Dodici settimane per un paziente ricoverato in terapia intensiva con virus Covid-19
Covid non è stato rianalizzato da 102 giorni
Le persone che sono guarite da Covid non hanno bisogno di prendere un altro medicinale RT-PCR Un test per verificare se è stata colpita di nuovo
Esiste la possibilità che il test del tampone dia un risultato positivo dopo aver rilevato i resti non vitali del virus, anche dopo che l’infezione è stata eliminata dal sistema, ha spiegato lo studio ICMR
I resti non vitali del virus sono particelle morte che non sono più in grado di infettare o trasmettere malattie
Ma se il risultato del test è positivo 102 giorni dopo il primo attacco Covid, può essere considerato un nuovo caso, a condizione che nel frattempo ci sia un test molecolare negativo, ha detto ICMR.

READ  La NASA vuole andare sempre più lontano per il quarto volo in elicottero su Marte