Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scioglimento e ridisegno: lo scioglimento del ghiaccio sposta il confine italo-svizzero

Zermatt: in cima alle Alpi innevate, il confine tra Svizzera e Italia si è spostato a causa dello scioglimento della neve, mettendo in discussione l’ubicazione di un rifugio di montagna italiano.

La linea di confine corre lungo il divario di drenaggio, il punto in cui l’acqua di disgelo scorre su entrambi i lati della montagna verso un paese o un altro.

Ma il ritiro del ghiacciaio del Theodul significa che lo spartiacque si è insinuato verso il Rifugio Guide del Cervino, un rifugio per i visitatori vicino ai 3.480 metri di vetta della Testa Grigia, e sta progressivamente spazzando sotto l’edificio.

Frederick, un turista di 59 anni, apre la stretta porta di legno per entrare nel ristorante del santuario, la luce che filtra dall’esterno.

Il menu è in italiano, non in tedesco, e il prezzo è in euro non in franchi svizzeri. Tuttavia, ha chiesto una fetta di torta al bancone e ha chiesto: “Allora, siamo in Svizzera o in Italia?”

È una domanda che vale la pena porsi perché è stata oggetto di trattative diplomatiche iniziate nel 2018 e terminate con un compromesso lo scorso anno, ma i dettagli restano riservati.

Dormire dalla parte svizzera

Quando nel 1984 fu costruito il bunker su uno sperone roccioso, il bunker con 40 posti letto e lunghi tavoli in legno era interamente in territorio italiano.

Ma ora due terzi delle locande, compresa la maggior parte dei letti e del ristorante, si trovano tecnicamente nel sud della Svizzera.

Questo problema è sorto perché la zona, che dipende dal turismo, è al vertice di uno dei più grandi comprensori sciistici del mondo, con un nuovo importante sviluppo che prevede la realizzazione di una stazione della funivia a pochi metri di distanza.

READ  Lo "storico" piano di ripresa dell'Italia è rivolto alle donne, ai giovani e al Mezzogiorno

Un accordo è stato raggiunto a Firenze nel novembre 2021, ma il risultato non sarà rivelato fino a quando non sarà suggellato dal governo svizzero, cosa che non avverrà prima del 2023.

“Abbiamo deciso di dividere la controversia”, ha detto all’AFP Alain Wecht, chief border officer presso l’agenzia nazionale svizzera di cartografia, Swissstubo.

Il suo lavoro include la cura di 7.000 segnali di confine lungo il confine senza sbocco sul mare di 1.935 chilometri della Svizzera con Austria, Francia, Germania, Italia e Liechtenstein.

La strega ha partecipato ai negoziati, in cui entrambe le parti hanno fatto concessioni per trovare una soluzione. “Anche se nessuna delle due parti è uscita con vincitori, almeno nessuno ha perso”, ha detto.